Anticipo TFR per acquisto prima casa o ristrutturazione

Il TFR, cioè il trattamento di fine rapporto, detto anche liquidazione, è una parte di retribuzione che viene erogata dal datore al dipendente alla conclusione del rapporto di lavoro. Quello che pochi sanno è che si può richiedere un anticipo del TFR per alcune spese, tra cui per l’acquisto di una prima casa per sé o per i figli. Come funziona? E come viene tassato questo anticipo TFR?

Anticipo TFR per acquisto prima casa

L’articolo 2120 del Codice civile (R.D. 16 marzo 1942, n.262) regola il trattamento di fine rapporto, cioè la liquidazione che spetta al lavoratore dipendente alla fine del suo contratto di lavoro. In questo articolo è anche spiegato come poter richiedere un anticipo del TFR per “spese sanitarie per terapie o interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche” e per “acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli, documentato con atto notarile.”

L’anticipo può essere ottenuto una sola volta nel corso del rapporto di lavoro. L’anticipo del TFR può essere richiesto dai lavoratori che hanno alle spalle almeno otto anni di servizio presso lo stesso datore e non può superare il 70%.

Anticipo TFR acquisto prima casa o ristrutturazione: quale tassazione?

Ottenuto l’anticipo del trattamento di fine rapporto per l’acquisto della prima casa, come ci si regola sulla tassazione? Come viene tassata quest’entrata? La buona notizia è che esiste un trattamento fiscale agevolato per l’anticipo del TFR: l’importo erogato è tassato con un’aliquota agevolata intorno al 23%.

Anticipo TFR: il datore di lavoro può rifiutare la richiesta?

Sì, il datore di lavoro può rifiutare la richiesta di anticipo qualora manchino i requisiti richiesti:

  • Non si rispetti il limite degli otto anni di anzianità o il documento notarile che certifichi l’acquisto della casa come abitazione principale;
  • È stata già concessa una richiesta di anticipo.
  • Il datore di lavoro ha già elargito il 10% di richieste previste;
  • È stata superato il totale dei dipendenti che, con pieno diritto, possono richiedere l’anticipo del TFR. Il limite è fissato dal Codice Civile al 4%.

Prestito prima casa o mutuo prima casa: un’alternativa per chi non può richiedere l’anticipo del TFR

Chiedere un anticipo della liquidazione è per molti un’alternativa al mutuo prima casa, anche se di solito non basta. È più conveniente sfruttare questa opportunità concessa dal Codice Civile ai lavoratori dipendenti come integrazione al mutuo stesso.

Grazie al nostro comparatore calcolare la tua rata di mutuo, da integrare con l’anticipo del TFR, è veloce, gratuito, e senza impegno. Inserisci i tuoi dati e ottieni il parere di fattibilità da parte della banca in 24 ore. Il tuo sogno non è mai stato così vicino, vero?

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione casa eventi atmosferici: come funziona? È utile?

Assicurazione casa eventi atmosferici: come funziona? È utile? L’assicurazione casa è una delle protezioni più importanti della nostra vita. Tra le varie opzioni, ce n’è una spesso snobbata da chi vuole acquistare una polizza per la propria abitazione. La polizza casa eventi atmosferici è invece un’importante aggiunta alla propria tutela domestica. Scopriamo insieme da cosa

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento danni assicurazione casa: qual è l’iter da seguire

Risarcimento danni assicurazione casa: qual è l’iter da seguire Hai stipulato un’assicurazione casa per il tuo immobile di proprietà o per l’appartamento che abiti ed è in affitto? Hai subìto un danno e vuoi richiedere il giusto risarcimento? Scopri qual è l’iter da seguire per chiedere il risarcimento danni assicurazione casa. Comunica subito con la

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione appartamento: come funziona?

Il tuo appartamento è il posto accogliente dove torni dopo una lunga giornata di lavoro, dove i tuoi figli crescono, imparano, giocano, dove riposi, ti senti protetto. È fondamentale, quindi, volerlo assicurare per essere certi che sia sempre al sicuro, e voi al suo interno. Come funziona l’assicurazione appartamento? Scopriamolo insieme. Assicurazione casa: cosa è? L’assicurazione

CONTINUA A LEGGERE

Rendita vitalizia: cos’è? Come funziona?

La rendita vitalizia può essere un modo per rimpinguare la pensione. Molti italiani, già da anni, scelgono la rendita vitalizia come forma di pensione complementare. È un modo infatti per mettere da parte del denaro, farlo fruttare e ottenerlo indietro allo scadere del contratto. Come funziona? Rendita vitalizia: cos’è Per rendita si intende un contratto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE

Auto rubata e ritrovata: l’assicurazione paga lo stesso?

Auto rubata e ritrovata: l’assicurazione paga lo stesso? Un numero in calo ma sempre consistente. In Italia sono state 103.030 le automobili rubate nel 2017. I ritrovamenti (in calo dell’11,57% rispetto all’anno precedente) sono stati in tutto 49.801. Se ne ricava che più di una vettura ogni due non torna in possesso del legittimo proprietario.

CONTINUA A LEGGERE