Come leggere la bolletta del gas

Seconde per complessità solo alla calligrafia dei medici sulle prescrizioni, le bollette possono essere un vero rompicapo. Eppure saperle leggere correttamente è il primo strumento che abbiamo per capire quanto stiamo consumando e dove possiamo risparmiare. Scopriamo insieme quali sono le parti che compongono la bolletta del gas!

Leggere la bolletta del gas: la struttura

In Italia ci sono diversi fornitori di gas, ognuno con con un’offerta specifica, ma la struttura delle bollette dev’essere sempre la stessa. Dal 2016, infatti, l’Autorità per l’Energia e il Gas ha avviato un processo di semplificazione della bolletta che prevede una struttura identica a tutti i fornitori.

L’obiettivo della bolletta infatti è quello di riepilogare i consumi ma anche rendere chiari tutti i costi fissi e di gestione. Se quindi graficamente le bollette possono variare, la struttura rimane sensibilmente sempre la stessa. Vediamola insieme.

Intestazione: i dati

La prima pagina è quella dedicata ai dati personali e della fornitura. Di solito presente nella parte alta della bolletta, comprendono:

  • l’indirizzo di fornitura, cioè l’indirizzo dell’abitazione dove arriva il gas
  • la tipologia di cliente, nel caso di un’abitazione è a uso domestico
  • la matricola del contatore, utile nel caso di interventi tecnici
  • il numero cliente e il codice PDR, da comunicare al servizio clienti per qualsiasi tipo di segnalazione

Pagina di sintesi

Sempre nella prima pagina troviamo la parte più importante, ovvero la sintesi dei consumi e dei costi. È qui che il consumatore deve capire facilmente quanto deve pagare e per cosa. In questa sezione troviamo:

  • Il tipo di fornitura, nel nostro caso si tratta di gas naturale
  • Il numero della fattura, da tenere sempre presente per segnalazioni, reclami o chiarimenti
  • Il periodo di riferimento, cioè il mese o il bimestre a cui si riferisce la fattura
  • Il tipo di fattura, se ordinaria o di conguaglio
  • La data di scadenza del pagamento

In ultimo, e bene in evidenza, è segnato il totale da pagare.

Gli importi fatturati possono essere descritti anche tramite un grafico. Gli importi hanno generalmente una quota di costo fisso e una quota variabile in base al consumo effettivo. La sintesi è così definita:

  • Spesa per il gas naturale, che è composta da una quota fissa determinata dall’AEEGSI e una quota di consumi.
  • Spesa trasporto e gestione contatore, che è composta da una quota fissa determinata dall’AEEGSI e una quota di consumi.
  • Spesa oneri di sistema, è una quota fissa stabilita ogni tre mesi dall’AEEGSI. Non varia quindi in base al fornitore scelto.
  • Totale imposte e IVA, che sono uguali per ogni fornitore e che si leggono per esteso nel dettaglio fiscale.

Dettaglio fiscale

Questa sezione elenca tutte le imposte previste dalla bolletta del gas. In particolare:

  • Le accise, che si applicano sui consumi e crescono in base agli scaglioni di consumo
  • L’IVA, che si applica sul totale della bolletta. È pari al 10% per i primi 480 mc annui e passa al 22% per i consumi restanti e per i costi fissi.
  • Gli addizionali enti locali, che sono definiti dalle regioni e si applicano ai consumi del gas naturale.

Consumi fatturati e dettaglio letture

In questa sezione sono indicati i dati di consumo nel periodo di riferimento. I consumi possono essere di due tipi: consumo rilevato e consumo stimato. Il primo è quello reale, derivato da un’autolettura o dalle letture rilevate dal distributore. Il consumo stimato è invece calcolato dal fornitore in base allo storico dei consumi. Se il vostro consumo reale è inferiore alla stima, questa differenza vi sarà rimborsata con la bolletta di conguaglio. Ma attenzione, è vero anche il contrario! Se il consumo stimato è inferiore rispetto alla stima, è possibile ricevere una bolletta di conguaglio molto alta! È quindi consigliabile effettuare sempre l’autolettura per pagare esclusivamente i consumi reali.

Comunicazioni ai clienti

L’ultima pagina è di solito dedicata a tutte le informazioni utili per i clienti. Sono indicati:

  • Le modalità di pagamento della bolletta
  • I contatti utili per reclami o assistenza
  • Le modalità di autolettura
  • La tabella con gli addebiti per interessi di mora
  • L’aggiornamento dei corrispettivi
  • Un Servizio Clienti di recapito, solitamente un numero verde

Conoscere per risparmiare

Ora che abbiamo imparato a consultare con criterio la nostra bolletta del gas, è venuto il momento di capire che tipo di consumatori di gas naturale siamo e come possiamo risparmiare! Per esempio, usiamo il gas solo per cucinare o abbiamo una caldaia con riscaldamento autonomo? Ogni abitudine di consumo è importante per poter definire al meglio l’offerta più adatta. Vuoi risparmiare sulla bolletta del gas? Inizia a confrontare le migliori tariffe disponibili sul mercato e scopri quale è quella più adatta a te.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Passaggio di proprietà auto per decesso: come fare

Ereditare un veicolo per volontà del defunto rientra nei nostri diritti. Qual è la procedura per effettuare il passaggio di proprietà auto per decesso? In caso di auto intestata a defunto, gli ereditari devono presentare il verbale di pubblicazione del testamento redatto dal notaio. L’accettazione eredità auto va fatta entro 6 mesi dalla morte, davanti

CONTINUA A LEGGERE

Cilindrata neopatentati: qual è il limite per le moto

Esiste una cilindrata neopatentati per moto? Aver conseguito la patente di guida da meno di tre anni, comporta una serie di restrizioni. Mentre il più significativo sbarramento per le auto riguarda il limite kilowatt neopatentati, per le due ruote la questione è leggermente differente. Bisogna infatti ricordare che i titoli di guida per moto sono

CONTINUA A LEGGERE

Moto nuova: quali sono i tempi d’immatricolazione?

Sapere come immatricolare una moto è un passaggio fondamentale per ogni possessore di una due ruote. Sia se si rileva una moto radiata, sia se si acquisti una moto d’epoca o nuova di zecca, occorre infatti formalizzare alcuni passaggi burocratici obbligatori. I tempi immatricolazione moto nuova sono generalmente brevi, così come esigue sono le spese

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione gancio traino: come funziona, cosa copre

Per trasportare carrelli e roulotte in tutta sicurezza non c’è niente di meglio della assicurazione gancio traino. Questo particolare tipo di polizza serve a proteggere uno strumento decisamente indispensabile per chi intende trasportare merci e non solo. Cos’è il gancio traino Il gancio traino è un elemento aggiuntivo dell’auto, che viene agganciato alla parte posteriore

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Risarcimento furto auto: come richiederlo e documenti necessari

Una cattiva abitudine che non passa mai di moda. I furti d’auto in Italia tornano ad aumentare. Secondo le statistiche diffuse dal Ministero dell’Interno, nel 2018 sono state 105.239 le macchine rubate, con una crescita del 5,2% rispetto all’anno precedente. Ottenere il risarcimento furto auto è possibile, mentre non sempre è facile tornare in possesso

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione moto: quali sono le garanzie accessorie migliori?

Quando si sottoscrive una polizza RC Moto è possibile aggiungere delle ulteriori coperture assicurative. Le garanzie accessorie servono a tutelare l’assicurato da tutti i casi che restano scoperti dalla RC obbligatoria. Intervengono quando si verificano danni non coperti da questa, garantendo il regolare indennizzo al contraente. Scegliendo di abbinarle all’assicurazione auto o moto obbligatoria, il

CONTINUA A LEGGERE

Assistenza stradale Zurich Connect: come funziona, contatti

Ricevere un soccorso immediato quando si rimane con l’auto in panne. Quando si manifesta uno degli spettri più temuti da ogni automobilista, bisogna restare lucidi. Richiedere un pronto intervento è il secondo passo da compiere. Avendo aggiunto la polizza assistenza stradale all’assicurazione RC auto, questo tipo di aiuto sarà gratuito. Tra le compagnie che offrono

CONTINUA A LEGGERE

Superbollo auto 2019: calcolo, chi deve pagare

Il superbollo auto è una delle tasse più odiate dagli automobilisti italiani. Da tempo si parla della sua abolizione, ma ad oggi è ancora in vigore. L’emendamento presentato da FDI alla Legge di Bilancio 2019, prevede infatti la sua cessazione a partire dal 2020. Se dovesse essere riconvertito, l’addizionale erariale sulla tassa automobilistica non dovrà

CONTINUA A LEGGERE