Rottamazione auto 2020: costo e come funziona il bonus

Sono stati confermati anche per il 2020 gli incentivi per la rottamazione auto. Per il secondo anno consecutivo il Governo ha messo a disposizione una somma destinata a chi deve demolire auto. Nel 2020 i fondi ammontano a 70 milioni di euro. Questa misura serve a incentivare l’acquisto di veicoli ecologici, con un duplice obiettivo: svecchiare il parco veicolare e ridurre le emissioni inquinanti. Vediamo come rottamare auto e come beneficiare dell’Ecobonus auto 2020.

Rottamazione auto 2020: come beneficiare degli incentivi

Il meccanismo di incentivi auto legati alla rottamazione auto nel 2020 si allinea a quello dello scorso anno. Le automobili che possono beneficiare dell’Ecobonus vengono divise in due fasce, a seconda della quantità di gas inquinanti emessi.

  • Da 0 a 20 g/km di CO2: con rottamazione auto si ha diritto a un bonus di 6.000 euro sull’acquisto di un veicolo nuovo
  • Da 21 a 70 g/km di CO2: tramite rottamazione auto si beneficia di uno sconto di 2.500 euro sull’acquisto del bonus

In assenza di rottamazione i due sconti scendono rispettivamente a 4.000 e 1.500 euro. L’Ecobonus Auto offre dunque uno sconto rottamazione sulle auto nuove con basse emissioni inquinanti. La condizione per beneficiarne è che l’auto abbia un prezzo non superiore ai 50.000 Euro iva esclusa (61.000 euro con iva). La rottamazione auto per beneficiare dell’Ecobonus deve riguardare veicoli appartenenti alle categorie Euro 0, 1, 2 o 3.

Come fare la rottamazione auto

Se invece non si intende acquistare un nuovo veicolo e beneficiare degli ecoincentivi, occorre procedere alla demolizione auto. Ma come rottamare un’auto? Obbligatoriamente presso i centri di raccolta autorizzati (demolitori), che si occupano della cancellazione dal PRA. L’alternativa è quella di consegnare il veicolo al concessionario. All’avvenuta consegna del veicolo, il centro è tenuto a rilasciare il certificato di rottamazione che solleva il proprietario da responsabilità civili, penali e amministrative. La rottamazione del veicolo comporta anche la cessazione del pagamento del bollo. I documenti per rottamare autovettura sono:

  • Carta di circolazione
  • Certificato di proprietà (cartaceo o digitale)
  • Targa anteriore e posteriore

Rottamazione auto 2020: quali sono le novità?

Come abbiamo visto finora, la rottamazione auto serve a svecchiare il parco auto e ad abbassare i livelli di inquinamento. Per il 2020 la grande novità potrebbe essere l’apertura dell’Ecobonus anche ai veicoli non elettrici. La condizione è che siano comunque di ultima generazione (Euro 6), con l’obiettivo di ridare slancio al mercato dell’auto. La rottamazione potrebbe inoltre riguardare i veicoli fino ad Euro 4, considerando che nel primo anno di introduzione dell’Ecobonus il provvedimento ha funzionato a rilento.

Per procedere alla rottamazione auto bisogna sempre essere in regola con l’assicurazione auto. Per rinnovare la tua o cercare un’offerta vantaggiosa, affidati a noi. Compila il form presente sul sito e riceve le quotazioni delle migliori compagnie online. Salva sul tuo pc tutti i preventivi gratuiti che vuoi e fai la tua scelta entro 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione donazione casa: cos’è e come funziona

La donazione immobiliare è una delle soluzioni più adottate dagli italiani per trasferire la proprietà di case e altri beni immobiliari quando ancora in vita ai propri eredi. La donazione permette di risparmiare su molti oneri fiscali, al momento della successione ereditaria, ma soprattutto permette di aggiungere delle clausole per i beneficiari. Perché quindi acquistare

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE