Risarcimento furto auto: come ottenerlo, documenti, tempi

Risarcimento furto auto: come ottenerlo, documenti, tempi

Un dato in calo, ma sempre allarmante. Nel 2017 sono state 103.030 le auto rubate in Italia su un totale di 147.117 furti che hanno coinvolto i mezzi. Il decremento del 5,59% rispetto all’anno precedente, non permette ai guidatori del Belpaese di dormire sonni tranquilli. La macchina più gettonata continua ad essere la Fiat Panda, con 9.719 esemplari rubati. Al secondo posto un altro modello del gruppo FCA, la Punto, con la Lancia Ypsilon a completare il podio e la Volkswagen Golf più “apprezzata” tra le straniere. Tra i fuoristrada è la Nissan Qashqai la vettura più in voga tra i banditi. Che siate proprietari di una di queste automobili o di una con meno appeal, la domanda ricorrente a fronte di una spiacevolezza simile è la medesima: come comportarsi in caso di furto auto e come ottenere il risarcimento?

Cosa fare

La procedura da seguire è la seguente.

  •         Denunciare il furto alle autorità. Questa azione darà il via alle indagini e pone al riparo nel caso in cui si verifichi un sinistro con l’auto rubata. Se così fosse, infatti, il risarcimento sarà competenza del Fondo delle vittime della strada e non della assicurazione, che non avrà pertanto diritto ad aumentare il premio.
  •         Avvertire la compagnia assicurativa. Tramite raccomandata, e-mail, fax o recandosi in agenzia.
  •         Rivolgersi al Pubblico Registro Automobilistico (PRA) per annotare la perdita del possesso dell’automobile e per interrompere il pagamento del bollo auto.

Come ottenere il rimborso

Il risarcimento di cui sarà destinatario il contraente viene calcolato sulla base del valore dell’auto al momento del furto, sottraendo la franchigia o lo scoperto di polizza al valore commerciale al momento del furto. In alcuni casi la compagnia potrà decidere di sottrarre un importo pari all’IVA sul prezzo del listino e una quota fissa per ogni anno di vita del veicolo.

La discriminante è una: se l’auto è assicurata o no e se tra la polizze sottoscritte è presente quella per furto  e incendio. Una volta ricevuta la notizia della sottrazione, la compagnia assicurativa invierà all’assicurato una comunicazione contenente l’elenco dei documenti necessari alla liquidazione del danno. Tra questi si segnalano:

  • Denuncia alle autorità
  • Certificato di proprietà (originale e copia) con allegata perdita di possesso
  • Chiavi della vettura, originali e copia

Soltanto una volta ricevuto il tutto la compagnia provvederà al pagamento che, rispetto al passato, avviene in tempi decisamente rapidi e senza attendere il certificato di chiusura di inchiesta. Attenzione, però, ai casi particolari. Se non si è provveduto a presentare anche la prova d’acquisto (ad esempio se l’auto è stata acquistata attraverso una trattativa tra privati) tra i documenti allegati, non si ha diritto ad essere risarciti. Un rischio, questo, che si corre anche se non si è in possesso della chiave di riserva: a questo punto le compagnie potranno arbitrariamente decidere se liquidare o meno.

Il nostro consiglio è quello di completare la vostra assicurazione auto con le migliori garanzie accessorie, come quella furto e incendio. Sul nostro sito potrai valutare le offerte più competitive e vantaggiose, generando gratuitamente un preventivo che resterà valido per i successivi 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione sanitaria viaggio obbligatoria: dove?

In quali paesi è obbligatoria l’assicurazione sanitaria? Come ci si regola prima di intraprendere un viaggio, magari lontano dall’Italia? Di solito ognuno decide in base alla propria coscienza. Che si viaggi in Italia, con bambini (leggi subito la nostra guida alle assicurazioni viaggi con bambini), da soli o all’estero, solitamente non ci sono obblighi di

CONTINUA A LEGGERE

Iscrizione ASI: quanto costa nel 2019 e vantaggi

I possessori di un’auto storica possono richiedere anche nel 2019 l’iscrizione ASI. L’Automotoclub Storico Italiano è l’ente federale che sostiene e tutela la motorizzazione storica in Italia. Tra le sue mansioni c’è quella di rilasciare certificati che attestano caratteristiche di storicità e autenticità dei veicoli. Appartenere al registro auto storiche dà diritto a molti vantaggi,

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Vacanze economiche con cane: due mete spettacolari per spendere poco

Vacanze economiche con cane al seguito? Sembra un sogno, un’utopia? Invece può essere realtà! Tutti noi padroni di cani sappiamo quanto sia complicato organizzare un’estate in serenità, senza lasciare Fido a casa. È parte della famiglia e vogliamo portarlo con noi: ma come viaggiare con animali senza spendere una fortuna? Ecco due mete davvero spettacolari per

CONTINUA A LEGGERE

Patente speciale: come richiedere, dove rinnovare

I soggetti affetti da disabilità (dalla nascita, per incidente o malattia) hanno diritto a guidare l’auto? La risposta è affermativa, purché siano in possesso di una patente auto speciale. Questo titolo di guida ha un iter identico a quello della normale patente b auto. Propedeutico al suo ottenimento è il superamento di esami di teoria

CONTINUA A LEGGERE

Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche

CONTINUA A LEGGERE

Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

La rivalsa è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il

CONTINUA A LEGGERE