Risarcimento furto auto: come ottenerlo, documenti, tempi

Risarcimento furto auto: come ottenerlo, documenti, tempi

Un dato in calo, ma sempre allarmante. Nel 2017 sono state 103.030 le auto rubate in Italia su un totale di 147.117 furti che hanno coinvolto i mezzi. Il decremento del 5,59% rispetto all’anno precedente, non permette ai guidatori del Belpaese di dormire sonni tranquilli. La macchina più gettonata continua ad essere la Fiat Panda, con 9.719 esemplari rubati. Al secondo posto un altro modello del gruppo FCA, la Punto, con la Lancia Ypsilon a completare il podio e la Volkswagen Golf più “apprezzata” tra le straniere. Tra i fuoristrada è la Nissan Qashqai la vettura più in voga tra i banditi. Che siate proprietari di una di queste automobili o di una con meno appeal, la domanda ricorrente a fronte di una spiacevolezza simile è la medesima: come comportarsi in caso di furto auto e come ottenere il risarcimento?

Cosa fare

La procedura da seguire è la seguente.

  •         Denunciare il furto alle autorità. Questa azione darà il via alle indagini e pone al riparo nel caso in cui si verifichi un sinistro con l’auto rubata. Se così fosse, infatti, il risarcimento sarà competenza del Fondo delle vittime della strada e non della assicurazione, che non avrà pertanto diritto ad aumentare il premio.
  •         Avvertire la compagnia assicurativa. Tramite raccomandata, e-mail, fax o recandosi in agenzia.
  •         Rivolgersi al Pubblico Registro Automobilistico (PRA) per annotare la perdita del possesso dell’automobile e per interrompere il pagamento del bollo auto.

Come ottenere il rimborso

Il risarcimento di cui sarà destinatario il contraente viene calcolato sulla base del valore dell’auto al momento del furto, sottraendo la franchigia o lo scoperto di polizza al valore commerciale al momento del furto. In alcuni casi la compagnia potrà decidere di sottrarre un importo pari all’IVA sul prezzo del listino e una quota fissa per ogni anno di vita del veicolo.

La discriminante è una: se l’auto è assicurata o no e se tra la polizze sottoscritte è presente quella per furto  e incendio. Una volta ricevuta la notizia della sottrazione, la compagnia assicurativa invierà all’assicurato una comunicazione contenente l’elenco dei documenti necessari alla liquidazione del danno. Tra questi si segnalano:

  • Denuncia alle autorità
  • Certificato di proprietà (originale e copia) con allegata perdita di possesso
  • Chiavi della vettura, originali e copia

Soltanto una volta ricevuto il tutto la compagnia provvederà al pagamento che, rispetto al passato, avviene in tempi decisamente rapidi e senza attendere il certificato di chiusura di inchiesta. Attenzione, però, ai casi particolari. Se non si è provveduto a presentare anche la prova d’acquisto (ad esempio se l’auto è stata acquistata attraverso una trattativa tra privati) tra i documenti allegati, non si ha diritto ad essere risarciti. Un rischio, questo, che si corre anche se non si è in possesso della chiave di riserva: a questo punto le compagnie potranno arbitrariamente decidere se liquidare o meno.

Il nostro consiglio è quello di completare la vostra assicurazione auto con le migliori garanzie accessorie, come quella furto e incendio. Sul nostro sito potrai valutare le offerte più competitive e vantaggiose, generando gratuitamente un preventivo che resterà valido per i successivi 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Mete autunnali: dove viaggiare in autunno risparmiando

Mete autunnali: dove viaggiare in autunno risparmiando La fine dell’estate è stato traumatico? Il Natale ci sembra ancora lontano? È il momento ideale per prendersi una piccola pausa e volare fuori città. Andalusia in autunno: verso l’estate Se sei ancora nostalgico della stagione calda appena conclusa, vola verso l’Andalusia, che ti regalerà un clima mite, dal

CONTINUA A LEGGERE

Pressione gomme moto: come regolarla, consigli

Pressione gomme moto: come regolarla, consigli La pressione giusta delle gomme moto è argomento dibattuto tanto tra i piloti esperti quanto dai centauri alle prime armi. Del resto ruota tutto intorno a un argomento di primaria importanza: la sicurezza stradale. Circolare con la pressione pneumatici sbagliata comporta infatti enormi rischi. Qualora questi siano sgonfi si

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene L’assicurazione auto giornaliera è un particolare tipo di polizza prevista da alcune compagnie. La sua attivazione permette di assicurare la propria vettura per 24 ore. Di solito le polizze temporanee partono da un minimo di tre o cinque giorni fino a un massimo di sei mesi,

CONTINUA A LEGGERE

Furto bici: cosa fare, come evitarlo

Furto bici: cosa fare, come evitarlo Ogni anno in Italia vengono rubate 350.000 biciclette. Un dato preoccupante e che, come prevedibile, registra nelle metropoli i suoi picchi massimi, con Roma e Milano che superano i 10.000 furti bicicletta nell’arco dei 12 mesi. In media viene rubato un esemplare ogni due minuti e ritrovare la propria

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma È uno dei vocaboli con i quali si inizia a familiarizzare ancor prima di diventare automobilisti, eppure non tutti hanno chiaro cosa significhi. La constatazione amichevole di incidente è il modulo che offre una visione completa di ciò che avviene sulla scena del sinistro. Il suo nome corretto

CONTINUA A LEGGERE

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE