Mercato libero e maggior tutela: cosa cambia?

Chiunque abbia avuto a che fare con volture, subentri o allacci di nuove utenze luce e gas, sa bene che esiste una grande scelta da fare: mercato libero o maggior tutela?

La liberalizzazione del mercato dell’energia

In Italia il processo di liberalizzazione del mercato dell’energia è iniziato grazie al decreto Bersani del 1999. Nel 2007 il processo si è compiuto: il mercato è libero e i fornitori possono entrare liberamente, favorendo la concorrenza e generando così offerte migliori a vantaggio dei consumatori.

Mercato libero

Il mercato libero è quindi il prodotto della liberalizzazione iniziata negli anni Duemila. Esiste tra tutti i fornitori di energia un regime di concorrenza. A difesa del consumatore, ci sono comunque degli obblighi e tutele stabiliti dall’AEEGSI (l’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico). La pluralità di offerta consente al consumatore finale libertà di scelta e tariffe più vantaggiose.

Maggior tutela

Il servizio di maggior tutela invece ha condizioni economiche e contrattuali controllate direttamente dall’AEEGSI. L’Autorità infatti regola la distribuzione e il trasporto dell’energia come per il mercato libero, ma anche il prezzo di compravendita dell’energia, basandosi di solito sugli andamenti dei prezzi del petrolio, dell’elettricità e del gas metano.

Cosa conviene?

Ovviamente dipende. Nel caso del mercato libero, le offerte possono essere notevolmente vantaggiose. È però importante assicurarsi che non ci siano costi accessori (anche se l’AEEGSI è tenuta a tutelare sempre il consumatore finale) e chiedere quindi tutti i dettagli prima della firma del contratto. In ogni momento è comunque possibile passare dal mercato libero alla maggior tutela e viceversa. Ricordiamoci, inoltre, che di solito le tariffe più convenienti sono quelle di ingresso. Un nuovo consumatore si troverà a ricevere offerte più vantaggiose, perché l’interesse dei fornitori è ovviamente quello di acquisire nuovi clienti. È per questo che è sempre buona regola controllare il mercato attuale e verificarne i prezzi. Come? Basta inserire il proprio profilo consumatore e confrontare gratuitamente e senza impegno le migliori offerte dei fornitori.mercato libero e maggior tutela: cosa cambia?

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE