Proposta di acquisto: cos’è e come funziona

Comprare una casa rappresenta da sempre il punto d’arrivo dell’emancipazione di una persona. La ricerca dell’immobile giusto passa attraverso gusti personali e limiti di budget. Cosa fare una volta individuata la casa dei nostri sogni? La proposta di acquisto è a tutti gli effetti il primo passo per avviare il percorso che conduce all’obiettivo finale. Scopriamo di cosa si tratta, quando bisogna formulare la proposta acquisto immobile e quali sono i vincoli.

Cos’è la proposta d’acquisto

La proposta di acquisto immobile è la dichiarazione della volontà di comprare un’abitazione a un determinato prezzo. Da non confondersi con il preliminare, ovvero l’accordo scritto con cui il proprietario si impegna a vendere all’acquirente la proprietà dell’immobile, non prevede impegni vincolanti per l’acquirente. Si tratta, infatti, nella semplice firma di un modulo prestampato che viene fornito dall’agenzia immobiliare che si occupa della vendita dell’abitazione.

Proposta di acquisto immobiliare: caratteristiche

La proposta di acquisto non vincola nessuna delle parti in causa. Se l’acquirente non ha un obbligo successivo di comprare l’immobile, il venditore può – durante il periodo in cui la proposta d’acquisto è valida – valutare anche altre offerte. La proposta di acquisto casa può avere infatti una durata prestabilita. In questo modo il venditore dispone del tempo utile per decidere se accettarla o rifiutarla. Nel primo caso si avvia l’iter che porta al rogito per l’acquisizione vera e propria dell’immobile.

Come funziona la proposta di acquisto casa

Nel momento in cui si firma la proposta di acquisto, è obbligatorio versare una caparra acquisto casa. Questa somma in denaro ammonta viene calcolata sul valore complessivo dell’immobile e corrisposta mediante assegno da intestare al venditore. A questo punto la proposta può venire accettata o respinta dal venditore. In caso di accordo tra le parti, la caparra per l’acquisto può essere restituita oppure scalata dal prezzo finale dell’immobile. Qualora, invece, la proposta viene rifiutata dal venditore, la cifra impegnata viene restituita all’acquirente. Quest’ultimo può decidere se rinunciare all’acquisto oppure rilanciare, formulando una nuova e più vantaggiosa offerta.

Caparra acquisto casa: come funziona

Può inoltre verificarsi un’ulteriore circostanza, ovvero quella in cui l’acquirente si tira indietro nonostante la sua proposta di acquisto sia stata accettata. In questo caso ci sono due situazioni possibili:

  • Caparra penitenziale: se è previsto il diritto di recesso per una o entrambe le parti, l’acquirente perde la somma versata a titolo di proposta d’acquisto
  • Caparra confirmatoria: in questo caso, ovvero in quello in cui la somma di denaro serve per garantire l’adempimento delle obbligazioni contrattuali come previsto dall’articolo 1385 del Codice Civile, la controparte (venditore) può recedere dal contratto e trattenere la caparra a titolo di risarcimento del danno, senza bisogno di dimostrare l’ammontare del danno subito. Ciò significa che il compratore, oltre a perdere la caparra versata, rischia anche di subire una richiesta di risarcimento danni

Prima di formulare una proposta di acquisto occorre sempre leggere nel dettaglio tutte le condizioni contrattuali. Se sei alla ricerca del miglior mutuo per l’acquisto della tua casa, affidati al nostro comparatore semplice e intuitivo.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE