Bolletta a 28 giorni: cosa cambia?

Bolletta a 28 giorni: cosa cambia?

Se ne è parlato in lungo e in largo e a ragione. Tutti noi abbiamo visto un cambio sostanziale nella fatturazione delle utenze telefoniche: non più bimestrali ma ogni 28 giorni. Cosa è cambiato? Cosa cambierà?

Cosa è successo

Nel 2017 gli operatori di telefonia hanno iniziato a modificare la periodicità delle bollette, dall’invio mensile a quello ogni 28 giorni (4 settimane). Facendo un rapido calcolo (i giorni dell’anno –  365 – diviso i giorni della fatturazione – 28 -) si evince che con questo sistema i consumatori finiscono per pagare 13 mensilità e non 12, con un aggravio delle tariffe dell’8,6%. Non da poco!

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom) è intervenuta durante l’arco del 2017 per regolamentare la situazione. A marzo 2017 ha stabilito che gli operatori di telefonia fissa avrebbero dovuto adottare nuovamente la fatturazione mensile e a dicembre 2017 ha deliberato la sanzione per la mancata osservanza. Questo provvedimento ha coinvolto anche i canoni internet e gli abbonamenti alle pay-tv.

Bollette a 28 giorni: cosa succederà

 

A partire dal 5 aprile 2018, quindi a breve, le compagnie telefoniche avranno 120 giorni di tempo per adeguarsi all’obbligo di legge: tornare alla fatturazione mensile e abbandonare quella settimanale. In caso di violazione della norma, saranno tenute a corrispondere un indennizzo di 50 euro per ogni consumatore.

Purtroppo, però, cambia tutto per non cambiare nulla. Le compagnie telefoniche sono sì tenute per legge a tornare alla fatturazione mensile (e alcune sono già rientrate nei parametri previsti dalla legge), ma la sostanza probabilmente rimarrà invariata. Molte compagnie infatti stanno confermando l’aumento dell’8,6% anche sulla fatturazione mensile. Quindi: che si trattasse di 13 bollette o di 12 bollette, la somma annuale non cambia. Anzi, paradossalmente, andremo a pagare 12 bollette leggermente più care!

Cosa fare?

Prima di tutto, prestare molta attenzione nei mesi di aprile e maggio alle fatturazioni della propria compagnia telefonica. Se vediamo qualcosa che non ci convince, chiediamo spiegazioni. Se in dubbio, potremo sempre richiedere l’assistenza a un’associazione a tutela dei consumatori. In ultima analisi, questo è il momento migliore per cambiare operatore e indirizzare la nostra scelta verso un’offerta più chiara e trasparente, oltre che conveniente. Analizziamo bene i nostri parametri di consumo e verifichiamo le tariffe migliori sul nostro comparatore gratuito.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Incidente con concorso di colpa: chi paga?

L’incidente con concorso di colpa è uno dei casi più comune di sinistro stradale. Si tratta della circostanza in cui non si rintraccia un solo responsabile e i colpevoli sono entrambi i guidatori dei veicoli coinvolti. Una volta capito cosa fare in caso di incidente, giunge il momento di muoversi con la assicurazione auto. Vediamo

CONTINUA A LEGGERE

Carta di circolazione moto: cos’è, come leggerla

“Favorisca patente e libretto”. Quante volte ci è capitato di imbatterci in una frase del genere? Se siete stati guidatori fortunati l’avrete ascoltata magari soltanto in tv, ma se circolate su strada da tanto è inevitabile non essere stati almeno una volta i destinatari della richiesta. I documenti richiesti dalle Forze dell’Ordine nei controlli di

CONTINUA A LEGGERE

Auto per disabili: agevolazioni acquisto, assicurazione e bollo

In Italia ci sono oltre 4,5 milioni di disabili. 160.000 sono invece le patenti B speciali attive, ovvero quelle riservate alle persone affette da handicap e che permettono di guidare auto per disabili. Lo Stato e le singole regioni prevedono diversi aiuti per il loro acquisto. Scopriamo insieme di quali si tratta e come accedervi.

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche

CONTINUA A LEGGERE

Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

La rivalsa è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il

CONTINUA A LEGGERE

Come proteggere gli animali dai botti

Come proteggere gli animali dai botti I botti, i petardi e i fuochi d’artificio sono frequentissimi durante le feste, specialmente a Capodanno, dove purtroppo fanno danni anche tra le persone. Ogni anno seguiamo il bollettino in tv: ragazzi che perdono dita o perfino interi arti, per il divertimento di una sera. Quello a cui pochi

CONTINUA A LEGGERE

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE