Prestiti anche per cattivi pagatori: come ottenerli

La concessione di un prestito dipende dalla valutazione della situazione economica del richiedente. A farla è l’istituto creditizio chiamato al quale ci si rivolge per ottenere il finanziamento. Avere ritardi nel pagamento delle rate, o situazioni di insolvenza, porta al rifiuto della pratica. Essere cattivi pagatori non significa però dover perdere ogni speranza. Esistono infatti prestiti anche per cattivi pagatori: come ottenerli e a quali condizioni?

Cattivo pagatore: significato

Per cattivo pagatore si intende un soggetto che non ha pagato regolarmente una o più rate di un mutuo, di un prestito o di qualsiasi tipo di finanziamento, oppure che ha emesso assegni scoperti. I cattivi pagatori vengono segnalati alla Centrale Rischi della Banca d’Italia e inseriti nelle liste del CRIF. A seconda della gravità dell’inadempienza si resta nelle liste dei cattivi pagatori per un periodo che va dai 12 ai 36 mesi. Questa procedura non esclude la possibilità di ottenere prestiti anche per cattivi pagatori. La soluzione più semplice è quella di fare ricorso alla cessione del quinto dello stipendio, ma esistono anche delle vie alternative.

Prestiti anche per cattivi pagatori: la cessione del quinto

I prestiti per cattivi pagatori danno la possibilità di accedere al credito anche a chi ha avuto problemi nel rispettare le scadenze. La soluzione più semplice è la cessione del quinto dello stipendio. Questo tipo di prestito personale permette al richiedente di ottenere fino a 60mila euro a tasso fisso. Possono accedervi:

  • Lavoratori dipendente con contratto a tempo indeterminato
  • Lavoratori con contratto a tempo determinato, a condizione che il debito venga estinto entro la scadenza del suddetto contratto
  • Pensionati

Il possesso di uno di questi requisiti agevola la richiesta di prestiti anche per cattivi pagatori. La rata viene infatti trattenuta alla fonte (stipendio o pensione) del beneficiario azzerando il pericolo di morosità. L’ammontare della rata non può superare un quinto dello stipendio del richiedente e la somma prestata sarà proporzionale al reddito. Il datore di lavoro non deve fare da garante, ma solo dare il benestare all’erogazione del prestito da parte dell’istituto creditizio.

Prestiti a cattivi pagatori senza cessione del quinto

I prestiti anche per cattivi pagatori o per protestati non sono vincolati alla sola cessione del quinto. Prestiti personali cattivi pagatori senza cessione del quinto sono i prestiti cambializzati. Si tratta di prestiti non finalizzati che prevedono un rimborso tramite cambiali a rate costanti e tasso fisso. Questo finanziamento è erogato da finanziarie e privati e prevede alcune garanzie quali:

  • Busta paga e CUD del richiedente (per lavoratori dipendenti)
  • Modello unico (per lavoratori indipendenti)
  • Cedolino della pensione e CUD (per pensionati)

A differenza della cessione del quinto, la sola presenza di questi requisiti potrebbe non essere sufficiente per ottenere il prestito. Alcuni enti erogatori possono infatti richiedere garanzie supplementari, come ad esempio il possesso di un immobile da ipotecare.

Prestiti anche per cattivi pagatori o protestati non significa soltanto cessione del quinto o prestito cambializzato. Gli istituti di credito mettono a disposizione anche altre opzioni di finanziamento altamente soggettive e legate allo “storico” del richiedente. Per trovare la soluzione giusta per te scegli il miglior prestito online affidandoti al nostro comparatore!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione calamità naturali casa: cos’è

Dopo la propria famiglia, nella vita di una persona non c’è nulla di più importante della propria casa. Il tetto sopra la testa, magari acquistato con tanti sacrifici, ci trasmette un senso di sicurezza e di protezione che non ha eguali. Eppure, sono ancora poche le abitazioni in Italia protette da un’assicurazione calamità naturali casa,

CONTINUA A LEGGERE

Rc Auto familiare: cos’è, come funziona, quanto fa risparmiare

Se venisse approvata in ultima istanza dal Parlamento, l’introduzione della RC Auto familiare è destinata a rivoluzionare l’universo delle assicurazioni auto e moto. Sono due le novità introdotte con un emendamento al decreto-legge fiscale, per ora approvato dalla commissione Finanze della Camera, che estendono i benefici attualmente garantiti dalla Legge Bersani sui temi RC Auto e classe

CONTINUA A LEGGERE

Leucemia gatti: la vaccinazione è obbligatoria?

La leucemia gatti è una malattia infettiva trasmessa tramite saliva, secrezioni nasali e sangue. È molto diffusa, specialmente tra i gatti randagi e, di conseguenza, tra quelli domestici ma liberi di girare. A causa della facilità di contagio, causa un’elevata mortalità. Scopriamo meglio la leucemia dei gatti e come prevenirla con la vaccinazione. Leucemia gatti:

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione casa: è detraibile?

Assicurare la propria casa è una scelta intelligente, ma non un obbligo. Tutelare la propria incolumità e quella della famiglia è consigliato, soprattutto per prevenire le spese per gli eventuali danni che derivano dall’utilizzo dell’abitazione. Per incentivare la stipula dell’assicurazione sulla casa, il Governo italiano ha promosso degli incentivi fiscali. Questa scelta servirà ad aumentare

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Città più pericolose del mondo: classifica, come viaggiare sicuri

Viaggiare è uno tra gli hobby più gettonati dagli italiani. Chi si può permettere un weekend o una vacanza, magari all’estero, non può non tenere conto di una classifica: quella delle città più pericolose del mondo. Si tratta di un ranking che confronta abitanti e numero di omicidi, restituendo un indice di pericolosità in percentuale.

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento furto auto: come richiederlo e documenti necessari

Una cattiva abitudine che non passa mai di moda. I furti d’auto in Italia tornano ad aumentare. Secondo le statistiche diffuse dal Ministero dell’Interno, nel 2018 sono state 105.239 le macchine rubate, con una crescita del 5,2% rispetto all’anno precedente. Ottenere il risarcimento furto auto è possibile, mentre non sempre è facile tornare in possesso

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione moto: quali sono le garanzie accessorie migliori?

Quando si sottoscrive una polizza RC Moto è possibile aggiungere delle ulteriori coperture assicurative. Le garanzie accessorie servono a tutelare l’assicurato da tutti i casi che restano scoperti dalla RC obbligatoria. Intervengono quando si verificano danni non coperti da questa, garantendo il regolare indennizzo al contraente. Scegliendo di abbinarle all’assicurazione auto o moto obbligatoria, il

CONTINUA A LEGGERE

Assistenza stradale Zurich Connect: come funziona, contatti

Ricevere un soccorso immediato quando si rimane con l’auto in panne. Quando si manifesta uno degli spettri più temuti da ogni automobilista, bisogna restare lucidi. Richiedere un pronto intervento è il secondo passo da compiere. Avendo aggiunto la polizza assistenza stradale all’assicurazione RC auto, questo tipo di aiuto sarà gratuito. Tra le compagnie che offrono

CONTINUA A LEGGERE