Consolidamento debiti: tutto quello che devi sapere

Il consolidamento debiti è una soluzione che permette a chi ha ottenuto più finanziamenti di accorparli tutti insieme. Questa soluzione, nota anche come rifinanziamento, è particolarmente vantaggiosa per chi si trova ad aver acceso più prestiti. Scopriamo cosa si intende per prestito consolidamento debiti, chi può richiederlo e come funziona.

Cos’è il consolidamento debiti

Introdotto dal Decreto Legge n. 212/2011 il consolidamento debiti è una forma di finanziamento che consente di accorpare in una sola rata mensile, più leggera, tutte quelle dei prestiti in corso. In questo modo si ha la possibilità di estinguere tutte le posizioni debitorie in corso legate a prestiti erogati da uno o più istituti di credito. Il prestito per consolidamento debiti permette di non sottostare ai diversi tassi di interesse per ciascun debito e di richiedere un nuovo prestito attraverso il quale estinguere tutti quelli esistenti con un’unica rata mensile. Questa risulterà meno costosa, beneficiando di tassi più competitivi.

Come funziona il consolidamento debiti

I prestiti per consolidare debiti si richiedono scegliendo importo totale, periodo e ammortamento. In questo modo l’istituto di credito può calcolare l’entità della rata mensile. Il finanziamento per consolidamento debiti non solo permette di ridurre le rate, ma dà modo di avere liquidità in più. Chi lo richiede può così affrontare con più calma le spese quotidiane.

Come richiedere

Chi può richiedere il prestito per consolidamento debiti? Non esistono categorie escluse da questa forma di accesso al credito. Per quanto riguarda l’importo massimo, però, tutto o quasi dipende dalla tipologia del cliente, oltre che dal finanziamento richiesto per estinguere debiti esistenti. Chi dispone di una busta paga come dipendenti pubblici, statali o pensionati, può richiedere questa formula tramite la cessione del quinto. Questa possibilità viene fornita loro anche se sono segnalati come cattivi pagatori, ovvero non hanno ottemperato ai debiti in passato.

Esclusioni

In questo novero non rientrano invece i cattivi pagatori segnalati al CRIF e appartenenti ad altre categorie. Inoltre è pressoché impossibile effettuare il consolidamento debiti se non si dispone di un reddito (o di un garante) e in casi di grave difficoltà economiche. In linea di massima possono richiedere il consolidamento debiti i soggetti che non hanno subito pignoramenti o protesti, che abbiano un’età compresa tra i 18 e i 75 anni, una salda posizione lavorativa (o pensionistica) o un reddito dimostrabile.

Documenti per consolidamento debiti

Per richiedere il consolidamento dei debiti bisogna presentare una documentazione che attesti i finanziamenti ricevuti per i quali si chiede il consolidamento. Bisogna dunque segnalare tutti i creditori e le somme da dover loro corrispondere, ovvero i conteggi estintivi. Inoltre bisogna presentare le dichiarazioni dei redditi degli ultimi tre anni, l’attestazione sulla fattibilità del piano di ammortamento e l’elenco delle spese correnti. Quest’ultimo documento serve a garanzia del proprio sostegno e di quello della famiglia a cui si appartiene. Qualora beni o redditi del debitore non risultino sufficienti a garantire il piano di risanamento dei debiti, si ha bisogno di un garante per il prestito.

Se hai bisogno di un prestito e cerchi il tasso più conveniente, affidati a noi. Visita il nostro sito, visutalizza le offerte e ricevi subito un parere di fattibilità sul finanziamento richiesto.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Incidente con revisione scaduta: cosa si rischia con l’assicurazione

Circolare con la revisione scaduta è un azzardo che può costare molto caro. Dimenticanza per molti, preoccupante abitudine per altri, questa condotta vale per tutti la stessa sanzione. Con revisione scaduta cosa succede? Ma soprattutto, cosa accade se si incappa in un incidente senza aver sostenuto il controllo periodico? Revisione auto scaduta: art.80 Codice della

CONTINUA A LEGGERE

Come ottenere il risarcimento RC Auto in caso di incendio colposo

In caso di incendio colposo che coinvolge un veicolo, si ha diritto ad essere risarciti? Trovare la propria auto danneggiata da uno scoppio o dalle fiamme è un evento non troppo raro. Sebbene l’assicurazione RCA sia obbligatoria, è risaputo che le polizze standard non coprono fattispecie del genere. Cosa bisogna fare, dunque, per richiedere l’indennizzo?

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE