Qual è il miglior fornitore gas per il 2019? Abolizione Servizio Maggior Tutela e novità

Il countdown per la liberalizzazione del mercato è ormai iniziato e nel 2019 è il momento di cambiare operatore, se ci troviamo ancora nella Maggior Tutela, per non farci trovare impreparati alla data fatidica, slittata ancora una volta, del primo luglio 2020. Qual è il miglior fornitore gas per il 2019?

Abolizione Servizio Maggior Tutela

In Italia il processo di liberalizzazione del mercato dell’energia è iniziato grazie al decreto Bersani del 1999. Nel 2007 il processo si è compiuto: il mercato è libero e i fornitori possono entrare liberamente, favorendo la concorrenza e generando così offerte migliori a vantaggio dei consumatori. Il processo non è però realmente finito. Il fine ultimo di questo procedimento è quello di liberalizzare del tutto il mercato, abolendo la cosiddetta “Maggior Tutela”.

Nel mercato libero vige un regime di libera concorrenza tra gli operatori. Le numerose offerte diventano concorrenziali e ciò consente al cliente finale di scegliere in libertà la tariffa più conveniente e anche più adatta. L’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, Ex Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico, cioè l’AEEGSI) effettua comunque i controlli affinché il consumatore sia sempre tutelato. Il servizio di Maggior Tutela, invece, ha condizioni contrattuali controllate direttamente dall’ARERA, che regola cioè la distribuzione e il trasporto dell’energia come per il mercato libero, ma anche il prezzo di compravendita dell’energia, basandosi di solito sugli andamenti dei prezzi del petrolio, dell’elettricità e del gas metano.

La data slitta dal 2019 al 1° luglio 2020

Il conto alla rovescia è iniziato, ma è più lungo. Il mercato tutelato sarebbe dovuto cessare il 1° luglio 2019 rendendo così il sistema energetico italiano totalmente nel libero mercato. Quest’estate è passato però un emendamento che rinvia al 1° luglio 2020 la fine dei prezzi di maggior tutela, non solo per il gas, ma anche per l’energia elettrica.

Da questa data le tariffe elettriche e di gas saranno abolite e i clienti che hanno questo tipo di utenza dovranno cambiare fornitore per abbracciare il mercato libero.

A differenza della maggior tutela, il mercato libero ha un alto tasso di concorrenza e, in teoria, questo va a favore del consumatore, che può usufruire di prezzi molto competitivi.

Qual è il miglior fornitore gas per il 2019?

La risposta assoluta non esiste. Bisogna considerare quella più adatta alle nostre esigenze. Il gas, insieme all’energia elettrica, è un’utenza fondamentale: ci permette di avere acqua calda, di cucinare e perfino di riscaldarci. Saper confrontare le tariffe gas in maniera consapevole ci consente di risparmiare notevolmente sulla bolletta e quindi sul bilancio familiare.

Cosa determina il prezzo di una tariffa gas

Ogni gestore ha una sua offerta specifica. I parametri da tenere in considerazione sono però principalmente tre.

  • I costi variabili di consumo
  • I servizi di rete (costi fissi)
  • Le imposte e l’IVA

Fai una simulazione e metti a confronto le offerte in base alle tue reali esigenze

Per trovare il miglior fornitore gas 2019, la cosa più semplice è confrontare le migliori tariffe sul mercato inserendo le nostre abitudini e i nostri consumi. Cosa dovremo indicare al momento della richiesta di preventivo? Solo alcuni dati per identificare puntualmente la nostra fornitura.

  • Il proprio CAP, il proprio comune o la propria provincia
  • Numero di residenti in casa
  • Superficie in metri quadrati dell’abitazione
  • Tipo di utenza (se domestica o aziendale)
  • Se l’utenza è per residenti o non residenti

Leggere la bolletta vuol dire risparmiare da subito!

Oltre a conoscere tutti i parametri che ti consentono di identificare la tua tariffa ideale, è buona pratica saper leggere attentamente la propria bolletta. Con il passare del tempo infatti, alcune tariffe possono perdere i vantaggi iniziali e non sono più competitive come al momento della stipula. È fondamentale quindi imparare a studiare la propria bolletta, per capire cosa si sta realmente pagando e su cosa è possibile risparmiare, magari cambiando operatore.

Il prossimo passo? Confrontare le migliori offerte sul mercato inserendo il proprio profilo di consumo: è semplicissimo. Una volta ottenuti i risultati dal comparatore, scegli la tariffa migliore per te. Ricorda che grazie al nostro strumento puoi salvare i preventivi fino a 60 giorni e tornare a consultarli con calma!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento in forma specifica RC Auto: quando si applica?

Il risarcimento in forma specifica è una particolare clausola contrattuale che si applica anche alle assicurazioni RC Auto. Questo tipo di clausola è facoltativa e non obbligatoria: garantisce sconti a chi decide di inserirla, ma vincola il contraente a rispettare alcuni paletti. Vediamo cosa si intende per risarcimento in forma specifica RCA e cosa cambia

CONTINUA A LEGGERE

Incidente con revisione scaduta: cosa si rischia con l’assicurazione

Circolare con la revisione scaduta è un azzardo che può costare molto caro. Dimenticanza per molti, preoccupante abitudine per altri, questa condotta vale per tutti la stessa sanzione. Con revisione scaduta cosa succede? Ma soprattutto, cosa accade se si incappa in un incidente senza aver sostenuto il controllo periodico? Revisione auto scaduta: art.80 Codice della

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE