assistenza@quale.it
  06 9480 8090
  339 995 7510
  facebook messenger

Testacoda: cos’è e come evitarlo

Sei un appassionato di competizioni automobilistiche e conosci già il significato del termine Traction Control? Allora questo articolo fa al caso tuo! Ma anche se sei un comune automobilista interessato a perfezionare il tuo stile di guida, le prossime righe ti saranno decisamente utili. Tra le evoluzioni più spettacolari in una gara di Formula 1 c’è senza dubbio il testacoda. La manovra può essere accidentale o voluta, se si pensa che i piloti la compiono per festeggiare i propri trionfi e catturare gli applausi del pubblico. Ma cosa accade se si va incontro a un testacoda in strada?

Quando si parla di testacoda

Il fenomeno del testacoda si verifica quando l’automobile effettua una rotazione di almeno 180 gradi prima di arrestare la propria marcia.

L’origine del nome è semplice: se ne parla, infatti, quando la parte anteriore (la cosiddetta “testa”) finisce col trovarsi dove prima risiedeva la posteriore (“coda”) e viceversa. Ovviamente si usa il termine testa-coda anche in riferimento a rotazioni complete, di 360 gradi, o quando la vettura ne compie più di una su sé stessa.

Le cause del testacoda

Per eccesso di velocità e non solo. Diverse variabili concorrono infatti a generare il fenomeno del testacoda. Tra queste rientrano le condizioni della sede stradale (buche o sassi) e la presenza di elementi terzi (detriti, macchie d’olio) atti a favorire la perdita di aderenza della vettura. Qualora il guidatore non sia in grado di controsterzare immediatamente, il fenomeno diventa pressoché inevitabile. La “piroetta” può generarsi anche a seguito di una frenata troppo violenta o di un errore umano, quale può essere un’accelerata troppo brusca in uscita da una curva (con auto a trazione posteriore) o di una scelta consapevole come l’azionamento del freno a mano che agisce sulle ruote posteriori agevolando lo scivolamento.

Come comportarsi in caso di testacoda

Mantenere il sangue freddo è il requisito essenziale per evitare danni importanti al proprio veicolo. Per questo è sempre consigliato seguire, almeno una volta nella vostra vita da driver, un corso di guida sicura. Concorrono a limitare i rischi una corretta manutenzione del veicolo, specie sul versante degli pneumatici, l’osservanza del Codice della Strada e uno stile di guida oculato. La corretta distribuzione degli assetti, la prudenza e una condotta moderata (guai ad entrare in curva a velocità sostenuta!), però, potrebbero non bastare. Per incrementare la sicurezza auto è allora sempre opportuno affidarsi alla migliore assicurazione auto presente sul mercato. Ricorda di affidarti a quella più adatta alle tue esigenze confrontando le migliori offerte presenti sul mercato. Ti basteranno pochi click per generare un preventivo gratuito che avrà validità per 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto per donne: con quale modello iniziare?

Moto per donne: con quale modello iniziare? In Italia la passione per le moto coinvolge sempre più donne. La crescita costante del numero delle due ruote senza motore circolanti sulle strade del Belpaese si traduce in un aumento che riguarda inevitabilmente anche il gentil sesso. E sin dalla tenera età. Rispetto al passato, infatti, sono

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione 15 giorni dopo la scadenza: quali danni copre?

Assicurazione 15 giorni dopo la scadenza: quali danni copre? L’abolizione del tacito rinnovo ha cambiato notevolmente le abitudini degli italiani sul tema dell’assicurazione auto. Dal gennaio 2013 è infatti venuta meno la clausola, prevista da molte compagnie assicurative, del rinnovo automatico delle polizze in assenza di disdetta. Volta a favorire chi è intenzionato a cambiare

CONTINUA A LEGGERE

IPT auto: cos’è e quanto costa

IPT auto: cos’è e quanto costa Tra le tante tasse che colpiscono la nostra auto ce n’è una particolarmente “fastidiosa”: l’IPT. L’imposta provinciale di trascrizione grava su tutti i veicoli italiani. Deve essere versata sia quando si acquista un’auto nuova che quando se ne acquista una usata e va direttamente nelle casse delle Province. L’imposta

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione scolastica: cos’è e come funziona

Assicurazione scolastica: cos’è e come funziona Tra i banchi di scuola i nostri figli trascorrono mediamente 200 giorni all’anno. La prerogativa di ogni genitore è quella di poter stare tranquillo durante le ore che scandiscono le lezioni. A salvaguardare la sicurezza degli studenti durante l’attività didattica ci pensa l’assicurazione scolastica. Questa polizza è obbligatoria per

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene Il conto in banca scende ma la necessità di acquistare un’auto nuova si fa sempre più stringente? Niente paura. Anche in un periodo di recessione economica sarà possibile soddisfare il proprio bisogno di cambiare vettura. Purché, che sia essa nuova o usata, non si decida di comprarla in

CONTINUA A LEGGERE

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo Il bollo auto è una tassa che ogni possessore di auto iscritta al PRA (Pubblico registro Automobilistico) è tenuto a pagare annualmente. In passato era definito “tassa di circolazione”, in quanto dal suo versamento erano esentati i proprietari di veicoli che non circolavano su strada. L’entrata in vigore dall’articolo

CONTINUA A LEGGERE

Il noleggio a lungo termine

Il noleggio a lungo termine Utilizzare l’automobile solo quando serve davvero e pagarla a consumo. Se il car sharing, pratica introdotta in Italia da pochi anni e diventata subito prassi, ha aperto una strada, il noleggio a lungo termine appare pronto a solcarla. Di cosa si tratta? Nato come servizio per le aziende, che se

CONTINUA A LEGGERE