assistenza@quale.it
  06 9480 8090
  339 995 7510
  facebook messenger

Come risparmiare sulla prima assicurazione moto

In Italia sono quasi sette milioni i motocicli registrati nel PRA. Un numero in costante aumento e che ha in Lombardia, Lazio e Sicilia le regioni con la più alta concentrazione di veicoli motorizzati a due ruote, la cui crescita esponenziale (più del 40% in poco più di due lustri) deve obbligatoriamente accompagnarsi a quella della sicurezza. Basilare diviene allora la stipula di un’assicurazione moto, argomento di grande importanza per i nuovi possessori chiamati, verosimilmente, a sottoscrivere la loro prima polizza.

Quali documenti per la prima assicurazione moto

I documenti richiesti per la stipula di un’assicurazione moto sono i seguenti:

  •  Carta di identità del guidatore
  •  Codice fiscale del guidatore
  •  Libretto di circolazione del veicolo da assicurare
  •  Numero di targa del veicolo oggetto della tutela assicurativa
  •  Attestato di rischio

Classe di merito e ‘sconti’ della Legge Bersani: chi ne può beneficiare?

Vale la pena ricordare che chi stipula la sua prima polizza parte dalla 14esima (su 18 totali) classe di merito, ovvero il “voto” che le compagnie assicurative danno ai conducenti dei veicoli il base al numero degli incidenti provocati. È inoltre utile sapere che se si è causa di un sinistro si retrocede di due classi, mentre se non si provocano incidenti si sale di una classe ogni anno.

Dal 2007, però, grazie all’introduzione della Legge Bersani, è possibile assicurare un veicolo ereditando la classe di merito propria o di un altro membro del nucleo familiare. La normativa si applica solo ed esclusivamente a polizze relative a veicoli della stessa tipologia (da moto a moto e non da auto a moto) e per i membri dello stesso nucleo familiare che possano dimostrare la loro convivenza: ad esempio non è possibile beneficiarne per i figli che si siano già sposati. Nel caso in cui si decidesse di farne ricorso, ai documenti sopra elencati bisognerà aggiungere i seguenti.

  • Carta di identità dell’intestatario della polizza di cui si vuole ereditare la classe di merito
  • Codice fiscale dell’intestatario della polizza di cui si vuole ereditare la classe di merito
  • Stato di famiglia che attesti l’appartenenza dei due guidatori allo stesso nucleo familiare
  • Fotocopia del contratto di assicurazione stipulato

Risparmiare sulla RC Moto con la scatola nera

In supporto dei tanti riders è giunta, il 2 agosto scorso, l’approvazione del DDL Concorrenza, le cui novità permettono di ottenere sconti notevoli sulle proprie assicurazioni. È stato infatti introdotto l’obbligo da parte delle compagnie assicurative di scontare le polizze di quanti provvederanno all’installazione della scatola nera sul proprio mezzo. La norma ha sancito che l’installazione della scatola nera sui veicoli sia gratuita e le spese di montaggio, smontaggio e sostituzione restino a carico dell’assicurazione.

Assicurazione moto sospendibile: per chi non guida tutti i giorni

Un’altra soluzione per risparmiare in maniera consistente è quella di sottoscrivere una RC moto sospendibile. Adatta a chi ha appena comprato la moto e la guida solo per certi periodi, consente di pagare solo per gli effetti mesi di utilizzo, come per esempio quelli estivi con un notevole risparmio nel portafogli.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto per donne: con quale modello iniziare?

Moto per donne: con quale modello iniziare? In Italia la passione per le moto coinvolge sempre più donne. La crescita costante del numero delle due ruote senza motore circolanti sulle strade del Belpaese si traduce in un aumento che riguarda inevitabilmente anche il gentil sesso. E sin dalla tenera età. Rispetto al passato, infatti, sono

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione 15 giorni dopo la scadenza: quali danni copre?

Assicurazione 15 giorni dopo la scadenza: quali danni copre? L’abolizione del tacito rinnovo ha cambiato notevolmente le abitudini degli italiani sul tema dell’assicurazione auto. Dal gennaio 2013 è infatti venuta meno la clausola, prevista da molte compagnie assicurative, del rinnovo automatico delle polizze in assenza di disdetta. Volta a favorire chi è intenzionato a cambiare

CONTINUA A LEGGERE

IPT auto: cos’è e quanto costa

IPT auto: cos’è e quanto costa Tra le tante tasse che colpiscono la nostra auto ce n’è una particolarmente “fastidiosa”: l’IPT. L’imposta provinciale di trascrizione grava su tutti i veicoli italiani. Deve essere versata sia quando si acquista un’auto nuova che quando se ne acquista una usata e va direttamente nelle casse delle Province. L’imposta

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione scolastica: cos’è e come funziona

Assicurazione scolastica: cos’è e come funziona Tra i banchi di scuola i nostri figli trascorrono mediamente 200 giorni all’anno. La prerogativa di ogni genitore è quella di poter stare tranquillo durante le ore che scandiscono le lezioni. A salvaguardare la sicurezza degli studenti durante l’attività didattica ci pensa l’assicurazione scolastica. Questa polizza è obbligatoria per

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene Il conto in banca scende ma la necessità di acquistare un’auto nuova si fa sempre più stringente? Niente paura. Anche in un periodo di recessione economica sarà possibile soddisfare il proprio bisogno di cambiare vettura. Purché, che sia essa nuova o usata, non si decida di comprarla in

CONTINUA A LEGGERE

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo Il bollo auto è una tassa che ogni possessore di auto iscritta al PRA (Pubblico registro Automobilistico) è tenuto a pagare annualmente. In passato era definito “tassa di circolazione”, in quanto dal suo versamento erano esentati i proprietari di veicoli che non circolavano su strada. L’entrata in vigore dall’articolo

CONTINUA A LEGGERE

Il noleggio a lungo termine

Il noleggio a lungo termine Utilizzare l’automobile solo quando serve davvero e pagarla a consumo. Se il car sharing, pratica introdotta in Italia da pochi anni e diventata subito prassi, ha aperto una strada, il noleggio a lungo termine appare pronto a solcarla. Di cosa si tratta? Nato come servizio per le aziende, che se

CONTINUA A LEGGERE