Fattura elettronica: cos’è e come funziona

Se hai un’attività, che sia un’azienda, un negozio o una semplice partita Iva, sarai già venuto a conoscenza di questa temibile fatturazione elettronica. Cos’è? Come funziona? Quanto costa? Chi può evitare di emetterla?

Fattura elettronica: cosa è

La fattura elettronica è stata introdotta con la Finanziaria del 2018 ed è diventata obbligatoria e operativa il 1° gennaio 2019 per tutti i titolari di partita Iva che risiedono in Italia. Questo obbligo, che per tutti gli interessati sembra essere più una scocciatura che un beneficio, è invece stato inserito per adeguarci alle normative europee e in particolare per fissare le basi per il Mercato Unico Digitale Europeo entro due anni. La fatturazione elettronica è:

  • Sicura.
  • È efficiente e rapida.
  • Fa risparmiare tempo e denaro.
  • Ostacola l’evasione fiscale.

Specialmente quest’ultimo punto dovrebbe convincere tutti i diretti interessati della sua utilità. Sappiamo bene, infatti, che uno dei grandi problemi italiani è proprio dovuto alla ingente evasione fiscale ed è quindi un ottimo presupposto qualsiasi strumento messo in campo per contrastarla. A breve entreremo nel pratico su cosa significa davvero emettere una fattura elettronica e quanto costa.

Fatturazione elettronica, obbligatoria per chi?

La fatturazione elettronica, in vigore dal 1° gennaio 2019, e quindi per qualsiasi fattura da emettere a partire da quella data, è obbligatoria per qualsiasi titolare di partita Iva, che sia privato o società. C’è una categoria di partita Iva che risulta al momento esonerata ed è quella di chi è in un regime fiscale forfettario o ancora nel vecchio regime dei minimi.

Anche gli operatori sanitari sono esonerati e qualsiasi fattura al consumatore è ancora fuori dall’obbligo: la fatturazione elettronica è infatti definita B2B, cioè solo tra business (aziende, partite Iva, eccetera). Se andiamo in un negozio e compriamo un cappotto da 100 euro, non riceveremo una fattura elettronica al posto dello scontrino fiscale e il negoziante non è obbligato a emetterlo.

Se invece andiamo in un negozio e compriamo un computer da 1000 euro come attrezzatura lavorativa e vogliamo ricevere una fattura per “scaricarlo”, allora sì, il negoziante è tenuto a emettere una fattura elettronica, in quanto ormai unica opzione possibile. Attenzione: perché si parla di esenzione nel caso di emissione di fattura. Se invece, anche nel regime forfettario, vorrete ricevere una fattura elettronica, sarete comunque obbligati a comunicare il Codice Destinatario o la vostra PEC.

Come funziona la fattura elettronica?

Arriviamo al dunque. Abbiamo definito cosa sia la fatturazione elettronica, chi è obbligato ad adottarla e chi è esentato. Come funziona? Per emettere una fattura elettronica occorre:

  • O il codice destinatario di chi riceverà la fattura;
  • O il suo indirizzo PEC.

Senza uno di questi due dati, sarà impossibile emettere la fatturazione elettronica. Chiunque abbia una partita Iva è, almeno in teoria, dotato di un indirizzo PEC, ma cos’è il Codice Destinatario e dove lo troviamo?

Il Codice Destinatario per la fattura elettronica: cos’è e dove trovarlo

Il Codice Destinatario è un dato univoco composto di sette caratteri (sia lettere che numeri) che l’emittente deve inserire all’interno della fattura elettronica. È emesso dal Sistema di Interscambio ed è facilmente recuperabile tramite il loro sito http://www.fatturapa.gov.it (che chiunque abbia dovuto emettere fatture per la Pubblica Amministrazione già conosce).

In mancanza di Codice Destinatario, è possibile inserire l’indirizzo PEC e, in questo caso, il Codice Destinatario sarà 0000000 (cioè sette volte zero).

Se non si ha un indirizzo PEC, è possibile lasciare comunque il Codice 0000000. In tal caso il ricevente otterrà la propria fattura elettronica nella sua area “Consultazione” nel portale dell’Agenzia delle Entrate “Fatture e Corrispettivi.”

Registrarsi all’Agenzia delle Entrate è gratuito e si può accedere tramite PIN, che vi verrà inviato direttamente a casa, o tramite Spid, cioè il Sistema Pubblico di Identità Digitale per accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione (vale, per esempio, anche per l’Inps o per registrare i propri esami del SSN nel sistema di prenotazione regionale).

Come emettere una fattura elettronica?

Andiamo al sodo e vediamo come si può compilare una fattura elettronica.

Per farlo, occorre:

  • Un computer (ma anche un tablet o uno smartphone possono fare al caso)
  • Un software per compilazione di file in formato XML, come previsto dal provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 30 aprile 2018.

Se non si hanno a disposizione programmi, o non si ha intenzione di pagare per un servizio esterno, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione gratuitamente tre tipi di programmi per predisporre le fatture elettroniche:

  • una procedura web, a cui si può accedere tramite il portale “Fatture e Corrispettivi” del sito internet dell’Agenzia (per l’uso di tale procedura occorre disporre di una connessione in rete).
  • un software scaricabile su PC (tale procedura può essere utilizzata anche offline).
  • un’App gratuita per tablet e smartphone, Fatturae, scaricabile dagli store Android o Apple (per l’uso di tale procedura occorre disporre di una connessione in rete).

La fatturazione elettronica è un vantaggio per tutti

Anche se inizialmente ci sembra una seccatura, la fatturazione elettronica è un vantaggio per tutti. Passato un primo periodo di assestamento, in cui dobbiamo abituarci a questa novità, vedremo un risparmio nel tempo. La tecnologia ci offre tanti vantaggi anche in ambito fiscale, non ultimi, la comodità, la velocità e il contrasto all’evasione fiscale. In fondo niente male, no?

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Giubbino ciclismo: quando e dove è obbligatorio

Giubbino ciclismo: quando e dove è obbligatorio Quando si va in bicicletta look e sicurezza non sempre vanno d’accordo. L’irresistibile richiamo della moda o la voglia di immedesimarsi negli idoli ammirati in tv, porta spesso i ciclisti della domenica a trascurare l’aspetto basilare. Da sempre utenti deboli della strada, infatti, gli amanti delle due ruote

CONTINUA A LEGGERE

Ecotassa auto 2019: chi deve pagarla, costi, FAQ

Ecotassa auto 2019: chi deve pagarla, costi, FAQ Tra le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2019 varata dal Governo Lega-M5S alcune riguardano il settore auto. Sono stati previsti infatti incentivi e imposte volte a favorire la conversione verso la mobilità sostenibile, garantita dall’ingresso massiccio sul mercato di auto elettriche e ibride plug-in. Accanto all’Ecobonus

CONTINUA A LEGGERE

Limiti di velocità e autovelox: Google Maps li segnala

Limiti di velocità e autovelox: Google Maps li segnala Il piacere di guidare una automobile si scontra spesso con gli obblighi connessi. Tra quelli di ogni guidatore, oltre alla stipula di una regolare assicurazione RC auto, c’è il rispetto dei limiti di velocità. Oltre a determinare multe e sanzioni, la loro mancata osservanza rischia di

CONTINUA A LEGGERE

Ecobonus moto: condizioni, rottamazione, abbigliamento

Ecobonus moto: condizioni, rottamazione, abbigliamento La Legge di Bilancio 2019 ha previsto alcune norme volte a incentivare la conversione verso una mobilità sostenibile. In vista di un allineamento alle direttive dell’Europarlamento, il Governo M5S – Lega ha inserito nel testo due interessanti novità: Ecobonus ed Ecotassa. Finora se ne è parlato quasi esclusivamente in ambito

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE

Fattura elettronica: cos’è e come funziona

Se hai un’attività, che sia un’azienda, un negozio o una semplice partita Iva, sarai già venuto a conoscenza di questa temibile fatturazione elettronica. Cos’è? Come funziona? Quanto costa? Chi può evitare di emetterla? Fattura elettronica: cosa è La fattura elettronica è stata introdotta con la Finanziaria del 2018 ed è diventata obbligatoria e operativa il

CONTINUA A LEGGERE

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro La loro diffusione ha conosciuto una sensibile impennata negli ultimi anni e ha innescato un dibattito acceso tra gli appassionati. Stiamo parlando dei freni a disco bici, sempre più utilizzati anche tra gli utilizzatori di telai da strada e non soltanto appannaggio dei bikers. Questione di

CONTINUA A LEGGERE

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo Per i ciclisti che non hanno la fortuna di vivere in posti caldi o quelli particolarmente intolleranti alle temperature rigide, l’inverno è un periodo particolarmente complicato per mantenere rapporti cordiali con la propria due ruote. A maggior ragioni i mesi freddi sono quelli in più è

CONTINUA A LEGGERE