Tasso interesse mutuo: quale scegliere?

Richiedere un mutuo è un momento delicato per ogni famiglia. Chi lo fa ha bisogno di soddisfare un bisogno fondamentale e deve verificare tutte le condizioni. Prima di effettuare la richiesta, bisogna prestare attenzione al tasso applicato al finanziamento, ovvero l’elemento che determina l’importo aggiuntivo che il richiedente deve corrispondere alla banca. Qual è il tasso interesse mutuo più conveniente e come sceglierlo?

Tasso interesse mutuo: mutuo tasso fisso e mutuo tasso variabile

Il tasso interesse mutuo rappresenta il costo del capitale prestato dalla banca al cliente. Ne esistono di diversi tipi, ma la differenza principale riguarda i mutui tasso fisso e tasso variabile. Per entrambi si effettua un calcolo diverso:

  • Mutuo tasso fisso: il tasso interesse mutuo è calcolato sulla base dell’Eurirs (Euro Interest Rate Swap)
  • Mutuo tasso variabile: calcolato sulla base dell’Euribor (Euro Interbank Offered Rate)

A questi due parametri viene aggiunto dalle banche lo spread, ovvero la loro percentuale di guadagno reale. Il calcolo del tasso interesse mutuo si effettua sommando queste variabili.

Mutuo a tasso fisso: cos’è, come funziona

Il mutuo tasso fisso dà modo di mantenere la stessa rata per l’intera durata del finanziamento. Quando si stipula il contratto si stabilisce il tasso interesse mutuo, che da quel momento non può più cambiare. Il tasso fisso mutuo è più alto rispetto al variabile, perché la banca si tutela da eventuali rialzi del tasso di riferimento Eurirs che non potrebbero incidere sulla rata.

Tasso fisso: perché scegliere

Il vantaggio principale del mutuo a tasso fisso è che il tasso non si modifica e resta uguale. Sapendo in anticipo l’importo della rata, il mutuatario ha maggiore agio nella pianificazione delle proprie spese. Di contro, a meno che non si verifichino particolari condizioni sul mercato finanziario (oscillazioni dell’Eurirs), questa formula è meno conveniente rispetto al mutuo a tasso variabile. La soluzione del mutuo a tasso fisso è consigliata a chi dispone della certezza di un reddito costante e qualora il mercato preveda un aumento del costo del denaro con conseguente crescita dei tassi di interesse.

Mutuo a tasso variabile: cos’è, come funziona

Il muto tasso variabile prevede che tasso (e rata) subiscano variazione durante il periodo del finanziamento. Questo tasso si basa, di norma, sull’Euribor a scadenza mensile, trimestrale o semestrale. Il tasso mutuo non viene bloccato e le banche possono prestare denaro a un costo inferiore o superiore rispetto ai mutui tasso fisso.

Mutuo tasso variabile: perché scegliere

Se l’Euribor non cresce durante il periodo del mutuo, il tasso variabile è più conveniente del fisso. Inoltre, al verificarsi di particolari condizioni di mercato, è possibile che il tasso diminuisca. Questo tasso interesse mutuo si presenta però come più rischioso rispetto al tasso fisso: esiste infatti anche la possibilità che la rata cresca e annulli il vantaggio iniziale. Tale formula è adatta a chi dispone redditi elevati e può assumersi rischi, oppure quando le previsioni di mercato sono orientate verso una diminuzione dei tassi sul lungo periodo.

Se sei alla ricerca dei migliori mutui, affidati a Quale.it. Tasso misto, tasso fisso o tasso variabile? Grazie al nostro comparatore potrai trovare la soluzione migliore per l’acquisto della prima casa, per surroghe o ristrutturazione. Ti basteranno pochi click per calcolare subito la tua rata.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Incidenti in moto in Italia: tutto quello che devi sapere

Nell’ultimo anno sono tornate a crescere le vittime di incidenti in moto in Italia. I dati diffusi da Istat e relativi al 2019 raccontano infatti 698 motociclisti deceduti in seguito a un sinistro. L’aumento su base annua è pari all’1,6% e testimonia, semmai ce ne fosse ancora bisogno, la pericolosità delle strade del Belpaese per

CONTINUA A LEGGERE

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE