Guida alla casa connessa

Un anno fa l’Osservatorio Internet of Things della School of Management del Politecnico di Milano faceva uscire la ricerca Smart Home. Il giro di affari nel 2016 era di 185 milioni e destinato a crescere. La maggior parte delle soluzioni Smart Home in Italia riguarda la sicurezza e la gestione energetica della casa e ora, alle soglie del 2018, possiamo confermare queste previsioni. Cos’è una smart home e quali sono i suoi vantaggi?

Cosa vuol dire “casa connessa”?

Casa connessa o smart home sono due termini che indicano un insieme di oggetti domestici connessi alla Rete. Alcuni esempi, molto importanti per il risparmio energetico ed economico, sono quei dispositivi che controllano da remoto gli elettrodomestici, i sistemi di riscaldamento o i consumi dei dispositivi elettrici. Altri ancora sono i prodotti dedicati alla sicurezza, come sensori di movimento, videocamere di sorveglianza, videocitofoni e serrature. Affidarsi a questo tipo di soluzioni, lo ricordiamo, è anche molto utile nel caso si decida di assicurare la propria casa, perché permette di pagare di meno. La propria abitazione viene considerata cioè più sicura e il premio è ridotto rispetto al preventivo per una casa esposta.

Quali sono i vantaggi di una casa connessa?

Il primo e più evidente è il risparmio in bolletta. Attrezzare la propria abitazione con la domotica connessa in rete ci garantisce di regolare al meglio i consumi di energia elettrica e di gas. Il riscaldamento intelligente, per esempio, ci permette di sfruttare il calore solo quando ci è comodo, evitando inutili sprechi. Il termostato intelligente, infatti, attiva il riscaldamento prima del nostro rientro a casa e alla temperatura minima necessaria, evitando il grande errore di chi rientra in una casa gelida: alzare il termostato al massimo. L’unica cosa che si alzerà in fretta, in quel caso, sarà la vostra bolletta, non certo la temperatura di casa.

È sicura

Uno dei grandi dubbi di chi si avvicina al mondo dell’internet of things è: questa tecnologia è sicura? La risposta è sì, e le aziende continueranno a investire dando la priorità alla privacy e alla sicurezza dei propri consumatori.

Già nel 2017, sempre nella ricerca Smart Home, si parlava della sicurezza applicata all’internet delle cose. Giulio Salvadori, Ricercatore dell’Osservatorio Internet of Things, così diceva: “Le applicazioni Smart Home consentono di raccogliere moltissimi dati sul funzionamento dei dispositivi connessi e sul comportamento delle persone nell’abitazione: questo sarà uno degli aspetti cruciali per lo sviluppo del mercato, anche se le strategie per la valorizzazione dei dati sono ancora poco definite dalle aziende. Ed è fondamentale prestare molta attenzione alla tutela della privacy e della sicurezza, perché i consumatori sono tendenzialmente restii a condividere i propri dati, a meno di ricevere in cambio vantaggi concreti”.

È facile

Un altro dubbio frequente riguarda la sua facilità d’uso. I moderni sistemi di casa connessa sono estremamente facili da usare. Una volta connessi alla rete, monitorare da remoto un elettrodomestico è un gioco da ragazzi.

Non è costosa

Aggiornare la propria abitazione in maniera intelligente non costa tanto quanto si pensi. Acquistare un sistema domotico, dopo anni di ricerca e innovazione, non ha un costo esorbitante. Inoltre, a fronte di un piccolo investimento iniziale, il risparmio sulla bolletta sarà notevole. Insomma, una buona scelta destinata a durare negli anni! Un sistema completo, che includa quindi controllo del clima (caldo/freddo), controllo delle tapparelle, illuminazione, porte e finestre, ed elettrodomestici può costare dai 3.000 ai 10.000 euro.

Risparmi sulla bolletta e risparmio ambientale

Il minor consumo energetico non è solo un risparmio sulle bollette di luce e gas, ma è anche un notevole gesto di amore verso l’ambiente. Il consumo intelligente, infatti, ti consente di risparmiare sensibilmente ma anche, di conseguenza, di rispettare l’ambiente, evitando gli sprechi.

Utile per grandi e piccini

Una casa connessa è perfetta per ogni membro della famiglia, specialmente per i bambini più piccoli e per gli anziani. Monitorare da remoto ogni elettrodomestico, accendere o spegnere il riscaldamento ed eventuali apparecchiature di videosorveglianza o, ancora, controllare le tapparelle delle stanze a distanza è fondamentale per chi deve prendersi cura di qualcuno.

È inclusiva

Il primo grande problema che risolve la domotica è quello di essere di aiuto alle persone che abitano la casa, di facilitare loro la vita. Per questo la domotica assistenziale semplifica la quotidianità non solo degli anziani ma anche delle persone con disabilità motorie o cognitive, aiutandoli nelle attività di tutti i giorni, in sicurezza.

La casa è sempre con te

Infine, avrai sempre la casa in tasca! Niente più paura dei ladri quando si è fuori in vacanza o timore di non essere tempestivi in caso di principio di incendio. Grazie al tuo smartphone e all’app del sistema integrato, potrai gestire e comandare tutti i dispositivi connessi nella tua abitazione. Puoi per esempio attivare il riscaldamento prima del tuo rientro. Oppure gestire piccole e grandi emergenze, come un allagamento mentre sei fuori. Non ultimo, una casa intelligente è fondamentale anche in situazioni più serie, come le fughe di gas.

Sei in dubbio sul tipo di offerta da attivare per risparmiare su luce o gas per la tua casa connessa? Pensi di voler cambiare fornitore? Di solito le tariffe per chi subentra sono più vantaggiose rispetto ai vecchi clienti. Utilizza il nostro comparatore gratuito per scoprire l’offerta più adatta alle tue abitudini di consumo.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento in forma specifica RC Auto: quando si applica?

Il risarcimento in forma specifica è una particolare clausola contrattuale che si applica anche alle assicurazioni RC Auto. Questo tipo di clausola è facoltativa e non obbligatoria: garantisce sconti a chi decide di inserirla, ma vincola il contraente a rispettare alcuni paletti. Vediamo cosa si intende per risarcimento in forma specifica RCA e cosa cambia

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE