Prestiti anche per cattivi pagatori: come ottenerli

La concessione di un prestito dipende dalla valutazione della situazione economica del richiedente. A farla è l’istituto creditizio chiamato al quale ci si rivolge per ottenere il finanziamento. Avere ritardi nel pagamento delle rate, o situazioni di insolvenza, porta al rifiuto della pratica. Essere cattivi pagatori non significa però dover perdere ogni speranza. Esistono infatti prestiti anche per cattivi pagatori: come ottenerli e a quali condizioni?

Cattivo pagatore: significato

Per cattivo pagatore si intende un soggetto che non ha pagato regolarmente una o più rate di un mutuo, di un prestito o di qualsiasi tipo di finanziamento, oppure che ha emesso assegni scoperti. I cattivi pagatori vengono segnalati alla Centrale Rischi della Banca d’Italia e inseriti nelle liste del CRIF. A seconda della gravità dell’inadempienza si resta nelle liste dei cattivi pagatori per un periodo che va dai 12 ai 36 mesi. Questa procedura non esclude la possibilità di ottenere prestiti anche per cattivi pagatori. La soluzione più semplice è quella di fare ricorso alla cessione del quinto dello stipendio, ma esistono anche delle vie alternative.

Prestiti anche per cattivi pagatori: la cessione del quinto

I prestiti per cattivi pagatori danno la possibilità di accedere al credito anche a chi ha avuto problemi nel rispettare le scadenze. La soluzione più semplice è la cessione del quinto dello stipendio. Questo tipo di prestito personale permette al richiedente di ottenere fino a 60mila euro a tasso fisso. Possono accedervi:

  • Lavoratori dipendente con contratto a tempo indeterminato
  • Lavoratori con contratto a tempo determinato, a condizione che il debito venga estinto entro la scadenza del suddetto contratto
  • Pensionati

Il possesso di uno di questi requisiti agevola la richiesta di prestiti anche per cattivi pagatori. La rata viene infatti trattenuta alla fonte (stipendio o pensione) del beneficiario azzerando il pericolo di morosità. L’ammontare della rata non può superare un quinto dello stipendio del richiedente e la somma prestata sarà proporzionale al reddito. Il datore di lavoro non deve fare da garante, ma solo dare il benestare all’erogazione del prestito da parte dell’istituto creditizio.

Prestiti a cattivi pagatori senza cessione del quinto

I prestiti anche per cattivi pagatori o per protestati non sono vincolati alla sola cessione del quinto. Prestiti personali cattivi pagatori senza cessione del quinto sono i prestiti cambializzati. Si tratta di prestiti non finalizzati che prevedono un rimborso tramite cambiali a rate costanti e tasso fisso. Questo finanziamento è erogato da finanziarie e privati e prevede alcune garanzie quali:

  • Busta paga e CUD del richiedente (per lavoratori dipendenti)
  • Modello unico (per lavoratori indipendenti)
  • Cedolino della pensione e CUD (per pensionati)

A differenza della cessione del quinto, la sola presenza di questi requisiti potrebbe non essere sufficiente per ottenere il prestito. Alcuni enti erogatori possono infatti richiedere garanzie supplementari, come ad esempio il possesso di un immobile da ipotecare.

Prestiti anche per cattivi pagatori o protestati non significa soltanto cessione del quinto o prestito cambializzato. Gli istituti di credito mettono a disposizione anche altre opzioni di finanziamento altamente soggettive e legate allo “storico” del richiedente. Per trovare la soluzione giusta per te scegli il miglior prestito online affidandoti al nostro comparatore!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Domiciliazione bollo auto: in quale regione, sconti

La domiciliazione bollo auto conviene? La tassa automobilistica, come noto, grava su tutti i proprietari di un veicolo indipendentemente dal suo utilizzo. L’imposta è infatti sul possesso del bene e il versamento è in favore delle Regioni. I modi per pagare bollo auto sono diversi, mentre alcune categorie possono beneficiare dell’esenzione parziale o totale. Quando

CONTINUA A LEGGERE

Concorso di colpa: a chi spetta pagare?

Guidare un’automobile significa essere al corrente dei rischi connessi. Il più diffuso tra questi è quello di incappare in un incidente stradale. Se l’assicurazione RC Auto, obbligatoria per legge, serve a coprire i danni cagionati dai sinistri, bisogna comunque saper distinguere i singoli casi. Chi paga in caso di concorso di colpa? Quali sono gli

CONTINUA A LEGGERE

Guida esperta, libera o esclusiva: quale formula scegliere?

La corretta scelta della formula di guida è uno dei modi più efficaci per risparmiare sulla assicurazione RC auto. Guida esperta, guida libera o guida esclusiva? A questa domanda sono chiamati a rispondere, almeno una volta nella vita, tutti gli automobilisti. Riconoscere le proprie abitudini permette di ottenere significativi sconti sulla polizza auto. Indicando chi

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Indennizzo diretto: cos’è, come funziona

L’indennizzo diretto prevede la possibilità di richiedere il risarcimento danni direttamente alla propria compagnia assicurativa. La norma del risarcimento diretto è stata introdotta dal 1° febbraio 2007 per effetto del Decreto Bersani e trova riscontro nell’art 149 codice assicurazioni. L’art 149 cda spiega che “in caso di sinistro tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per

CONTINUA A LEGGERE

Furti in casa: le 5 cose da fare subito

Subire un furto in casa è una delle esperienze più spiacevoli e traumatiche che si possano vivere. Con i furti in casa, infatti, si subisce non solo un danno materiale ed economico conseguente alla sottrazione di oggetti e denaro, ma si fa esperienza di una vera e propria violazione di quello che è considerato il

CONTINUA A LEGGERE

Bollo moto 2020: scadenza, calcolo, dove pagare

Quando bisogna pagare il bollo moto 2020? Come si effettua il calcolo del bollo ed è possibile pagare bollo online? Queste sono solo alcune delle domande che ogni proprietario di un veicolo si pone. Scopriamo allora le scadenze e come fare la verifica bollo. Cos’è il bollo moto Il bollo moto 2020 è una tassa

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione neopatentati: 5 consigli per risparmiare

Come risparmiare sull’assicurazione neopatentati? La domanda se l’è posta ciascun automobilista almeno una volta nella vita. Dal maggiorenne che ha appena conseguito l’agognata patente al suo genitore, in tanti vanno a caccia delle migliori assicurazioni per neopatentati. Per capire come trovarle, occorre però uno sguardo d’insieme sulla questione. Neopatentato: durata, cos’è L’assicurazione neopatentati è quella

CONTINUA A LEGGERE