Prestito finalizzato e non finalizzato: differenze

Prestito finalizzato e prestito non finalizzato sono due forme di finanziamento concesse ai cittadini maggiorenni. Per beneficiarne occorre avere una situazione reddituale in grado di sostenere l’importo della rata prevista e non essere inseriti nelle liste dei cattivi pagatori. Quali sono le differenze tra questi due tipi di finanziamento e quale è utile richiedere in base alla propria condizione?

Prestito finalizzato: cos’è

Il prestito finalizzato è una forma di finanziamento che deve essere giustificata. I prestiti finalizzati richiedono dunque una specifica dichiarazione del bene (o servizio) per il quale sono richiesti. La somma di credito finalizzata viene erogata al venditore, definito come convenzionato o dealer.

Caratteristiche e chi può richiederlo

L’uso del denaro è vincolato all’utilizzo della somma di denaro erogata. Il contratto di prestito e quello di acquisto del bene sono distinti: nel primo viene indicato il bene o servizio acquistato a rate e deve essere inoltre allegato l’atto che certifichi l’acquisto. Il finanziamento finalizzato può essere richiesto da maggiorenni che non risultino cattivi pagatori, che offrano garanzie – in base alla propria situazione reddituale – sulla sostenibilità delle rate previste.

Prestito non finalizzato: cos’è

I prestiti non finalizzati sono invece forme di finanziamento che non richiedono che venga indicato lo scopo. La somma richiesta, in questo caso, viene erogata direttamente al richiedente senza intermediari.

Caratteristiche e chi può richiederlo

A differenza del prestito finalizzato, quindi, questa forma di finanziamento viene erogata al richiedente mediante assegno o accredito su conto corrente. Il prestito non finalizzato può essere acceso presso una qualunque finanziaria o banca. L’uso del denaro ricevuto non è vincolato all’acquisto di un bene o servizio specifico. Viene lasciata discrezionalità al cliente di farne l’uso da lui ritenuto più opportuno. In alcun caso il richiedente è tenuto a rendere conto alla banca, né ha obblighi specifici nei suoi confronti. Soltanto in alcuni casi, a fronte di condizioni precedentemente accettate, potrebbe trovarsi a specificare in che modo utilizzerà l’importo ricevuto. Il credito non finalizzato può essere richiesto da maggiorenni in grado di presentare una busta paga in garanzia. Gli istituti creditizi possono chiedere l’ultima busta paga, il Modello 730 o Unico dell’anno precedente oppure il cedolino della pensione.

Differenze tra prestiti finalizzati e non finalizzati

Come abbiamo avuto modo di vedere, le differenze principali tra prestito finalizzato e prestito non finalizzato sono due: il primo deve essere motivato e la somma viene erogata al venditore, mentre il secondo non comporta l’obbligo di indicare lo scopo e il finanziamento viene dato direttamente al richiedente. Come orientarsi in caso di bisogno? Il prestito finalizzato ha tassi di interesse più convenienti, ma richiede garanzie vincolanti. Un prestito non finalizzato è invece erogato da più enti e quindi permette di confrontare diverse offerte. In questo caso i tassi sono però più alti, in quanto non esiste nessun tipo di controllo da parte della banca.

Se vuoi richiedere un prestito e cerchi la soluzione migliore, affidati a noi. Inserisci i dati richiesti nel comparatore e visualizza subito le migliori proposte di prestito online. Scegli quello migliore per te e ricevi, in appena 24 ore, il parere di fattibilità dalla banca.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Rottamazione moto: come fare, costi

La rottamazione moto è una procedura obbligatoria quando si decide di dismettere un veicolo. I modi per demolire una moto sono sostanzialmente due: se la demolizione è propedeutica all’acquisto di un nuovo mezzo, si può beneficiare dell’Ecobonus moto. Scopriamo allora cosa fare per rottamare moto, quali sono i costi da sostenere e come usufruire dell’Ecobonus.

CONTINUA A LEGGERE

Prestiti personali: 5 cose da sapere prima di richiederli

I prestiti personali sono finanziamenti che consentono di ottenere denaro per qualunque necessità di acquisto. Vengono erogati da banche o finanziarie e la somma che si riceve a seguito di una richiesta prestito va restituita tramite rate mensili in un arco di tempo prestabilito. A differenza di mutuo o leasing, il prestito personale non è

CONTINUA A LEGGERE

Rc Auto familiare: è valida per gli autocarri?

Entrata in vigore il 16 febbraio 2020, la RC Auto familiare ha ampliato i vantaggi della Legge Bersani assicurazione sul tema della classe di merito. Intervenendo sull’art. 134 del Codice delle Assicurazioni Private, questo provvedimento predispone che nell’ambito dello stesso nucleo familiare ogni veicolo si possa assicurare con una CU meno elevata. Il beneficio si

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Viaggi in moto Europa: quali sono le protezioni obbligatorie

Quando si fanno viaggi in moto Europa è fondamentale imparare le regole del paese che si intende visitare. Dopo aver individuato gli itinerari moto Europa da esplorare, dunque, c’è subito una domanda da porsi: quali sono le protezioni per moto da indossare? Le norme variano da paese a paese e sono spesso diverse da quelle

CONTINUA A LEGGERE

Visura PRA: cos’è e come ottenerla

La visura PRA è un servizio che consente di ottenere un documento contenente informazioni su un veicolo e sul relativo proprietario. Questo documento è rilasciato dal Pubblico Registro Automobilistico (PRA) e le visure PRA possono essere per targa o nominative. A cosa serve la visura PRA La visura PRA permette di: Controllare l’iscrizione di un

CONTINUA A LEGGERE

Coronavirus: come richiedere la sospensione rate mutuo

La legge di conversione del Decreto Cura Italia (DL 18/2020) rende attuabile la richiesta di sospensione rate mutuo. Questa procedura speciale è stata avallata per fronteggiare l’emergenza economica derivante dalla pandemia Coronavirus. Vediamo chi può sospendere il mutuo, come fare richiesta sospensione mutuo e qual è il modulo da utilizzare. Sospensione rate mutuo: a chi

CONTINUA A LEGGERE