Come ottenere fino al 75% di anticipo sul fondo pensione per l’acquisto della prima casa

Così come per il TFR è possibile richiedere un anticipo sulla previdenza complementare. Si può procedere però a sbloccare parte del denaro accumulato in un Fondo Pensione solo in determinate circostanze: tra queste figurano l’acquisto e la ristrutturazione della prima casa (per sé o per i figli). Siete interessati all’argomento? Vediamo come procedere, tenendo presente che i tempi burocratici potrebbero essere lunghi: meglio dunque muoversi per tempo e preparati! 

 

La casa di proprietà

Possedere un immobile è una delle priorità degli italiani tanto che oltre l’80% della popolazione vive in una casa di proprietà. Un dato che distacca pienamente il trend evidenziato per altri paesi come la Germania e la Francia mentre si allinea a quello della Spagna.

Nonostante la crisi e l’introduzione dell’IMU che crea ancora qualche incertezza, l’esigenza di acquistare un’abitazione resta forte. Il mattone è sempre percepito come un bene rifugio e la maggior parte delle neo-famiglie aspira ad un investimento immobiliare.

Negli ultimi tempi la diffidenza delle banche a concedere finanziamenti è elevata ma è bene ricordare che chi è iscritto a un Fondo Pensione oppure ha sottoscritto un PIP (Piano Individuale Pensionistico) può richiedere un anticipo della somma accantonata per l’acquisto della prima casa, sostenendo in questo modo parte delle spese.

Quando si può sbloccare il fondo pensione per la prima casa?

L’anticipazione per acquisto o ristrutturazione della prima casa (destinata a se stessi o ai figli) può arrivare fino ad un massimo del 75% della posizione maturata (al netto della tassazione calcolata per legge). La ritenuta di imposta su tale somma è del 23%. Requisito essenziale per poter procedere con la richiesta di anticipo sul Fondo Pensione è che si risulti iscritti alla previdenza complementare da minimo 8 anni.

Oltre all’anzianità di iscrizione che rimane immutata, nel caso di ristrutturazione sono condizioni essenziali per poter ottenere l’anticipo del Fondo Pensione:

  • interventi di manutenzione, ordinaria o straordinaria, documentati dalla società appaltatrice dei lavori che attesti che essi rientrano in quelli previsti dalla normativa
  • importo impiegato superiore ai 5mila euro.

E’ inoltre  importante sapere che, come ha ricordato la Covip (Commissione predisposta alla Vigilanza sui fondi pensione), per il calcolo degli 8 anni fa fede la data di iscrizione, anche se il periodo ha visto versamenti contributivi non consecutivi. Gli 8 anni di anzianità nella previdenza complementare rappresentano quindi una sorta di barriera valida solamente per la prima richiesta, superata la quale se necessario è possibile ottenere altre anticipazioni.

Salvo la condizione degli 8 anni, questo tipo di anticipo può variare in base alla tipologia di previdenza complementare sottoscritta. Generalmente si riferisce all’acquisto della prima casa, sede della residenza e del centro di interessi della persona.

Una volta verificate le condizioni per ottenere l’anticipo è fondamentale quindi scegliere il mutuo più in linea con le proprie esigenze, stabilendo un piano di ammortamento che non vada ad intaccare il proprio tenore di vita e verificando sempre con attenzione la scelta del tipo di interesse, lo spread e tutte le spese applicate.

Confronta qui oltre 400 proposte di mutuo a tassi convenienti e scopri la migliore soluzione per l’acquisto della tua prima casa.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione casa eventi atmosferici: come funziona? È utile?

Assicurazione casa eventi atmosferici: come funziona? È utile? L’assicurazione casa è una delle protezioni più importanti della nostra vita. Tra le varie opzioni, ce n’è una spesso snobbata da chi vuole acquistare una polizza per la propria abitazione. La polizza casa eventi atmosferici è invece un’importante aggiunta alla propria tutela domestica. Scopriamo insieme da cosa

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento danni assicurazione casa: qual è l’iter da seguire

Risarcimento danni assicurazione casa: qual è l’iter da seguire Hai stipulato un’assicurazione casa per il tuo immobile di proprietà o per l’appartamento che abiti ed è in affitto? Hai subìto un danno e vuoi richiedere il giusto risarcimento? Scopri qual è l’iter da seguire per chiedere il risarcimento danni assicurazione casa. Comunica subito con la

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione appartamento: come funziona?

Il tuo appartamento è il posto accogliente dove torni dopo una lunga giornata di lavoro, dove i tuoi figli crescono, imparano, giocano, dove riposi, ti senti protetto. È fondamentale, quindi, volerlo assicurare per essere certi che sia sempre al sicuro, e voi al suo interno. Come funziona l’assicurazione appartamento? Scopriamolo insieme. Assicurazione casa: cosa è? L’assicurazione

CONTINUA A LEGGERE

Rendita vitalizia: cos’è? Come funziona?

La rendita vitalizia può essere un modo per rimpinguare la pensione. Molti italiani, già da anni, scelgono la rendita vitalizia come forma di pensione complementare. È un modo infatti per mettere da parte del denaro, farlo fruttare e ottenerlo indietro allo scadere del contratto. Come funziona? Rendita vitalizia: cos’è Per rendita si intende un contratto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE

Auto rubata e ritrovata: l’assicurazione paga lo stesso?

Auto rubata e ritrovata: l’assicurazione paga lo stesso? Un numero in calo ma sempre consistente. In Italia sono state 103.030 le automobili rubate nel 2017. I ritrovamenti (in calo dell’11,57% rispetto all’anno precedente) sono stati in tutto 49.801. Se ne ricava che più di una vettura ogni due non torna in possesso del legittimo proprietario.

CONTINUA A LEGGERE