Rottamazione auto 2020: costo e come funziona il bonus

Sono stati confermati anche per il 2020 gli incentivi per la rottamazione auto. Per il secondo anno consecutivo il Governo ha messo a disposizione una somma destinata a chi deve demolire auto. Nel 2020 i fondi ammontano a 70 milioni di euro. Questa misura serve a incentivare l’acquisto di veicoli ecologici, con un duplice obiettivo: svecchiare il parco veicolare e ridurre le emissioni inquinanti. Vediamo come rottamare auto e come beneficiare dell’Ecobonus auto 2020.

Rottamazione auto 2020: come beneficiare degli incentivi

Il meccanismo di incentivi auto legati alla rottamazione auto nel 2020 si allinea a quello dello scorso anno. Le automobili che possono beneficiare dell’Ecobonus vengono divise in due fasce, a seconda della quantità di gas inquinanti emessi.

  • Da 0 a 20 g/km di CO2: con rottamazione auto si ha diritto a un bonus di 6.000 euro sull’acquisto di un veicolo nuovo
  • Da 21 a 70 g/km di CO2: tramite rottamazione auto si beneficia di uno sconto di 2.500 euro sull’acquisto del bonus

In assenza di rottamazione i due sconti scendono rispettivamente a 4.000 e 1.500 euro. L’Ecobonus Auto offre dunque uno sconto rottamazione sulle auto nuove con basse emissioni inquinanti. La condizione per beneficiarne è che l’auto abbia un prezzo non superiore ai 50.000 Euro iva esclusa (61.000 euro con iva). La rottamazione auto per beneficiare dell’Ecobonus deve riguardare veicoli appartenenti alle categorie Euro 0, 1, 2 o 3.

Come fare la rottamazione auto

Se invece non si intende acquistare un nuovo veicolo e beneficiare degli ecoincentivi, occorre procedere alla demolizione auto. Ma come rottamare un’auto? Obbligatoriamente presso i centri di raccolta autorizzati (demolitori), che si occupano della cancellazione dal PRA. L’alternativa è quella di consegnare il veicolo al concessionario. All’avvenuta consegna del veicolo, il centro è tenuto a rilasciare il certificato di rottamazione che solleva il proprietario da responsabilità civili, penali e amministrative. La rottamazione del veicolo comporta anche la cessazione del pagamento del bollo. I documenti per rottamare autovettura sono:

  • Carta di circolazione
  • Certificato di proprietà (cartaceo o digitale)
  • Targa anteriore e posteriore

Rottamazione auto 2020: quali sono le novità?

Come abbiamo visto finora, la rottamazione auto serve a svecchiare il parco auto e ad abbassare i livelli di inquinamento. Per il 2020 la grande novità potrebbe essere l’apertura dell’Ecobonus anche ai veicoli non elettrici. La condizione è che siano comunque di ultima generazione (Euro 6), con l’obiettivo di ridare slancio al mercato dell’auto. La rottamazione potrebbe inoltre riguardare i veicoli fino ad Euro 4, considerando che nel primo anno di introduzione dell’Ecobonus il provvedimento ha funzionato a rilento.

Per procedere alla rottamazione auto bisogna sempre essere in regola con l’assicurazione auto. Per rinnovare la tua o cercare un’offerta vantaggiosa, affidati a noi. Compila il form presente sul sito e riceve le quotazioni delle migliori compagnie online. Salva sul tuo pc tutti i preventivi gratuiti che vuoi e fai la tua scelta entro 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE