assistenza@quale.it
  06 9480 8090
  339 995 7510
  facebook messenger

Viaggiare con la propria auto all’estero: come fare con l’assicurazione?

Le feste natalizie si avvicinano e insieme all’attesa cresce anche la voglia di regalarsi una vacanza. Quella di superare i confini e di concedersi un periodo di ferie all’estero è una peculiarità che accomuna sempre più italiani. Per raggiungere uno Stato straniero, però, non è certo l’aereo l’unico mezzo idoneo. Anche i cultori dell’automobile e i nostalgici del viaggio on the road possono trovare pane per i loro denti, purché provvisti di una assicurazione auto per l’estero.

Fin dove ha validità la mia assicurazione?

Ancor prima di allacciare le cinture è basilare conoscere i limiti di validità del proprio contratto RCA. La sua efficacia è territoriale e abbraccia, dunque, l’intera area dell’Unione Europea. Nelle seguenti nazioni sarà necessario tenere nel proprio veicolo soltanto il certificato di assicurazione: Andorra, Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Galles, Germania, Grecia, Inghilterra, Irlanda, Irlanda del Nord, Islanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Scozia, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e Ungheria.

Carta Verde per viaggiare in auto al di fuori dell’Unione Europea

Sfatiamo pertanto un falso mito: per viaggiare in territorio straniero non occorre disporre o munirsi di una polizza estera. All’atto della sottoscrizione di un’assicurazione auto in Italia, infatti, gran parte delle compagnie rilascia (in caso contrario è necessario farne richiesta), sotto la responsabilità dell’Ufficio Nazionale di Assicurazione della Nazione in cui il veicolo viene assicurato, la cosiddetta Carta Verde, ossia il documento che permette di circolare regolarmente con copertura RCA nelle nazioni al di fuori dell’Unione Europea. Chi ne risulta sprovvisto è obbligato ad acquistare una polizza temporanea, spesso molto costosa.

Carta Verde: come, dove e quando serve

L’assicurazione italiana ,invece, non ha validità al di fuori dell’UE e necessita di essere accompagnata dalla Carta Verde nei seguenti Paesi: Albania, Azerbaijan, Bielorussia, Bosnia Erzegovina, Iran, Israele, Macedonia, Moldavia, Montenegro, Russia, Tunisia, Turchia e Ucraina. La circolazione negli Stati esclusi da questo elenco e dal precedente è invece soggetta all’emissione di una polizza alla frontiera.

L’alternativa della polizza estera

Mettersi in viaggio sapendo di poter contare sulla migliore assicurazione auto possibile è un’esigenza per ogni guidatore. Negli ultimi anni, favorito anche dalle tariffe decisamente concorrenziali,  è cresciuto il numero delle polizze estere. Chi decidesse di stipularla potrà circolare con la Carta Verde in Italia e la sua assicurazione durerà un anno. Alla scadenza il veicolo dovrà essere immatricolato in una nazione straniera. Lo stesso discorso vale per chi dovesse prolungare la propria permanenza al di fuori dei confini nazionali facendo scadere la sua indennità. In tal caso, al suo rientro in Italia, la nuova polizza sottoscritta in terra straniera avrà validità di un anno.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione 15 giorni dopo la scadenza: quali danni copre?

Assicurazione 15 giorni dopo la scadenza: quali danni copre? L’abolizione del tacito rinnovo ha cambiato notevolmente le abitudini degli italiani sul tema dell’assicurazione auto. Dal gennaio 2013 è infatti venuta meno la clausola, prevista da molte compagnie assicurative, del rinnovo automatico delle polizze in assenza di disdetta. Volta a favorire chi è intenzionato a cambiare

CONTINUA A LEGGERE

IPT auto: cos’è e quanto costa

IPT auto: cos’è e quanto costa Tra le tante tasse che colpiscono la nostra auto ce n’è una particolarmente “fastidiosa”: l’IPT. L’imposta provinciale di trascrizione grava su tutti i veicoli italiani. Deve essere versata sia quando si acquista un’auto nuova che quando se ne acquista una usata e va direttamente nelle casse delle Province. L’imposta

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione scolastica: cos’è e come funziona

Assicurazione scolastica: cos’è e come funziona Tra i banchi di scuola i nostri figli trascorrono mediamente 200 giorni all’anno. La prerogativa di ogni genitore è quella di poter stare tranquillo durante le ore che scandiscono le lezioni. A salvaguardare la sicurezza degli studenti durante l’attività didattica ci pensa l’assicurazione scolastica. Questa polizza è obbligatoria per

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo Il bollo auto è una tassa che ogni possessore di auto iscritta al PRA (Pubblico registro Automobilistico) è tenuto a pagare annualmente. In passato era definito “tassa di circolazione”, in quanto dal suo versamento erano esentati i proprietari di veicoli che non circolavano su strada. L’entrata in vigore dall’articolo

CONTINUA A LEGGERE

Il noleggio a lungo termine

Il noleggio a lungo termine Utilizzare l’automobile solo quando serve davvero e pagarla a consumo. Se il car sharing, pratica introdotta in Italia da pochi anni e diventata subito prassi, ha aperto una strada, il noleggio a lungo termine appare pronto a solcarla. Di cosa si tratta? Nato come servizio per le aziende, che se

CONTINUA A LEGGERE

Eccesso di velocità: quali effetti sulla assicurazione auto?

Eccesso di velocità: quali effetti sulla assicurazione auto? Sei appena stato multato per eccesso di velocità e vuoi sapere se ci saranno ripercussioni anche sul premio della tua assicurazione auto? Allora questo è il posto giusto per te! Come saprai, il codice stradale italiano non prevede un unico limite di sicurezza su strada. A determinarlo

CONTINUA A LEGGERE