Sospensione rate mutuo seconda casa 2020: tutto quello che c’è da sapere

Effettuare la sospensione rate mutuo seconda casa è un’operazione possibile a seguito della pandemia da Covid 19. Questa novità è stata introdotta proprio per fronteggiare un momento di grave crisi economica, che ha messo molti cittadini nelle condizioni di non poter rispettare le scadenze. Vediamo allora chi può accedere a questa misura e come fare richiesta sospensione rate mutuo.

Sospensione rate mutuo seconda casa: cos’è e come funziona

La sospensione rate mutuo seconda casa consiste nella possibilità di bloccare il mutuo per un determinato periodo. Questa misura è figlia dell’accordo stipulato tra associazioni dei consumatori e Associazione delle banche italiane (ABI). Si possono sospendere le rate riferite ai mutui erogati in un periodo precedente il 31 gennaio 2020 e quelle non versate tra il 31 gennaio e l’entrata in vigore della moratoria. Le rate si sospendono, ma il debito non si annulla. Alla riattivazione bisogna provvedere regolarmente al pagamento delle rate sospese.

Sospensione rate mutuo: chi può richiedere

Per beneficiare della sospensione rate mutuo seconda casa occorre essere in possesso di requisiti specifici. I mutui che possono beneficiare di questo provvedimento sono:

  • Accesi per un’abitazione non principale (seconda casa)
  • Non garantiti dall’ipoteca di un immobile
  • Destinati a lavori di ristrutturazione, purché non riguardino immobili di lusso o sottoposti a ipoteca

Vengono inclusi anche i prestiti accesi per ottenere liquidità. Anche questi beneficiano della sospensione per un periodo prestabilito. Detto degli immobili, esistono delle condizioni anche per i soggetti richiedenti. Per poter ottenere la sospensione delle rate del mutuo sulla seconda casa, occorre:

  • Aver perso un posto di lavoro subordinato, indipendentemente dal tipo di contratto in vigore
  • Aver subito la riduzione o sospensione dell’orario di lavoro per almeno 30 giorni
  • Non aver lavorato perché non autosufficienti

Per quanto riguarda i lavoratori autonomi, invece, occorre dimostrare una diminuzione del fatturato nel periodo in questione pari almeno al 33%.

Come richiedere

Per fare richiesta bisogna prima di tutto verificare l’adesione all’iniziativa da parte della propria banca al patto tra ABI e consumatori. L’adesione non è infatti vincolante per gli istituti di credito, che possono autonomamente decidere. Il modulo per richiesta sospensione mutuo può invece essere scaricato sul sito Consap o dai portali delle singole banche. Per le domande presentate tra il 28 marzo 2020 e il 31 dicembre 2020 la sospensione scatta dalla prima rata in scadenza successiva alla data di presentazione. La sospensione rate mutuo seconda casa non può essere richiesta in caso di ritardo superiore a 90 giorni consecutivi nel pagamento delle rate.

Sospensione rate mutuo seconda casa: durata

La sospensione rate mutuo seconda casa permette di bloccare il mutuo fino a un anno. Allo scadere dei 12 mesi, il piano di ammortamento iniziale viene allungato per un periodo di tempo uguale a quello in cui il mutuo è stato sospeso. Ciò significa che il pagamento del mutuo riparte dalla data di interruzione e per la stessa durata mancante fino alla sua naturale scadenza.

Per restare aggiornati su prestiti e mutui e trovare la soluzione più conveniente, visita il nostro sito. Compila il form gratuito e verifica subito le migliori proposte di accensione mutuo presenti sul mercato.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE