Smarrimento targa auto: cosa fare

Smarrimento targa auto: cosa fare

Smarrimento targa auto: può sembrare un evento improbabile, eppure non è così. Perdita mentre si viaggia a velocità sostenuta, furto auto in cui il veicolo non viene ritrovato intatto, un mero atto vandalico. Le possibilità di imbattersi in questa situazione spiacevole sono, purtroppo per gli automobilisti, molteplici. Il Codice della Strada impone il divieto di circolare su strada senza targa: questa dovrà infatti essere visibile e pulita. Rientra tra gli obblighi, come essere muniti di un’assicurazione auto, e la sua non osservanza comporta multe a sanzioni.

Quale procedura seguire

L’iter che stiamo per spiegare è analogamente valido per la perdita targa macchina o targa moto. Qualora si vada incontro alla perdita di targa automezzo, sia anteriore che posteriore, questa è la procedura da seguire.

  •         Denunciare immediatamente lo smarrimento alla Polizia Municipale
  •         Fornire alle autorità competenti informazioni personali e relative al veicolo
  •         Dare conto della dinamica che ha provocato lo smarrimento e di tutti i dati utili alla ricostruzione

A questo punto non resta che incrociare le dita e attendere eventuali buone notizie.

Tempi e nuova immatricolazione

Ma quanto a lungo? Una volta ritirato una copia del modulo di riferimento della denuncia dettagliatamente compilato, occorre attendere circa 15-20 giorni. Superato questo tempo le Forze dell’Ordine escludono il ritrovamento e si deve procedere con la seconda fase. A questo punto diventa infatti necessario recarsi al Dipartimento dei trasporti terrestri e compilare il modulo con la richiesta di una nuova targa.

Questa procedura permetterà di ottenerla, ma comporterà anche una nuova immatricolazione auto. Alla documentazione di cui sopra andrà allegata copia della denuncia effettuata, la vecchia carta di circolazione e le ricevuta dei versamenti. Per disporre di una nuova targa auto occorrerà effettuare quattro versamenti diversi per un totale di circa 130 euro. Una volta eseguiti, sarà sufficiente trasmettere domanda di “Reintegro targhe, libretto” al Dipartimento dei Trasporti. In attesa di circolare con la nuova targa si potrà farlo con una provvisoria che dovrà avere le stesse dimensioni di quella persa.

È utile sapere, inoltre, che alcune compagnie offrono una copertura aggiuntiva per situazioni del genere, garantendo il rimborso delle spese sostenute per l’ottenimento di una nuova targa. Se hai bisogno di stipulare una nuova polizza RC Auto o di rinnovare quella attualmente esistente, è una condizione da tenere a mente. Per prendere la decisione migliore ti consigliamo allora di consultare il nostro sito, sul quale ti sarà possibile confrontare le offerte online sull’assicurazione auto. Avrai modo di generare gratuitamente un preventivo che resterà valido 60 giorni, dandoti tutto il tempo per fare la scelta giusta.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Google+: perché cancellare il profilo?

Google+: perché cancellare il profilo? Perché cancellare il proprio profilo da Google+ e come farlo? Dal 2 aprile 2019 Google+ chiude i battenti. Dopo tanti anni in cui il social network di Google ha provato a dare filo da torcere a Facebook, ha finalmente perso la battaglia. Sai che molto probabilmente hai un profilo su

CONTINUA A LEGGERE

Incidenti E-bike: dati, sicurezza, prevenzione

Incidenti E-bike: dati, sicurezza, prevenzione L’obiettivo di rendere le strade sicure è ancora lontano dalla sua piena realizzazione. In Italia negli ultimi 17 anni la categoria più penalizzata nella riduzione del tasso di mortalità legata agli incidenti è quella dei ciclisti. Nel 2017 sono state 254 le vittime di sinistri stradali appartenenti alla categoria e

CONTINUA A LEGGERE

Auto a guida autonoma: come funziona per assicurazione e patente

Auto a guida autonoma: come funziona per assicurazione e patente L’introduzione della guida autonoma automobili rappresenta una svolta epocale nel settore. L’auto senza conducente corrisponde a una rivoluzione totale nel mondo della mobilità, ma non comporta un taglio definitivo col passato. Sbaglia, infatti, chi ritiene che il guidatore sia sollevato da ogni responsabilità. Per mettersi

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE

Fattura elettronica: cos’è e come funziona

Se hai un’attività, che sia un’azienda, un negozio o una semplice partita Iva, sarai già venuto a conoscenza di questa temibile fatturazione elettronica. Cos’è? Come funziona? Quanto costa? Chi può evitare di emetterla? Fattura elettronica: cosa è La fattura elettronica è stata introdotta con la Finanziaria del 2018 ed è diventata obbligatoria e operativa il

CONTINUA A LEGGERE

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro La loro diffusione ha conosciuto una sensibile impennata negli ultimi anni e ha innescato un dibattito acceso tra gli appassionati. Stiamo parlando dei freni a disco bici, sempre più utilizzati anche tra gli utilizzatori di telai da strada e non soltanto appannaggio dei bikers. Questione di

CONTINUA A LEGGERE

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo Per i ciclisti che non hanno la fortuna di vivere in posti caldi o quelli particolarmente intolleranti alle temperature rigide, l’inverno è un periodo particolarmente complicato per mantenere rapporti cordiali con la propria due ruote. A maggior ragioni i mesi freddi sono quelli in più è

CONTINUA A LEGGERE