Prestiti per studenti: come ottenere un prestito se studi e non hai la busta paga

Anche gli studenti possono chiedere dei prestiti. La questione è più complicata rispetto alla richiesta di un dipendente statale con busta paga, ma è comunque possibile. Se sei uno studente universitario e hai necessità di un prestito, finalizzato o di libero contante, è possibile comunque accedere a una richiesta di finanziamento. Vediamo come è possibile richiedere un prestito per studenti e come funziona il discorso delle garanzie.

Prestito studenti: come richiedere un finanziamento senza busta paga

A meno che non si tratti di studenti lavoratori, con una busta paga e un contratto in regola, i finanziamenti senza busta paga sono solitamente più complicati da ottenere. Questo riguarda non solo gli studenti, ma tutte quelle categorie che non possiedono un’entrata fissa e dimostrabile come, per esempio, i disoccupati o le casalinghe. Per richiedere un finanziamento da studenti, è solitamente necessario presentare alla banca o all’istituto di credito una garanzia sostitutiva. Questo tipo di garanzia può essere rappresentato da un patrimonio (ma non da una busta paga) o dalla presenza di una terza persona con busta paga o pensione che funga da garante. La spiegazione è molto semplice: la banca ha sicuramente interesse a concedere un finanziamento pur senza busta paga, ma ha bisogno di una garanzia che il capitale prestato venga rimborsato nei tempi e nelle modalità concordate. Ecco perché anche gli studenti, anche senza busta paga o senza un contratto continuativo o particolarmente solido, possono fare richiesta per un finanziamento. Non è comunque l’unica possibilità, vediamo le altre.

Prestito studenti con garanzie ipotecarie di beni immobili o mobili

Come accennato, anche possedere un patrimonio immobile o mobile può essere una garanzia per la banca che intende concedere il prestito. La soluzione si chiama infatti “garanzia ipotecaria”. Grazie all’ipoteca, infatti, l’istituto che concede il prestito acquisisce un diritto di prelazione sul bene ipotecato, a tutela nel caso di insolvenza da parte di chi richiede il prestito. È una garanzia molto utile, ma anche un’opzione da valutare con attenzione. Nel caso di insolvenza, infatti, finiremmo per perdere la casa o parte dei nostri risparmi.

Prestito studenti con garanzie personali

La forma di garanzia più diffusa tra gli studenti e i giovani che si trovano nella situazione di dover richiedere un prestito è quella personale. Come funziona è presto detto. Un genitore, un amico o un parente che si fidano di noi, con una situazione lavorativa ed economica più stabile, firmano con il giovane per la richiesta di finanziamento. Questo tipo di garanzia tutela l’istituto di credito nel caso di insolvenza. Qualora, infatti, parte del capitale non dovesse essere restituito, sarà il garante personale a farlo in vece del giovane sottoscrittore del prestito.

Prestito studenti con fideiussione bancaria

Anche la fideiussione si annovera tra le scelte più gettonate per quanto riguarda i prestiti per gli studenti. Cos’è? La fideiussione è un negozio giuridico definito nell’articolo 1936 del Codice Civile.

«È fideiussore colui che, obbligandosi personalmente verso il creditore, garantisce (promessa unilaterale) l’adempimento di un’obbligazione altrui. La fideiussione è efficace anche se il debitore non ne ha conoscenza.»

Prestito studenti finalizzati allo studio

Nel campo dei prestiti per giovani senza busta paga, esistono anche i prestiti finalizzati allo studio. Sono finanziamenti vincolati all’istruzione, dalla tassa universitari all’iscrizione a un ente di formazione privato. Le offerte sul mercato sono differenti, ma le cifre erogabili partono da somme modeste, sui 1000 euro, e raggiungono anche numeri importanti, sui 20.000 euro. 

Sempre nell’ambito dei prestiti per lo studio, rientra il fondo per lo studio “Fondo per il credito ai giovani”,  istituito nel decreto legge n. 81 del 2 luglio 2007 e precedentemente regolamentato dal decreto del 6 dicembre 2007.

Per richiederlo, bisogna avere tra i 18 e i 40 anni e rispettare i seguenti requisiti:

  • Essere iscritti a un corso di laurea triennale o specialistica a ciclo unico, in regola con il pagamento delle tasse universitarie
  • Essere in possesso di un diploma di scuola superiore con un voto pari o superiore a 75/100
  • Essere iscritti a un corso di laurea magistrale, in regola con il pagamento delle tasse universitarie e in possesso di un diploma di laurea triennale con un voto pari o superiore a 100/110
  • Essere iscritti a un master universitario di primo o secondo livello, in regola con le tasse universitarie e in possesso di un diploma di laurea triennale o specialistica (a seconda del livello del master) con un voto pari o superiore a 100/110
  • Essere iscritti a un dottore di ricerca all’estero di durata triennale.
  • Essere iscritti a un corso di lingue (riconosciuto da un ente certificatore) di durata non inferiore ai sei mesi
  • Essere iscritti a un corso di specializzazione in seguito al conseguimento della laurea magistrale a ciclo unico di Medicina e chirurgia con una votazione pari o superiore a 100/110. Anche in questo caso, è sempre richiesta la regolarità nei pagamenti delle tasse universitarie.

Per quanto richiederlo sia più complesso, un prestito per studenti non è impossibile da ottenere. È essenziale confrontare le migliori offerte in circolazione. Quale.it ti aiuta a farlo, semplificandoti la ricerca e aiutandoti a trovare la soluzione migliore!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE