Subentro gas: costi e modalità

Affittare una nuova casa porta con sé tante emozioni belle, a volte contrastanti. Si è stanchi per il trasloco, ma anche entusiasti per il nuovo inizio, felici di poter iniziare quella che sembra una nuova vita. Se però le utenze di luce e gas sono state staccate, occorre procedere subito al subentro per non smorzare gli entusiasmi. Vediamo come fare il subentro gas metano e quanto costa.

Cos’è il subentro?

La prima cosa da fare è verificare la presenza del gas. È molto facile perché basta aprire la valvola centrale e provare ad accendere i fornelli. Se non esce nulla: il gas è stato chiuso. Altra possibilità è quella di trovare il sigillo al contatore: aprirlo risulta impossibile e quindi avrete la certezza di dover ricorrere al subentro. In alternativa, se il gas è ancora allacciato, occorre semplicemente fare una voltura, cioè il cambio dell’intestatario della fornitura. Il subentro, invece, significa sottoscrivere proprio un nuovo contratto di fornitura di gas metano.

Subentro gas metano: come richiederlo

Richiede il subentro è semplice. La parte più importante precede la firma del contratto, ovvero scegliere il fornitore di gas metano. Quando si è nuovi utenti, le offerte sono solitamente più vantaggiose. La cosa importante è individuare i propri consumi: il gas ci occorre solo per cucinare o anche per riscaldare acqua e ambienti? Il modo più sicuro per scegliere con criterio è comparare diverse tariffe e scegliere quella più adatta al proprio stile di vita. È importante anche decidere se si vuole aderire a un’offerta del mercato libero o della maggior tutela (non più attivo da luglio 2019).

Abbiamo scelto il gestore del gas? Abbiamo trovato l’offerta perfetta per noi? Ottimo! È il momento di preparare i dati per sottoscrivere il nuovo contratto.

Sarà proprio il gestore ad aiutarvi nell’impresa, e non abbiate paura a contattare il servizio clienti se qualcosa non vi è chiaro, ma in ogni caso vi serviranno:

  • Tutti i dati dell’intestatario, nome, cognome, data e luogo di nascita, codice fiscale.
  • L’indirizzo di residenza e l’indirizzo di fornitura, se diverso.
  • I tuoi recapiti telefonici e l’indirizzo email (specialmente se si richiede la bolletta elettronica).
  • Il codice PDR che trovi su una vecchia bolletta oppure la matricola che trovi sul contatore.

Quanto costa fare il subentro gas?

I prezzi possono variare da gestore a gestore. Il consiglio è chiedere al numero verde del servizio clienti il costo del subentro gas prima della firma del contratto. Le cifre vanno solitamente dai 40 ai 70 euro.

Quanto tempo passa dalla pratica di subentro alla riattivazione della luce?

L’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (ARERA) (ex AEEGSI) ha stabilito che devono intercorrere massimo di 12 giorni lavorativi. Se il fornitore dovesse tardare, è possibile ricevere un risarcimento.

Trovare l’offerta migliore

Che tipo di consumatore sei? Sai leggere le tue vecchie bollette del gas metano? Definito il tipo di servizio di cui necessiti, inserisci i dati all’interno del nostro comparatore e trova l’offerta migliore: è gratuito e senza impegno!

 

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione casa eventi atmosferici: come funziona? È utile?

Assicurazione casa eventi atmosferici: come funziona? È utile? L’assicurazione casa è una delle protezioni più importanti della nostra vita. Tra le varie opzioni, ce n’è una spesso snobbata da chi vuole acquistare una polizza per la propria abitazione. La polizza casa eventi atmosferici è invece un’importante aggiunta alla propria tutela domestica. Scopriamo insieme da cosa

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento danni assicurazione casa: qual è l’iter da seguire

Risarcimento danni assicurazione casa: qual è l’iter da seguire Hai stipulato un’assicurazione casa per il tuo immobile di proprietà o per l’appartamento che abiti ed è in affitto? Hai subìto un danno e vuoi richiedere il giusto risarcimento? Scopri qual è l’iter da seguire per chiedere il risarcimento danni assicurazione casa. Comunica subito con la

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione appartamento: come funziona?

Il tuo appartamento è il posto accogliente dove torni dopo una lunga giornata di lavoro, dove i tuoi figli crescono, imparano, giocano, dove riposi, ti senti protetto. È fondamentale, quindi, volerlo assicurare per essere certi che sia sempre al sicuro, e voi al suo interno. Come funziona l’assicurazione appartamento? Scopriamolo insieme. Assicurazione casa: cosa è? L’assicurazione

CONTINUA A LEGGERE

Rendita vitalizia: cos’è? Come funziona?

La rendita vitalizia può essere un modo per rimpinguare la pensione. Molti italiani, già da anni, scelgono la rendita vitalizia come forma di pensione complementare. È un modo infatti per mettere da parte del denaro, farlo fruttare e ottenerlo indietro allo scadere del contratto. Come funziona? Rendita vitalizia: cos’è Per rendita si intende un contratto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE

Auto rubata e ritrovata: l’assicurazione paga lo stesso?

Auto rubata e ritrovata: l’assicurazione paga lo stesso? Un numero in calo ma sempre consistente. In Italia sono state 103.030 le automobili rubate nel 2017. I ritrovamenti (in calo dell’11,57% rispetto all’anno precedente) sono stati in tutto 49.801. Se ne ricava che più di una vettura ogni due non torna in possesso del legittimo proprietario.

CONTINUA A LEGGERE