Prestiti cambializzati cattivi pagatori: come funzionano?

Necessitare di un prestito e non avere i requisiti giusti per chiederlo. I prestiti cambializzati cattivi pagatori rispondono proprio a questa esigenza. In un periodo di forte recessione, sempre più individui o famiglie hanno bisogno di ricorrere a finanziamenti cambializzati. Ma come è possibile ottenere prestiti con cambiali senza garanzie? Ecco come beneficiare di queste forme di credito e come restituire le somme ricevute.

Cosa sono i prestiti cambializzati

I prestiti cambializzati cattivi pagatori rientrano nella categoria dei prestiti non finalizzati. Ciò significa che non c’è bisogno di specificare il motivo per il quale vengono richiesti. Un prestito cambializzato è normalmente erogato in tempi più rapidi e viene rimborsato mediante cambiali da pagare mensilmente alla scadenza. Il tasso applicato è fisso e le rate dei prestiti con cambiali sono, in genere, costanti. L’accesso ai prestiti cambializzati è agevolato, in quanto la cambiale firmata equivale a un titolo di credito che si può riscuotere più velocemente. Chi concede il prestito, infatti può subito procedere al pignoramento dei beni del debitore.

Prestiti cambializzati cattivi pagatori: come funzionano

I prestiti cambializzati cattivi pagatori sono dunque una forma di finanziamento destinata a chi non può ottenere un prestito tradizionale. Questa formula permette di ottenere anche prestiti cambializzati a protestati. L’importo dipende dalle garanzie che si presentano. Con la formula del prestito cambializzato a cattivi pagatori, la banda riduce il rischio del finanziamento. Se si è dipendenti, sono la busta paga e il TFR a garantire la disponibilità di denaro che serve a rimborsare il prestito. In occasione dei prestiti personali cattivi pagatori, dunque, l’istituto creditizio si sente maggiormente tutelato e può concedere il finanziamento anche se il debitore non risulta molto affidabile. Per quanto riguarda i prestiti per protestati, invece, sono praticamente l’unica soluzione a disposizione di questo tipo di utenti per ottenere un finanziamento.

Prestiti cambializzati cattivi pagatori: come ottenerli

Tra i vantaggi di questo tipo di finanziamento c’è dunque una maggiore elasticità nel pagamento rateale, in quanto le cambiali si possono rinnovare. Tramite un accordo tra le parti, infatti, è possibile anche posticipare la data di pagamento. Ovviamente questa soluzione fa maggiorare gli interessi dovuti. I prestiti cambializzati sono da evitare se non si è sicuri di poter ripagare il debito. Saltando anche una sola rata, infatti, si rischia il pignoramento dei beni. Tra gli altri “contro” dei prestiti cambializzati cattivi pagatori ci sono anche i costi maggiori rispetto a quelli per un prestito normale.

Per richiedere un prestito cambializzato occorre allegare alla domanda di finanziamento:

  • Copia del documento d’identità e del codice fiscale
  • Copia del TFR
  • Ultima busta paga, per lavoratori dipendenti
  • Firma di un garante, se si è disoccupati o non si dispone delle garanzie sufficienti per ottenere il prestito

In alcuni casi può essere richiesta anche un’assicurazione sulla vita. Il miglior modo per ottenere un prestito cambializzato è quello di affidarsi alla comparazione online. Visita il nostro sito per visionare le migliori proposte delle compagnie online: in appena 24 ore riceverai un parere di fattibilità da parte della finanziaria. Richiedi subito il tuo preventivo!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione donazione casa: cos’è e come funziona

La donazione immobiliare è una delle soluzioni più adottate dagli italiani per trasferire la proprietà di case e altri beni immobiliari quando ancora in vita ai propri eredi. La donazione permette di risparmiare su molti oneri fiscali, al momento della successione ereditaria, ma soprattutto permette di aggiungere delle clausole per i beneficiari. Perché quindi acquistare

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE