Riscatto polizza vita: come funziona, tassazione

Affidarsi a un’assicurazione vita significa garantire un futuro stabile a sé stessi e ai propri familiari. Scegliere la polizza caso morte mette al sicuro i congiunti a fronte di un decesso, mentre l’assicurazione invalidità dà diritto a una rendita vitalizia e permette di affiancare la liquidazione assicurazione a quella INPS. Se si intende interrompere anticipatamente il contratto, occorre però rispettare le regole. Il riscatto polizza vita conviene davvero? E se sì, quando è opportuno recedere?

Riscatto polizza vita: in cosa consiste

Il riscatto polizza vita è la richiesta che il contraente fa alla propria compagnia per vedersi restituita la somma accumulata nel tempo con l’assicurazione sulla vita. Chiedere il riscatto significa anticipare la scadenza temporale della polizza, indipendentemente dal verificarsi dell’evento per la quale era stata sottoscritta.

Come si calcola

L’errore che si commette comunemente è quello relativo al calcolo del valore che si può riscattare. Tutti i dettagli sono presenti nel contratto assicurativo firmato. Difficilmente, infatti, si dovrà moltiplicare il valore dei premi versati per il periodo per il quale lo si è fatto. Sul capitale accumulato esiste una percentuale trattenuta dalla compagnia assicuratrice. L’estinzione anticipata, che può essere richiesta per svariati motivi, fa perdere gli interessi maturati.

Per questo è sempre opportuno valutare tutti i vantaggi e gli svantaggi prima di richiederla. Soprattutto se si è vicini alla scadenza del contratto, è sempre sconsigliato richiedere il riscatto polizza vita. I primi tre anni di versamenti sono obbligatori, mentre per effettuare il calcolo va tenuto conto delle penali previste dal singolo contratto. Per avere un risultato il quanto più possibile vicino alla realtà occorre calcolare la somma totale dei premi versati detraendo da questa la percentuale prevista per ogni annualità residua alla scadenza.

Come riscattare polizza vita

La procedura da seguire per effettuare il riscatto polizza vita è semplice. Il contraente deve farsi carico di inviare una richiesta formale alla sua compagnia. Quest’ultima è obbligata a esprimere un parere, positivo o negativo che sia, entro un lasso di tempo ragionevole. In genere il periodo per ottenere una risposta non deve superare i 30 giorni dall’invio della richiesta. I moduli per effettuare la richiesta sono, di norma, messi a disposizione dalla compagnia anche attraverso i suoi canali online. Da par suo il consumatore può effettuare domanda di riscatto polizza vita trasmettendo una raccomandata A/R contenente le seguenti informazioni:

  • Nome e cognome
  • Data e luogo di nascita
  • Indirizzo di residenza
  • Motivi della richiesta di riscatto polizza via
  • Dati relativi alla polizza vita (numero di contratto e data di stipula)
  • Modalità di riscatto

Capito come richiedere il riscatto polizza vita, il consiglio è quello di attendere la scadenza contrattuale. La recessione è richiedibile dopo tre anni, ma la liquidazione assicurazione sarà al netto delle penali previste. La somma sarà quindi inficiata dalle penali di recesso anticipato. Per questo è sempre opportuno chiedere un preventivo di riscatto che dia modo di verificare i reali vantaggi del riscatto polizza vita.

Se hai una persona cara da tutelare, scegli una polizza vita. Potrai stabilire capitale e durata affidandoti alla comparazione online presente sul nostro sito. Siamo al tuo fianco per guidarti passo passo verso la scelta giusta per te e la tua famiglia.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE