Targa straniera: novità moto, confisca

Targa straniera: novità moto, confisca

Il Decreto sicurezza, convertito in legge il 28 novembre 2018, ha stabilito interessanti novità sul versante delle targhe. Chiunque negli anni scorsi abbia circolato con targa straniera in Italia, non potrà più farlo. È stato infatti imposto lo stop alla pratica dell’esterovestizione, ovvero l’immatricolazione di veicoli di proprietà con targhe estere. Allo stesso modo non si potranno prendere mezzi targati all’estero in leasing o a noleggio attraverso operatori con sede in Italia.

Targa estera: chi la usa

Le due modifiche al Codice della Strada comportano pertanto una stretta su un argomento spinoso. Nel corso degli anni sono stati infatti molti i furbetti che, disponendo di una targa straniera, hanno evitato di pagare bolli moto, multe e revisioni, oltre a godere di premi esigui sulla propria assicurazione moto, che ricordiamo essere obbligatoria per legge, e a sottrarsi all’erario risultando di fatto invisibili.  Questa consuetudine era decisamente diffusa tra italiani che acquistavano vicoli di lussi o ne esportavano altri, sia per targarli nuovamente che per non pagare il superbollo. Ma anche da stranieri. Quelli regolari per acquistare un mezzo in Italia e immatricolarlo nel loro paese d’origine, quelli irregolari per sfuggire (con targa estera) all’identificazione.

Targa straniera: variazioni Codice della Strada

Ad essere stati integrati sono gli articoli 93 e 132 del Codice della Strada. Su quest’ultimo è stato inserito l’obbligo di rimpatriare il veicolo, consegnando contestualmente targhe e documenti esteri, dopo un anno dall’immatricolazione se non si è provveduto a reimmatricolarlo in Italia durante il suddetto periodo. Per quanto concerne l’articolo 93, invece, è stato inserito il divieto di circolare in Italia con un veicolo immatricolato all’estero ai residenti da oltre 60 giorni, a meno che a bordo non ci sia un documento di data certa sottoscritto dall’intestatario del veicolo dal quale risultino il titolo e la durata della disponibilità dello stesso. In caso di leasing o noleggio, per essere in regola basterà disporre di una dichiarazione della compagnia intestataria del mezzo, purché abbia sede all’estero.

Multe e sanzioni

Chiunque non rispetti le nuove normative sul tema targa moto e targa auto va incontro a una sanzione pecuniaria di almeno 712 euro. Inoltre sarà soggetto all’obbligo di conservare il veicolo in deposito e immatricolarlo entro 180 giorni. Al decorrere dei suddetti termini, si andrà incontro alla confisca. Una volta pagata la multa, si può in alternativa consegnare targhe e documenti alla Motorizzazione, che da par suo rilascerà il foglio di via e la targa provvisoria per condurre il veicolo al di fuori dei confini nazional.

Se ti ritrovi in queste categorie o, semplicemente, se vuoi saperne di più sulla targa moto, visita il nostro sito. Su Quale.it potrai restare aggiornato e soprattutto aggiornare la tua assicurazione moto ottenendo sempre il prezzo più vantaggioso. Ti basterà inserire i dati del tuo veicolo per generare un preventivo gratuito che resterà valido per i successivi 60 giorni dandoti tutto il tempo necessario per valutare se convalidarlo o meno.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Come cancellarsi da Facebook per sempre

Amore e odio per molti, Facebook è il social network più diffuso della Terra eppure non tutti lo amano. C’è chi infatti lo trova solo una perdita di tempo o un posto dove si litiga senza motivo. È in aumento, infatti, il numero di utenti italiani che hanno deciso di disattivare il proprio account definitivamente.

CONTINUA A LEGGERE

Come formattare iPhone? Ecco una guida semplice

Sei costretto a formattare il tuo iPhone? Hai necessità di ripristinare le impostazioni di fabbrica, magari per migliorarne le prestazioni o perché hai avuto un problema? Formattare l’iPhone è molto facile, non è roba da smanettoni e può farlo chiunque. Andiamo al sodo! Formattare l’iPhone: cosa fare prima di procedere La primissima cosa da fare,

CONTINUA A LEGGERE

Cambiare compagnia assicurativa: quando è possibile?

Cambiare compagnia assicurativa: quando è possibile? Quando è possibile cambiare la compagnia assicurativa alla quale ci si è rivolti per sottoscrivere la propria polizza RC Auto? La domanda può apparire banale, ma l’argomento è serio e merita un approfondimento adeguato. L’abolizione del tacito rinnovo contratto, voluta nel 2012 dal Governo Monti, ha infatti generato una

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro La loro diffusione ha conosciuto una sensibile impennata negli ultimi anni e ha innescato un dibattito acceso tra gli appassionati. Stiamo parlando dei freni a disco bici, sempre più utilizzati anche tra gli utilizzatori di telai da strada e non soltanto appannaggio dei bikers. Questione di

CONTINUA A LEGGERE

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo Per i ciclisti che non hanno la fortuna di vivere in posti caldi o quelli particolarmente intolleranti alle temperature rigide, l’inverno è un periodo particolarmente complicato per mantenere rapporti cordiali con la propria due ruote. A maggior ragioni i mesi freddi sono quelli in più è

CONTINUA A LEGGERE

Legge di Bilancio 2019: novità auto

Legge di Bilancio 2019: novità auto La Legge di Bilancio 2019 ha introdotto importanti novità nel settore auto. L’approvazione alla Camera della legge di stabilità ha infatti confermato buona parte delle voci che si erano succedute nei mesi precedenti. Gli argomenti sulla bocca di tutti sono stati sostanzialmente due: Ecobonus ed Ecotassa. Invece le modifiche

CONTINUA A LEGGERE

Abbigliamento invernale ciclismo: come vestirsi nei mesi freddi

Abbigliamento invernale ciclismo: come vestirsi nei mesi freddi Italia: terra di mare, sole e cicloamatori. Ma cosa accade quando i mesi caldi terminano e la voglia di pedalare non scema? Anche in inverno sono infatti molti i ciclisti, più o meno esperti, che non perdono il vizio di concedersi una salutare sgambata. A prescindere dal

CONTINUA A LEGGERE