Anticipo TFR per acquisto prima casa o ristrutturazione

Il TFR, cioè il trattamento di fine rapporto, detto anche liquidazione, è una parte di retribuzione che viene erogata dal datore al dipendente alla conclusione del rapporto di lavoro. Quello che pochi sanno è che si può richiedere un anticipo del TFR per alcune spese, tra cui per l’acquisto di una prima casa per sé o per i figli. Come funziona? E come viene tassato questo anticipo TFR?

Anticipo TFR per acquisto prima casa

L’articolo 2120 del Codice civile (R.D. 16 marzo 1942, n.262) regola il trattamento di fine rapporto, cioè la liquidazione che spetta al lavoratore dipendente alla fine del suo contratto di lavoro. In questo articolo è anche spiegato come poter richiedere un anticipo del TFR per “spese sanitarie per terapie o interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche” e per “acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli, documentato con atto notarile.”

L’anticipo può essere ottenuto una sola volta nel corso del rapporto di lavoro. L’anticipo del TFR può essere richiesto dai lavoratori che hanno alle spalle almeno otto anni di servizio presso lo stesso datore e non può superare il 70%.

Anticipo TFR acquisto prima casa o ristrutturazione: quale tassazione?

Ottenuto l’anticipo del trattamento di fine rapporto per l’acquisto della prima casa, come ci si regola sulla tassazione? Come viene tassata quest’entrata? La buona notizia è che esiste un trattamento fiscale agevolato per l’anticipo del TFR: l’importo erogato è tassato con un’aliquota agevolata intorno al 23%.

Anticipo TFR: il datore di lavoro può rifiutare la richiesta?

Sì, il datore di lavoro può rifiutare la richiesta di anticipo qualora manchino i requisiti richiesti:

  • Non si rispetti il limite degli otto anni di anzianità o il documento notarile che certifichi l’acquisto della casa come abitazione principale;
  • È stata già concessa una richiesta di anticipo.
  • Il datore di lavoro ha già elargito il 10% di richieste previste;
  • È stata superato il totale dei dipendenti che, con pieno diritto, possono richiedere l’anticipo del TFR. Il limite è fissato dal Codice Civile al 4%.

Prestito prima casa o mutuo prima casa: un’alternativa per chi non può richiedere l’anticipo del TFR

Chiedere un anticipo della liquidazione è per molti un’alternativa al mutuo prima casa, anche se di solito non basta. È più conveniente sfruttare questa opportunità concessa dal Codice Civile ai lavoratori dipendenti come integrazione al mutuo stesso.

Grazie al nostro comparatore calcolare la tua rata di mutuo, da integrare con l’anticipo del TFR, è veloce, gratuito, e senza impegno. Inserisci i tuoi dati e ottieni il parere di fattibilità da parte della banca in 24 ore. Il tuo sogno non è mai stato così vicino, vero?

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione auto a rate: cos’è, quando conviene

Trovare l’assicurazione auto più adatta alle proprie esigenze non è un’impresa facile. Se la comparazione online rappresenta un ottimo metodo per rintracciare la migliore polizza auto, sul piatto della bilancia vanno poste più necessità. L’elevato costo di alcune assicurazioni RC Auto, soprattutto in certe regioni, complica la scelta. Per circolare su strada è però obbligatoria

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione scooter elettrico: costo, come risparmiare

Moto e scooter elettrico incarnano un’ottima soluzione per muoversi velocemente nel traffico rispettando l’ambiente. L’acquisto dei veicoli verdi è incentivato con dei bonus fiscali e non solo. Anche il prezzo assicurazione moto ricava benefici, a volte non trascurabili. Diverse compagnie offrono sconti notevoli sulla assicurazione scooter elettrico, con il premio che arriva a costare quasi la

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto temporanea 6 mesi: cos’è, vantaggi e svantaggi

Quando si cerca come risparmiare sulla polizza auto, una soluzione vantaggiosa è offerta dall’assicurazione auto temporanea. Questa formula costa meno rispetto all’assicurazione RC tradizionale e copre il contraente per il periodo in cui viene stipulata. Le compagnie assicurative offrono scadenze diverse. Quella mordi e fuggi è rappresentata dall’assicurazione giornaliera, ma esistono anche 3, 5, 10,

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Viaggiare sicuri in aereo: 5 consigli per risparmiare

Viaggiare in aereo è un’esperienza piacevole e indimenticabile. La prima volta non si scorda mai, anche se porta con sé un po’ di agitazione. La diffusione dei viaggi low cost ha fatto lievitare il numero di persone che amano partire in aereo. La velocità dello spostamento, la convenienza del prezzo dei biglietti e la possibilità

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione motorino: come scegliere la polizza moto 50cc

Sulle due ruote non si scherza, specie quando si tratta di motorini e ciclomotori di bassa cilindrata. In città il motorino è un mezzo di spostamento imbattibile: comodo e agile, consente di muoversi con facilità nel traffico e negli spazi stretti. Facile vittima di ladri o di piccoli incidenti, è fondamentale scegliere l’assicurazione motorino più

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto temporanea 3 giorni: conviene?

Pagare l’assicurazione auto soltanto nei giorni in cui si circola su strada, che sia anche solo per 3 giorni? Quella che può sembrare una suggestione, è realtà ormai da tempo. Diverse compagnie assicurative mettono a disposizione dei propri clienti formule alternative per la polizza auto. Non solo assicurazioni RC tradizionali, con pagamento annuale, ma anche a

CONTINUA A LEGGERE

Contratto di locazione turistica: durata, registrazione, tassazione

Sei proprietario di una casa e vuoi affittarla per un breve periodo? Puoi farlo grazie al contratto di locazione turistica. Questa formula permette di cedere un immobile per finalità transitorie, aiutando chi cerca una casa vacanze. Le finalità del richiedente possono essere diverse: dal viaggio di riposo, di affari o a scopo curativo. Per stipulare

CONTINUA A LEGGERE