Targa straniera: novità moto, confisca

Targa straniera: novità moto, confisca

Il Decreto sicurezza, convertito in legge il 28 novembre 2018, ha stabilito interessanti novità sul versante delle targhe. Chiunque negli anni scorsi abbia circolato con targa straniera in Italia, non potrà più farlo. È stato infatti imposto lo stop alla pratica dell’esterovestizione, ovvero l’immatricolazione di veicoli di proprietà con targhe estere. Allo stesso modo non si potranno prendere mezzi targati all’estero in leasing o a noleggio attraverso operatori con sede in Italia.

Targa estera: chi la usa

Le due modifiche al Codice della Strada comportano pertanto una stretta su un argomento spinoso. Nel corso degli anni sono stati infatti molti i furbetti che, disponendo di una targa straniera, hanno evitato di pagare bolli moto, multe e revisioni, oltre a godere di premi esigui sulla propria assicurazione moto, che ricordiamo essere obbligatoria per legge, e a sottrarsi all’erario risultando di fatto invisibili.  Questa consuetudine era decisamente diffusa tra italiani che acquistavano vicoli di lussi o ne esportavano altri, sia per targarli nuovamente che per non pagare il superbollo. Ma anche da stranieri. Quelli regolari per acquistare un mezzo in Italia e immatricolarlo nel loro paese d’origine, quelli irregolari per sfuggire (con targa estera) all’identificazione.

Targa straniera: variazioni Codice della Strada

Ad essere stati integrati sono gli articoli 93 e 132 del Codice della Strada. Su quest’ultimo è stato inserito l’obbligo di rimpatriare il veicolo, consegnando contestualmente targhe e documenti esteri, dopo un anno dall’immatricolazione se non si è provveduto a reimmatricolarlo in Italia durante il suddetto periodo. Per quanto concerne l’articolo 93, invece, è stato inserito il divieto di circolare in Italia con un veicolo immatricolato all’estero ai residenti da oltre 60 giorni, a meno che a bordo non ci sia un documento di data certa sottoscritto dall’intestatario del veicolo dal quale risultino il titolo e la durata della disponibilità dello stesso. In caso di leasing o noleggio, per essere in regola basterà disporre di una dichiarazione della compagnia intestataria del mezzo, purché abbia sede all’estero.

Multe e sanzioni

Chiunque non rispetti le nuove normative sul tema targa moto e targa auto va incontro a una sanzione pecuniaria di almeno 712 euro. Inoltre sarà soggetto all’obbligo di conservare il veicolo in deposito e immatricolarlo entro 180 giorni. Al decorrere dei suddetti termini, si andrà incontro alla confisca. Una volta pagata la multa, si può in alternativa consegnare targhe e documenti alla Motorizzazione, che da par suo rilascerà il foglio di via e la targa provvisoria per condurre il veicolo al di fuori dei confini nazional.

Se ti ritrovi in queste categorie o, semplicemente, se vuoi saperne di più sulla targa moto, visita il nostro sito. Su Quale.it potrai restare aggiornato e soprattutto aggiornare la tua assicurazione moto ottenendo sempre il prezzo più vantaggioso. Ti basterà inserire i dati del tuo veicolo per generare un preventivo gratuito che resterà valido per i successivi 60 giorni dandoti tutto il tempo necessario per valutare se convalidarlo o meno.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Carta di circolazione moto: cos’è, come leggerla

“Favorisca patente e libretto”. Quante volte ci è capitato di imbatterci in una frase del genere? Se siete stati guidatori fortunati l’avrete ascoltata magari soltanto in tv, ma se circolate su strada da tanto è inevitabile non essere stati almeno una volta i destinatari della richiesta. I documenti richiesti dalle Forze dell’Ordine nei controlli di

CONTINUA A LEGGERE

Auto per disabili: agevolazioni acquisto, assicurazione e bollo

In Italia ci sono oltre 4,5 milioni di disabili. 160.000 sono invece le patenti B speciali attive, ovvero quelle riservate alle persone affette da handicap e che permettono di guidare auto per disabili. Lo Stato e le singole regioni prevedono diversi aiuti per il loro acquisto. Scopriamo insieme di quali si tratta e come accedervi.

CONTINUA A LEGGERE

Incidente in famiglia: si viene risarciti dall’assicurazione?

Restare coinvolti in un incidente stradale. Una paura recondita per la maggior parte degli automobilisti, una spiacevole circostanza capitata a molti. Una volta valutate le condizioni fisiche e del veicolo e accertate le responsabilità, facendo affidamento sull’assicurazione responsabilità civile obbligatoria per legge, giunge il momento di ricevere l’indennizzo. A questo punto sarà la compagnia assicuratrice

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche

CONTINUA A LEGGERE

Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

La rivalsa è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il

CONTINUA A LEGGERE

Come proteggere gli animali dai botti

Come proteggere gli animali dai botti I botti, i petardi e i fuochi d’artificio sono frequentissimi durante le feste, specialmente a Capodanno, dove purtroppo fanno danni anche tra le persone. Ogni anno seguiamo il bollettino in tv: ragazzi che perdono dita o perfino interi arti, per il divertimento di una sera. Quello a cui pochi

CONTINUA A LEGGERE

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE