Prestito finalizzato e non finalizzato: differenze

Prestito finalizzato e prestito non finalizzato sono due forme di finanziamento concesse ai cittadini maggiorenni. Per beneficiarne occorre avere una situazione reddituale in grado di sostenere l’importo della rata prevista e non essere inseriti nelle liste dei cattivi pagatori. Quali sono le differenze tra questi due tipi di finanziamento e quale è utile richiedere in base alla propria condizione?

Prestito finalizzato: cos’è

Il prestito finalizzato è una forma di finanziamento che deve essere giustificata. I prestiti finalizzati richiedono dunque una specifica dichiarazione del bene (o servizio) per il quale sono richiesti. La somma di credito finalizzata viene erogata al venditore, definito come convenzionato o dealer.

Caratteristiche e chi può richiederlo

L’uso del denaro è vincolato all’utilizzo della somma di denaro erogata. Il contratto di prestito e quello di acquisto del bene sono distinti: nel primo viene indicato il bene o servizio acquistato a rate e deve essere inoltre allegato l’atto che certifichi l’acquisto. Il finanziamento finalizzato può essere richiesto da maggiorenni che non risultino cattivi pagatori, che offrano garanzie – in base alla propria situazione reddituale – sulla sostenibilità delle rate previste.

Prestito non finalizzato: cos’è

I prestiti non finalizzati sono invece forme di finanziamento che non richiedono che venga indicato lo scopo. La somma richiesta, in questo caso, viene erogata direttamente al richiedente senza intermediari.

Caratteristiche e chi può richiederlo

A differenza del prestito finalizzato, quindi, questa forma di finanziamento viene erogata al richiedente mediante assegno o accredito su conto corrente. Il prestito non finalizzato può essere acceso presso una qualunque finanziaria o banca. L’uso del denaro ricevuto non è vincolato all’acquisto di un bene o servizio specifico. Viene lasciata discrezionalità al cliente di farne l’uso da lui ritenuto più opportuno. In alcun caso il richiedente è tenuto a rendere conto alla banca, né ha obblighi specifici nei suoi confronti. Soltanto in alcuni casi, a fronte di condizioni precedentemente accettate, potrebbe trovarsi a specificare in che modo utilizzerà l’importo ricevuto. Il credito non finalizzato può essere richiesto da maggiorenni in grado di presentare una busta paga in garanzia. Gli istituti creditizi possono chiedere l’ultima busta paga, il Modello 730 o Unico dell’anno precedente oppure il cedolino della pensione.

Differenze tra prestiti finalizzati e non finalizzati

Come abbiamo avuto modo di vedere, le differenze principali tra prestito finalizzato e prestito non finalizzato sono due: il primo deve essere motivato e la somma viene erogata al venditore, mentre il secondo non comporta l’obbligo di indicare lo scopo e il finanziamento viene dato direttamente al richiedente. Come orientarsi in caso di bisogno? Il prestito finalizzato ha tassi di interesse più convenienti, ma richiede garanzie vincolanti. Un prestito non finalizzato è invece erogato da più enti e quindi permette di confrontare diverse offerte. In questo caso i tassi sono però più alti, in quanto non esiste nessun tipo di controllo da parte della banca.

Se vuoi richiedere un prestito e cerchi la soluzione migliore, affidati a noi. Inserisci i dati richiesti nel comparatore e visualizza subito le migliori proposte di prestito online. Scegli quello migliore per te e ricevi, in appena 24 ore, il parere di fattibilità dalla banca.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione moto conducente diverso dal proprietario: conviene davvero?

Sottoscrivere un’assicurazione moto con conducente diverso dal proprietario è un buon modo per risparmiare sulla polizza RC? Obbligatoria per legge, l’assicurazione responsabilità civile è una delle voci di spesa maggiori per ogni proprietario di un veicolo. Per questo si è sempre alla ricerca di una soluzione per contenerne i costi. Scopriamo cosa succede se intestatario

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto e omicidio stradale: quali sono le conseguenze sulla polizza RCA

L’omicidio stradale è un reato introdotto in Italia attraverso la legge n.41 del 23 marzo 2016. Inserito nell’ordinamento giuridico per fronteggiare un’emergenza, non ha finora contribuito in maniera sensibile a risolverlo. Soltanto nell’ultimo anno rilevato dall’Istat, infatti, gli incidenti stradali in Italia sono stati 172.553 e hanno causato 3.334 decessi. Ancora troppi anche se, ovviamente,

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione inquilino: cos’è e cosa copre

L’assicurazione inquilino è una polizza che garantisce un risarcimento danni completo quando si prende casa in affitto. Si tratta di uno strumento fondamentale per proteggere l’immobile e le parti in causa quando si stipula un contratto di locazione. Vediamo quando è opportuno assicurare casa in affitto, cos’è la RC inquilino e quali sono le differenze

CONTINUA A LEGGERE

Rc professionale infermiere: cos’è e cosa copre

La assicurazione RC professionale infermiere è obbligatoria dal 2014 per gli infermieri e per gli OSS, gli operatori socio-sanitari. È uno strumento indispensabile per tutelare chi lavora come libero professionista, ma anche come dipendente e collaboratore. La RC infermiere protegge l’assicurato dalle eventuali richieste economiche derivanti da un errore o da una negligenza messa in

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Passaggio di proprietà moto: come fare, documenti

Acquistare o vendere una moto usata è il preludio a un’operazione obbligatoria: il passaggio di proprietà moto. Sia che si intenda acquistare la propria due ruote dei sogni o che sia voglia puntare su un modello d’epoca, la sostanza non cambia. Per poter circolare su strada senza incorrere in sanzioni, oltre all’assicurazione RC Moto obbligatoria,

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione infortuni domestici: cos’è e cosa copre

La assicurazione infortuni domestici copre gli infortuni provocati da incidenti capitati in casa e dalle loro conseguenze economiche. La polizza è obbligatoria dall’1 gennaio 2001 e si rivela particolarmente utile per tutelarsi nel proprio ambiente domestico. Chi deve sottoscrivere, cosa si intende e cosa copre la polizza infortuni domestici? Cos’è l’assicurazione infortuni domestici La assicurazione infortuni

CONTINUA A LEGGERE

Viaggi in moto Europa: quali sono le protezioni obbligatorie

Quando si fanno viaggi in moto Europa è fondamentale imparare le regole del paese che si intende visitare. Dopo aver individuato gli itinerari moto Europa da esplorare, dunque, c’è subito una domanda da porsi: quali sono le protezioni per moto da indossare? Le norme variano da paese a paese e sono spesso diverse da quelle

CONTINUA A LEGGERE