Reclamo bolletta luce: come funziona?

Prima o poi, purtroppo, capita a tutti di ricevere una bolletta della luce salata, troppo salata. Dopo aver capito che qualcosa non va, è possibile dover effettuare un reclamo al nostro gestore di energia elettrica. Ma come?

Reclamo bolletta luce: cosa fare

Quando si riceve una bolletta stranamente alta, la prima cosa da fare è contattare direttamente il nostro gestore dell’energia elettrica tramite numero verde. L’assistenza clienti ci aiuterà a leggere la bolletta e a capire cosa non va. Non è raro, infatti, che alcuni importi eccessivamente salati siano causati da conguagli non previsti o da consumi calcolati in modo errato o incompleto. Solo nel caso in cui in effetti ci sia qualcosa che non va, è possibile proseguire con la contestazione. Se malauguratamente vi accorgete che la bolletta è corretta, ricordate che quasi tutti i gestori offrono la possibilità di rateizzare e dilazionare i pagamenti.

L’iter della contestazione

Se si decide di proseguire con la contestazione, è necessario inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno o un’email tramite PEC al proprio gestore. All’interno dovremo indicare tutti i dati dell’utenza e dell’intestatario della fornitura, nonché il reclamo vero e proprio: cosa stiamo contestando nel dettaglio e la modifica che si richiede. Redigere questa raccomandata è semplice, a patto di scrivere in modo chiaro e puntuale. È comunque possibile chiedere aiuto alle associazioni dei consumatori o al proprio avvocato.

Entro 40 giorni, il gestore è tenuto a rispondere alla vostra contestazione. Ricordiamo che la raccomandata e l’email di posta certificata sono comunicazioni con valore legale e i tempi stabiliti per legge devono essere rispettati. Nel caso in cui il gestore riconosca l’errore, sarà tenuto a rimborsare l’intero importo che vi spetta. In quel caso, siete fortunati. La vostra contestazione è stata rapida e indolore! Controllate di ricevere il rimborso nei tempi previsti (90 giorni), passati i quali vi spettano ulteriori indennizzi per il ritardo.

Nel caso in cui, invece, il gestore dovesse  avere ragione e non avere nulla da rimborsarvi, bisogna ricorrere all’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (ARERA, prima conosciuta come AEEGSI, Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico) e alla conciliazione.

È il momento di cambiare

Di solito è proprio in seguito a una contestazione, anche quando conclusa positivamente, che il consumatore decide di cambiare gestore. È il momento migliore per farlo perché è proprio quando si vuole cambiare che si trovano le tariffe più vantaggiose: i fornitori sono felici di poter acquisire un nuovo cliente. Per scoprire le offerte più convenienti, basta inserire i dati di consumo nel nostro comparatore per ricevere i migliori preventivi sul mercato. Quale è quello che fa per te?

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE