assistenza@quale.it
  06 9480 8090
  339 995 7510
  facebook messenger

Come scegliere la tariffa migliore per il telefono di casa

Scegliere la tariffa perfetta per il telefono fisso di casa non è un’impresa semplice! Ormai sempre più spesso gli italiani utilizzano il cellulare, e le offerte per la telefonia fissa possono disorientare. È comunque possibile trovare una soluzione vantaggiosa per mantenere la linea fissa. Vediamo di seguito come fare!

Telefono fisso o telefono + ADSL?

La prima considerazione da fare è: ci occorre solamente la linea fissa o, al telefono di casa, vogliamo abbinare anche una linea internet ADSL? Le compagnie telefoniche hanno spesso offerte molto ghiotte che combinano internet e voce. La scelta può complicarsi (che tipo di ADSL? Fibra ottica? A consumo o forfettario?) ma il consiglio è sempre quello di fare un unico contratto, quando possibile.

Considerare le offerte, ma attenzione ai termini di contratto

I fornitori di telefonia hanno spesso opzioni molto convenienti per i nuovi clienti. Cambiare gestore consente infatti un notevole risparmio in bolletta per i primi 6, 12 o 24 mesi dalla stipula del contratto. Controllate bene le clausole del contratto e parlate con un operatore se non siete convinti. Alcune promozioni, infatti, sono molto appetitose agli inizi ma rischiano di risultare un salasso dopo un anno o due.

Canone Telecom e costo di terminazione

Nel 2016, con il passaggio da Telecom a Tim, abbiamo detto addio al canone Telecom. Attenzione però alla zona abitativa. Non tutto il territorio italiano è coperto dagli stessi operatori telefonici e spesso alcuni sono costretti ad appoggiarsi alle infrastrutture di Tim per poter offrire i propri servizi. Risultato? Risparmierete sulla bolletta del telefono solo in parte, avendo comunque un rincaro di circa 5 euro al mese come costo di terminazione.

Scatto alla risposta? Forfettario? Cellulari o fissi?

Un ultimo aspetto fondamentale da considerare quando si sceglie una nuova offerta telefonica è quello delle proprie abitudini di consumo. Facciamo poche telefonate ma lunghe? O tante e brevi? Da questo possiamo dedurre se il costo dello scatto alla risposta risulti proibitivo. Se telefoniamo a lungo, possiamo optare per una tariffa forfettaria. Attenti anche a cellulari o fissi. Molte promozioni base comprendono l’opzione illimitata per i numeri fissi ma non per i cellulari.

È il momento di cambiare operatore? Le offerte per i nuovi clienti sono sempre le più convenienti sul mercato, ed è quindi spesso consigliabile cambiare fornitore. Consulta le offerte di telefonia fissa e trova quella più adatta per te!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione 15 giorni dopo la scadenza: quali danni copre?

Assicurazione 15 giorni dopo la scadenza: quali danni copre? L’abolizione del tacito rinnovo ha cambiato notevolmente le abitudini degli italiani sul tema dell’assicurazione auto. Dal gennaio 2013 è infatti venuta meno la clausola, prevista da molte compagnie assicurative, del rinnovo automatico delle polizze in assenza di disdetta. Volta a favorire chi è intenzionato a cambiare

CONTINUA A LEGGERE

IPT auto: cos’è e quanto costa

IPT auto: cos’è e quanto costa Tra le tante tasse che colpiscono la nostra auto ce n’è una particolarmente “fastidiosa”: l’IPT. L’imposta provinciale di trascrizione grava su tutti i veicoli italiani. Deve essere versata sia quando si acquista un’auto nuova che quando se ne acquista una usata e va direttamente nelle casse delle Province. L’imposta

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione scolastica: cos’è e come funziona

Assicurazione scolastica: cos’è e come funziona Tra i banchi di scuola i nostri figli trascorrono mediamente 200 giorni all’anno. La prerogativa di ogni genitore è quella di poter stare tranquillo durante le ore che scandiscono le lezioni. A salvaguardare la sicurezza degli studenti durante l’attività didattica ci pensa l’assicurazione scolastica. Questa polizza è obbligatoria per

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo Il bollo auto è una tassa che ogni possessore di auto iscritta al PRA (Pubblico registro Automobilistico) è tenuto a pagare annualmente. In passato era definito “tassa di circolazione”, in quanto dal suo versamento erano esentati i proprietari di veicoli che non circolavano su strada. L’entrata in vigore dall’articolo

CONTINUA A LEGGERE

Il noleggio a lungo termine

Il noleggio a lungo termine Utilizzare l’automobile solo quando serve davvero e pagarla a consumo. Se il car sharing, pratica introdotta in Italia da pochi anni e diventata subito prassi, ha aperto una strada, il noleggio a lungo termine appare pronto a solcarla. Di cosa si tratta? Nato come servizio per le aziende, che se

CONTINUA A LEGGERE

Eccesso di velocità: quali effetti sulla assicurazione auto?

Eccesso di velocità: quali effetti sulla assicurazione auto? Sei appena stato multato per eccesso di velocità e vuoi sapere se ci saranno ripercussioni anche sul premio della tua assicurazione auto? Allora questo è il posto giusto per te! Come saprai, il codice stradale italiano non prevede un unico limite di sicurezza su strada. A determinarlo

CONTINUA A LEGGERE