Sospensione mutuo Coronavirus: come sospendere il mutuo prima casa

Il Coronavirus e la conseguente emergenza sanitaria hanno comportato una crisi notevole per moltissimi settori e, quindi, per molti lavoratori. Tante famiglie, con il lavoro sospeso e l’attività interrotta, si trovano in difficoltà, venendo a mancare la principale entrata su cui fare affidamento. Per questo il decreto Cura Italia ha stabilito diversi aiuti per coloro che stanno vivendo un momento complicato dovuto all’emergenza Covid-19. In particolare, dal 30 marzo, è possibile richiedere la sospensione delle rate del mutuo prima casa,  usufruendo del Fondo di solidarietà per i mutui per l’acquisto della prima casa (il cosiddetto Fondo Gasparrini). Vediamo chi può fare richiesta di sospensione mutuo Coronavirus, qual è l’iter e quali sono i moduli da presentare.

Chi può richiedere la sospensione mutuo prima casa per Coronavirus?

Il decreto Cura Italia prima e la sua estensione poi hanno incluso tra i beneficiari di questa possibilità moltissime categorie, tra cui:

  • Lavoratori dipendenti
  • Lavoratori parasubordinati 
  • Lavoratori autonomi
  • Liberi professionisti

In altre parole, può chiedere il congelamento delle rate del mutuo prima casa chiunque sia intestatario di un contratto di mutuo e che abbia subito una riduzione dell’orario per 30 giorni e per almeno il 20% o la sospensione del lavoro per almeno 30 giorni.

Quanto dura il congelamento delle rate del mutuo prima casa?

Le rate del contratto di mutuo prima casa possono essere congelate per massimo 18 mesi, eventualmente da dividere in due periodi.

Quali sono i criteri per la sospensione mutuo Coronavirus?

  • Il contratto di mutuo può essere stato stipulato in qualsiasi momento.
  • Il capitale residuo del mutuo non deve superare i 250.000 euro.
  • Il contratto di mutuo deve interessare l’acquisto di una prima casa.

Probabilmente, dopo i primi 9 mesi di emergenza, alcuni requisiti diventeranno più stringenti. Per esempio, potrebbe venire reintrodotta la condizione per cui il contratto di mutuo non deve essere più giovane di un anno e per cui l’ISEE del richiedente non superi i 30.000 euro.

Questo aiuto va anche ai lavoratori autonomi e ai liberi professionisti, purché dichiarino con autocertificazione di aver subito una riduzione del fatturato medio giornaliero superiore al 33% rispetto all’ultimo trimestre del 2019.

Come si richiede la sospensione del mutuo prima casa?

Tutti i cittadini in possesso dei requisiti possono fare richiesta di accesso al Fondo, presentando la domanda di sospensione e la banca che ha concesso il mutuo è tenuta a onorare la richiesta.

Per fare la richiesta, bisogna compilare e presentare alla propria banca il modulo pubblicato da Consap, aggiungendo la documentazione che attesti il rispetto dei requisiti. Entro 15 giorni, la banca è tenuta a fornire una risposta direttamente a Consap. Dal momento che la crisi sta portando un abbassamento dei tassi di interesse, è anche il momento ideale per considerare la rinegoziazione del mutuo e fare richiesta mutuo. Chiedi un parere sul nostro sito e ottieni la risposta entro 24 ore.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione moto conducente diverso dal proprietario: conviene davvero?

Sottoscrivere un’assicurazione moto con conducente diverso dal proprietario è un buon modo per risparmiare sulla polizza RC? Obbligatoria per legge, l’assicurazione responsabilità civile è una delle voci di spesa maggiori per ogni proprietario di un veicolo. Per questo si è sempre alla ricerca di una soluzione per contenerne i costi. Scopriamo cosa succede se intestatario

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto e omicidio stradale: quali sono le conseguenze sulla polizza RCA

L’omicidio stradale è un reato introdotto in Italia attraverso la legge n.41 del 23 marzo 2016. Inserito nell’ordinamento giuridico per fronteggiare un’emergenza, non ha finora contribuito in maniera sensibile a risolverlo. Soltanto nell’ultimo anno rilevato dall’Istat, infatti, gli incidenti stradali in Italia sono stati 172.553 e hanno causato 3.334 decessi. Ancora troppi anche se, ovviamente,

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione inquilino: cos’è e cosa copre

L’assicurazione inquilino è una polizza che garantisce un risarcimento danni completo quando si prende casa in affitto. Si tratta di uno strumento fondamentale per proteggere l’immobile e le parti in causa quando si stipula un contratto di locazione. Vediamo quando è opportuno assicurare casa in affitto, cos’è la RC inquilino e quali sono le differenze

CONTINUA A LEGGERE

Rc professionale infermiere: cos’è e cosa copre

La assicurazione RC professionale infermiere è obbligatoria dal 2014 per gli infermieri e per gli OSS, gli operatori socio-sanitari. È uno strumento indispensabile per tutelare chi lavora come libero professionista, ma anche come dipendente e collaboratore. La RC infermiere protegge l’assicurato dalle eventuali richieste economiche derivanti da un errore o da una negligenza messa in

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Passaggio di proprietà moto: come fare, documenti

Acquistare o vendere una moto usata è il preludio a un’operazione obbligatoria: il passaggio di proprietà moto. Sia che si intenda acquistare la propria due ruote dei sogni o che sia voglia puntare su un modello d’epoca, la sostanza non cambia. Per poter circolare su strada senza incorrere in sanzioni, oltre all’assicurazione RC Moto obbligatoria,

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione infortuni domestici: cos’è e cosa copre

La assicurazione infortuni domestici copre gli infortuni provocati da incidenti capitati in casa e dalle loro conseguenze economiche. La polizza è obbligatoria dall’1 gennaio 2001 e si rivela particolarmente utile per tutelarsi nel proprio ambiente domestico. Chi deve sottoscrivere, cosa si intende e cosa copre la polizza infortuni domestici? Cos’è l’assicurazione infortuni domestici La assicurazione infortuni

CONTINUA A LEGGERE

Viaggi in moto Europa: quali sono le protezioni obbligatorie

Quando si fanno viaggi in moto Europa è fondamentale imparare le regole del paese che si intende visitare. Dopo aver individuato gli itinerari moto Europa da esplorare, dunque, c’è subito una domanda da porsi: quali sono le protezioni per moto da indossare? Le norme variano da paese a paese e sono spesso diverse da quelle

CONTINUA A LEGGERE