Seggiolini auto con sensori: obbligo, sanzioni

La notizia dei seggiolini auto con sensori è stato un fulmine a ciel sereno per i genitori di tutta Italia. Se ne parlava da mesi, alcuni rinvii e, di punto in bianco, il 7 novembre 2019 è diventato obbligatorio l’utilizzo dei dispositivi anti abbandono per trasportare in auto i bambini sotto i 4 anni. In seguito alle numerose vicende, riportate dalla cronaca, di genitori che hanno dimenticato i propri figli nella vettura, si è sentita l’esigenza di attuare la norma in tutela dei più piccoli. Quali sono gli obblighi e quali sono le sanzioni per chi non rispetta la nuova norma?

Seggiolino antiabbandono: è scattato l’obbligo

Il 6 novembre scorso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti pubblica la seguente notizia:

“Entra in vigore il 7 novembre 2019 l’obbligo per i dispositivi antiabbandono per i bambini di età inferiore ai 4 anni. Il regolamento di attuazione dell’articolo 172 del nuovo Codice della Strada specifica che l’obbligo riguarda l’installazione a bordo dei veicoli di un dispositivo di allarme la cui funzione è quella di prevenire l’abbandono dei bambini di età inferiore ai quattro anni.

Si attiva nel caso di allontanamento del conducente e può essere integrato nel seggiolino, oppure indipendente dal sistema di ritenuta del bambino.”

Insomma, chiunque trasporti in auto un bambino sotto i 4 anni dovrà dotarsi di un sensore seggiolino auto o di un dispositivo anti abbandono.

Seggiolini auto con sensore: quali sono le sanzioni per chi non lo adotta

Il testo dell’articolo  172 riporta le sanzioni previste da chi non rispetta la legge. Se non si è in possesso del sensore antiabbandono, si paga una sanzione amministrativa da 81 euro a 326 euro. A questi si aggiunge la decurtazione di 5 punti patente. Chi paga? Il conducente dell’auto o chi è tenuto alla sorveglianza del minore. Inoltre, quando il conducente sia incorso in una delle violazioni per almeno due volte in due anni, all’ultima infrazione si aggiunge una sanzione amministrativa accessoria: la sospensione della patente da quindici giorni a due mesi.

Seggiolino auto con sensore: omologazione e dichiarazione di conformità

Nonostante trovare dispositivi anti abbandono omologati in commercio sia diventata una corsa all’oro, è opportuno acquistare quanto prima un seggiolino auto anti abbandono o un allarme seggiolino auto esterno da aggiungere alla seduta omologata. Il produttore è tenuto a fornire un dichiarazione di conformità rispetto ai requisiti richiesti fino al 2019 dai sensori anti abbandono. È bene conservare la dichiarazione di conformità nella propria vettura, in caso si venga fermati.

Dopo aver scelto il seggiolino antiabbandono, completa la sicurezza della tua famiglia con la giusta assicurazione auto. Sul nostro sito potrai confrontare le migliori offerte sul mercato e generare un preventivo gratuito e senza impegno.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE