Viaggiare con la propria auto all’estero: come fare con l’assicurazione?

Le feste natalizie si avvicinano e insieme all’attesa cresce anche la voglia di regalarsi una vacanza. Quella di superare i confini e di concedersi un periodo di ferie all’estero è una peculiarità che accomuna sempre più italiani. Per raggiungere uno Stato straniero, però, non è certo l’aereo l’unico mezzo idoneo. Anche i cultori dell’automobile e i nostalgici del viaggio on the road possono trovare pane per i loro denti, purché provvisti di una assicurazione auto per l’estero.

Fin dove ha validità la mia assicurazione?

Ancor prima di allacciare le cinture è basilare conoscere i limiti di validità del proprio contratto RCA. La sua efficacia è territoriale e abbraccia, dunque, l’intera area dell’Unione Europea. Nelle seguenti nazioni sarà necessario tenere nel proprio veicolo soltanto il certificato di assicurazione: Andorra, Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Galles, Germania, Grecia, Inghilterra, Irlanda, Irlanda del Nord, Islanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Scozia, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e Ungheria.

Carta Verde per viaggiare in auto al di fuori dell’Unione Europea

Sfatiamo pertanto un falso mito: per viaggiare in territorio straniero non occorre disporre o munirsi di una polizza estera. All’atto della sottoscrizione di un’assicurazione auto in Italia, infatti, gran parte delle compagnie rilascia (in caso contrario è necessario farne richiesta), sotto la responsabilità dell’Ufficio Nazionale di Assicurazione della Nazione in cui il veicolo viene assicurato, la cosiddetta Carta Verde, ossia il documento che permette di circolare regolarmente con copertura RCA nelle nazioni al di fuori dell’Unione Europea. Chi ne risulta sprovvisto è obbligato ad acquistare una polizza temporanea, spesso molto costosa.

Carta Verde: come, dove e quando serve

L’assicurazione italiana ,invece, non ha validità al di fuori dell’UE e necessita di essere accompagnata dalla Carta Verde nei seguenti Paesi: Albania, Azerbaijan, Bielorussia, Bosnia Erzegovina, Iran, Israele, Macedonia, Moldavia, Montenegro, Russia, Tunisia, Turchia e Ucraina. La circolazione negli Stati esclusi da questo elenco e dal precedente è invece soggetta all’emissione di una polizza alla frontiera.

L’alternativa della polizza estera

Mettersi in viaggio sapendo di poter contare sulla migliore assicurazione auto possibile è un’esigenza per ogni guidatore. Negli ultimi anni, favorito anche dalle tariffe decisamente concorrenziali,  è cresciuto il numero delle polizze estere. Chi decidesse di stipularla potrà circolare con la Carta Verde in Italia e la sua assicurazione durerà un anno. Alla scadenza il veicolo dovrà essere immatricolato in una nazione straniera. Lo stesso discorso vale per chi dovesse prolungare la propria permanenza al di fuori dei confini nazionali facendo scadere la sua indennità. In tal caso, al suo rientro in Italia, la nuova polizza sottoscritta in terra straniera avrà validità di un anno.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Incidente con auto immatricolata all’estero: cosa fare, come ottenere il risarcimento

Incidente con auto immatricolata all’estero: cosa fare, come ottenere il risarcimento Un caso raro, ma non unico. Quella che viene vista come una possibilità decisamente remota per buona parte degli automobilisti, è in realtà un’ipotesi che può verificarsi. Di cosa stiamo parlando? Di un incidente con un’automobile immatricolata fuori dai confini italiani. Come bisogna comportarsi?

CONTINUA A LEGGERE

Smarrimento targa auto: cosa fare

Smarrimento targa auto: cosa fare Smarrimento targa auto: può sembrare un evento improbabile, eppure non è così. Perdita mentre si viaggia a velocità sostenuta, furto auto in cui il veicolo non viene ritrovato intatto, un mero atto vandalico. Le possibilità di imbattersi in questa situazione spiacevole sono, purtroppo per gli automobilisti, molteplici. Il Codice della

CONTINUA A LEGGERE

Spostare auto senza assicurazione: come farlo, sanzioni

Spostare auto senza assicurazione: come farlo, sanzioni Dover spostare un’automobile sprovvista di circolazione è un’eventualità che può capitare a ciascuno di noi. Pensiamo ad esempio a due semplici casi: quando la ritiriamo dalla concessionaria e vogliamo accoglierla per la prima volta o, viceversa, quando vogliamo rottamarla magari dopo un lungo stallo casalingo. Di dinamiche simili,

CONTINUA A LEGGERE

Tempi immatricolazione moto nuova

Tempi immatricolazione moto nuova Quando si acquista una moto nuova ci sono dei passaggi tecnici obbligatori prima di poter circolare su strada. Ancor prima di scegliere il casco che più ci piace e di tutelarci con le migliori protezioni, è infatti d’uopo provvedere all’immatricolazione. Questa procedura va effettuata presso la Motorizzazione e dovrà essere accompagnata

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Abbigliamento invernale ciclismo: come vestirsi nei mesi freddi

Abbigliamento invernale ciclismo: come vestirsi nei mesi freddi Italia: terra di mare, sole e cicloamatori. Ma cosa accade quando i mesi caldi terminano e la voglia di pedalare non scema? Anche in inverno sono infatti molti i ciclisti, più o meno esperti, che non perdono il vizio di concedersi una salutare sgambata. A prescindere dal

CONTINUA A LEGGERE

Trasportare bici in treno: condizioni, prezzi e assicurazione

Trasportare bici in treno: condizioni, prezzi e assicurazione Vivi a pochi metri dalla spiaggia ma da sempre ti affascinano le imprese dei grandi scalatori. Oppure sei nato in montagna e vuoi ristorarti con una bella pedalata sul lungomare. Non preoccuparti, non sei l’unico a dover affrontare certi problemi. In Italia sono infatti molti i ciclisti

CONTINUA A LEGGERE

Anticipo TFR per acquisto auto

Anticipo TFR per acquisto auto L’acquisto di un’auto nuova è una scelta che negli ultimi anni è stata fortemente condizionata dalla crisi economica. Mentre fino ai primi anni del nuovo secolo non erano inconsueti i casi di spese per togliersi uno sfizio, mai come oggi chi si reca da un concessionario lo fa per necessità.

CONTINUA A LEGGERE

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma È uno dei vocaboli con i quali si inizia a familiarizzare ancor prima di diventare automobilisti, eppure non tutti hanno chiaro cosa significhi. La constatazione amichevole di incidente è il modulo che offre una visione completa di ciò che avviene sulla scena del sinistro. Il suo nome corretto

CONTINUA A LEGGERE