Come risparmiare sulla prima assicurazione moto

In Italia sono quasi sette milioni i motocicli registrati nel PRA. Un numero in costante aumento e che ha in Lombardia, Lazio e Sicilia le regioni con la più alta concentrazione di veicoli motorizzati a due ruote, la cui crescita esponenziale (più del 40% in poco più di due lustri) deve obbligatoriamente accompagnarsi a quella della sicurezza. Basilare diviene allora la stipula di un’assicurazione moto, argomento di grande importanza per i nuovi possessori chiamati, verosimilmente, a sottoscrivere la loro prima polizza.

Quali documenti per la prima assicurazione moto

I documenti richiesti per la stipula di un’assicurazione moto sono i seguenti:

  •  Carta di identità del guidatore
  •  Codice fiscale del guidatore
  •  Libretto di circolazione del veicolo da assicurare
  •  Numero di targa del veicolo oggetto della tutela assicurativa
  •  Attestato di rischio

Classe di merito e ‘sconti’ della Legge Bersani: chi ne può beneficiare?

Vale la pena ricordare che chi stipula la sua prima polizza parte dalla 14esima (su 18 totali) classe di merito, ovvero il “voto” che le compagnie assicurative danno ai conducenti dei veicoli il base al numero degli incidenti provocati. È inoltre utile sapere che se si è causa di un sinistro si retrocede di due classi, mentre se non si provocano incidenti si sale di una classe ogni anno.

Dal 2007, però, grazie all’introduzione della Legge Bersani, è possibile assicurare un veicolo ereditando la classe di merito propria o di un altro membro del nucleo familiare. La normativa si applica solo ed esclusivamente a polizze relative a veicoli della stessa tipologia (da moto a moto e non da auto a moto) e per i membri dello stesso nucleo familiare che possano dimostrare la loro convivenza: ad esempio non è possibile beneficiarne per i figli che si siano già sposati. Nel caso in cui si decidesse di farne ricorso, ai documenti sopra elencati bisognerà aggiungere i seguenti.

  • Carta di identità dell’intestatario della polizza di cui si vuole ereditare la classe di merito
  • Codice fiscale dell’intestatario della polizza di cui si vuole ereditare la classe di merito
  • Stato di famiglia che attesti l’appartenenza dei due guidatori allo stesso nucleo familiare
  • Fotocopia del contratto di assicurazione stipulato

Risparmiare sulla RC Moto con la scatola nera

In supporto dei tanti riders è giunta, il 2 agosto scorso, l’approvazione del DDL Concorrenza, le cui novità permettono di ottenere sconti notevoli sulle proprie assicurazioni. È stato infatti introdotto l’obbligo da parte delle compagnie assicurative di scontare le polizze di quanti provvederanno all’installazione della scatola nera sul proprio mezzo. La norma ha sancito che l’installazione della scatola nera sui veicoli sia gratuita e le spese di montaggio, smontaggio e sostituzione restino a carico dell’assicurazione.

Assicurazione moto sospendibile: per chi non guida tutti i giorni

Un’altra soluzione per risparmiare in maniera consistente è quella di sottoscrivere una RC moto sospendibile. Adatta a chi ha appena comprato la moto e la guida solo per certi periodi, consente di pagare solo per gli effetti mesi di utilizzo, come per esempio quelli estivi con un notevole risparmio nel portafogli.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione appartamento: come funziona?

Il tuo appartamento è il posto accogliente dove torni dopo una lunga giornata di lavoro, dove i tuoi figli crescono, imparano, giocano, dove riposi, ti senti protetto. È fondamentale, quindi, volerlo assicurare per essere certi che sia sempre al sicuro, e voi al suo interno. Come funziona l’assicurazione appartamento? Scopriamolo insieme. Assicurazione casa: cosa è? L’assicurazione

CONTINUA A LEGGERE

Rendita vitalizia: cos’è? Come funziona?

La rendita vitalizia può essere un modo per rimpinguare la pensione. Molti italiani, già da anni, scelgono la rendita vitalizia come forma di pensione complementare. È un modo infatti per mettere da parte del denaro, farlo fruttare e ottenerlo indietro allo scadere del contratto. Come funziona? Rendita vitalizia: cos’è Per rendita si intende un contratto

CONTINUA A LEGGERE

Danno patrimoniale assicurazione: cosa significa?

Danno patrimoniale assicurazione: cosa significa? Spesso, nell’ambito assicurativo, sia che si tratti di assicurazione auto, moto o casa, si parla di “danno patrimoniale” assicurazione. Cosa significa? Vediamolo nel dettaglio. Danno patrimoniale nel Codice Civile Il danno patrimoniale, secondo il Codice Civile, è una lesione che va a intaccare il patrimonio di un individuo, individuabile tramite

CONTINUA A LEGGERE

Cos’è la quietanza assicurativa, o quietanza di premio?

Cos’è la quietanza assicurativa, o quietanza di premio? Cos’è la quietanza di pagamento? E cosa significa, in ambito assicurativo? Si deve conservare? Vediamo insieme nel dettaglio. Quietanza assicurativa: cosa è La quietanza è la ricevuta del pagamento del premio e viene rilasciata dalla compagnia assicurativa al contraente (o all’assicurato). Per quietanza, in generale, si intende

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE

Auto rubata e ritrovata: l’assicurazione paga lo stesso?

Auto rubata e ritrovata: l’assicurazione paga lo stesso? Un numero in calo ma sempre consistente. In Italia sono state 103.030 le automobili rubate nel 2017. I ritrovamenti (in calo dell’11,57% rispetto all’anno precedente) sono stati in tutto 49.801. Se ne ricava che più di una vettura ogni due non torna in possesso del legittimo proprietario.

CONTINUA A LEGGERE