Ecobonus 2019 e bonus ristrutturazioni: come approfittarne

Con la Legge di Bilancio 2019, ci sono stati molti tagli ma il bonus ristrutturazioni e l’Ecobonus sono rimasti. Scopriamo insieme cosa sono, come è possibile usufruirne e in quali tempi.

Legge di Bilancio: cos’è

La Legge di Bilancio contiene la manovra triennale di finanza pubblica. È previsto dall’articolo 81 della Costituzione e determina le entrate e le spese dell’anno a venire, nonché le coperture finanziarie per sostenere queste spese.

Bonus ristrutturazioni 2019

A differenza di altre agevolazioni, il bonus ristrutturazioni è stato prorogato. Ciò vuol dire che è possibile godere della detrazione fiscale Irpef del 50% fino al 31 dicembre 2019.

La detrazione fiscale si applica alle spese che il contribuente ha sostenuto per interventi di manutenzione, restauro e messa in sicurezza del proprio immobile. Tali spese devono essere state saldate con bonifico bancario (mezzo sicuro e tracciato), ma non devono superare il limite di 96.000 euro per ciascun immobile.

Bonus ristrutturazioni 2019: come richiederlo

La richiesta del bonus ristrutturazioni per il 2019 si fa in sede di dichiarazione dei redditi (modello Unico o modello 730). Vanno inseriti i dati catastali dell’immobile (o degli immobili) soggetto delle ristrutturazioni e gli estremi di registrazione dell’atto che ne costituisce titolo.

A questo si aggiungono le comunicazioni:

    • all’Azienda Sanitaria Locale
    • all’Enea

Comunicazione alla Asl

Deve essere inviata all’Azienda sanitaria locale competente per territorio una comunicazione (con raccomandata A.R.) che includa:

  • generalità del committente dei lavori e ubicazione degli stessi;
  • natura dell’intervento da realizzare  dati identificativi dell’impresa esecutrice dei lavori con esplicita assunzione di responsabilità, da parte della medesima, in ordine al rispetto degli obblighi posti dalla vigente normativa in materia di sicurezza sul lavoro e contribuzione;
  • data di inizio dell’intervento di recupero.

Comunicazione all’Enea

L’obbligo di comunicare all’Enea le informazioni sui lavori effettuati è stato introdotto per poter monitorare lo stato di risparmio energetico conseguito con gli interventi stessi.

La detrazione Irpef sarà ripartita in 10 quote annuali di pari importo.

Ecobonus 2019

Anche l’Ecobonus rientra tra le agevolazioni “salvate” dalla Legge di Bilancio 2019. Si tratta di una detrazione Irpef (per i contribuenti privati) e Ires (per le società) sulle spese sostenute per gli interventi di risparmio ed efficientamento energetico. Essendo una proroga, ricalca le modalità dell’Ecobonus 2018.

Quali sono le spese detraibili?

Per l’Ecobonus 2019 sono detraibili, come l’anno scorso,tutte le spese sostenute per ridurre la spesa energetica. Alcuni esempi?

  • Miglioramento della termoregolazione di un appartamento
  • Installazione di finestre e infissi a regola d’arte e di caldaie a condensazione
  • Installazione di pannelli solari.

Come per il bonus ristrutturazioni, anche la detrazione dell’Ecobonus avverrà in 10 rate annuali di pari importo.

I limiti di spesa sono i seguenti:

  • 100mila euro per gli interventi di riqualificazione energetica
  • 60mila euro per gli interventi sull’involucro dell’edificio
  • 30mila euro per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale, installazione di impianti dotati di caldaie a condensazione, pompe di calore ad alta efficienza
  • 60mila per l’installazione di pannelli solari

Ecobonus 2019 per caldaie e infissi

Gli incentivi nel settore dell’installazione di infissi e caldaie non subiscono variazioni. Nel caso di installazione di finestre e infissi, la detrazione è fissata al 50%. Nel caso invece di sistemi di termoregolazione per le caldaie e caldaie a condensazione, arriva fino al 65%.

Pannelli solari e detrazioni fiscali

Anche l’installazione di pannelli solari beneficia di una forte detrazione fiscale, fissata al 50%.

Ecobonus 2019: Giardini e cortili condominiali

Un’altra importante novità è rappresentata dall’introduzione dell’incentivo condominiale per gli spazi comuni. Le spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021 per interventi di riqualificazione energetica di parti comuni dei condomini possono essere detratte fino al 70%. Non male, no?

Per maggiori informazioni, è bene consultare direttamente il sito dell’Agenzia delle Entrate che fornisce tutte le informazioni puntuali sui criteri di eleggibilità di tali detrazioni e le modalità di richiesta. È stata redatta anche una guida online gratuita, disponibile a questo link.

Approfittare dell’Ecobonus 2018 è un ottimo modo per ragionare sul risparmio energetico: come possiamo consumare meno? Come possiamo risparmiare? Cambiare fornitore luce o gas può essere una soluzione!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento in forma specifica RC Auto: quando si applica?

Il risarcimento in forma specifica è una particolare clausola contrattuale che si applica anche alle assicurazioni RC Auto. Questo tipo di clausola è facoltativa e non obbligatoria: garantisce sconti a chi decide di inserirla, ma vincola il contraente a rispettare alcuni paletti. Vediamo cosa si intende per risarcimento in forma specifica RCA e cosa cambia

CONTINUA A LEGGERE

Incidente con revisione scaduta: cosa si rischia con l’assicurazione

Circolare con la revisione scaduta è un azzardo che può costare molto caro. Dimenticanza per molti, preoccupante abitudine per altri, questa condotta vale per tutti la stessa sanzione. Con revisione scaduta cosa succede? Ma soprattutto, cosa accade se si incappa in un incidente senza aver sostenuto il controllo periodico? Revisione auto scaduta: art.80 Codice della

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE