Sanificazione auto: tutto quello che devi sapere

Il tema della sanificazione auto è diventato di dominio pubblico a causa della pandemia da coronavirus. Per gli automobilisti è diventato fondamentale igienizzare in maniera corretta il proprio veicolo. Per contenere il rischio contagio e tornare a viaggiare sicuri. Scopriamo allora la sanificazione auto come funziona e se la procedura con l’ozono funziona davvero.

Sanificazione auto: cos’è

Le abitudini degli automobilisti sono cambiate e la sanificazione auto diventa una procedura essenziale prima di mettersi in marcia. Se il Ministero della Salute segnala che per evitare il contagio basta seguire alcune semplici precauzioni, le cose cambiano quando si entra in auto. Non soltanto per chi lo utilizza come strumento di lavoro e trasporta altre persone. A meno che non si effetti un viaggio senza soste, infatti, le possibilità di contagio sono sempre elevate. Basta entrare a contatto con qualunque altra superficie per dover ripetere daccapo le operazioni di igienizzazione. Sanificare auto, quindi, significa far sì che non solo il conducente, ma anche le parti con cui entra in contatto, siano sempre pulite.

Sanificazione auto: come si fa

Partiamo subito da una sottolineatura. Fare la sanificazione auto non equivale a lavare l’auto come si fa di solito. Occorre infatti seguire regole precise, usare prodotti adatti ed essere sempre protetti. Prima di iniziare qualunque operazione bisogna indossare guanti e mascherina. Soltanto una volta fatto si è pronti per iniziare.

Quali parti dell’auto sanificare

Si parte subito dalla pulizia delle parti che vengono toccate più spesso: volante e cambio. Successivamente si può passare alle maniglie interne, ai pannelli delle portiere e a tutti i comandi presenti nell’abitacolo, a partire da quelli che governano i sistemi multimediali. Per quanto riguarda l’esterno del veicolo, invece, è suggerito passare un prodotto igienizzante sulle maniglie degli sportelli e del portellone posteriore. Per ovvie ragioni, invece, non serve sanificare i pedali, il cui contatto diretto è evitato dalla presenza delle calzature.

Quali prodotti usare

Mai usare candeggina, ammoniaca o amuchina. I prodotti a base di etanolo o cloro, infatti, se non fortemente diluiti, rischiano di rovinare i materiali interni. Per questo si consiglia di usare detergenti a base di alcol. A seconda delle parti che si stanno igienizzando, possono essere sufficienti anche soluzioni a base di acqua e sapone. In tutti i casi è sempre opportuno servirsi di un panno usa e getta. Può bastare anche un rotolo di carta.

Sanificazione auto a ozono: vantaggi e svantaggi

Negli ultimi tempi si è molto parlato anche della sanificazione auto all’ozono. Sull’argomento è intervenuto il Ministero della Salute spiegando che l’ozono non ha proprietà sterilizzanti. “Le sue proprietà – si legge – note in letteratura scientifica e già applicate in alcuni settori, non sono al momento sufficienti a garantirne l’adeguatezza dello specifico uso tecnologico come disinfettante”. Tuttavia viene specificato che la sanificazione auto a ozono può essere inteso come un intervento di pulizia approfondita. Questo tipo di operazione dura in media circa mezzora e costa tra i 20 e i 40 euro.

Quando ti metti alla guida, ricorda di essere in regola con i pagamenti. Scopri tutte le novità assicurazione auto coronavirus e risparmia sulla tua polizza RC Auto. Visita il nostro sito, confronta le proposte delle migliori compagnie online e ricevi le loro quotazioni. A quel punto non dovrai fare altro che salvare il preventivo gratuito sul tuo pc e fare la tua scelta entro 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione donazione casa: cos’è e come funziona

La donazione immobiliare è una delle soluzioni più adottate dagli italiani per trasferire la proprietà di case e altri beni immobiliari quando ancora in vita ai propri eredi. La donazione permette di risparmiare su molti oneri fiscali, al momento della successione ereditaria, ma soprattutto permette di aggiungere delle clausole per i beneficiari. Perché quindi acquistare

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE