Risarcimento danni assicurazione casa: qual è l’iter da seguire

Risarcimento danni assicurazione casa: qual è l’iter da seguire

Hai stipulato un’assicurazione casa per il tuo immobile di proprietà o per l’appartamento che abiti ed è in affitto? Hai subìto un danno e vuoi richiedere il giusto risarcimento? Scopri qual è l’iter da seguire per chiedere il risarcimento danni assicurazione casa.

Comunica subito con la tua assicurazione

La primissima cosa da fare è denunciare il sinistro alla propria compagnia assicuratrice. Il tempo entro cui fare la denuncia è solitamente di tre giorni. Chiamando il numero verde o l’assistenza clienti si è facilmente guidati all’iter standard di denuncia.

Al momento della denuncia, ti saranno chiesti i dettagli del sinistro. Quando si è verificato? Cos’è? Un danno alla tubatura? Un danno alla tua abitazione causato da un vicino? Un incendio? Se si tratta di un furto, per esempio, è importante inviare quanto prima la denuncia presentata alle autorità e mantenere inalterati i danni provocati dal sinistro (per esempio: effrazione, danni alle finestre), sia perché potrebbero essere coperti da una polizza specifica, ma anche perché è importante stabilire le modalità del sinistro. Segui le indicazioni della tua compagnia assicuratrice per procedere al meglio e rimanere sempre nel giusto, in attesa del perito che sarà inviato dall’assicurazione stessa a valutare il danno.

Assicurazione casa: danno colposo, volontario o accidentale?

Il risarcimento di un danno può essere complicato se c’è il sospetto che il danno sia stato volontario. Le polizze assicurative non coprono ovviamente questo tipo di sinistro perché non accidentale, ma fraudolento. Il danno può quindi essere:
Volontario: cioè provocato volontariamente e di conseguenza non rimborsabile.

Colposo: cioè provocato da un atteggiamento di scarsa attenzione e poca manutenzione.

Accidentale: cioè casuale, involontario, non derivato da incuria o premeditato.

Assicurazione casa: come richiedere il risarcimento

Per richiedere il risarcimento, il danneggiato deve descrivere il danno subìto e bisogna provare la causa diretta tra atteggiamento volontario o negligente del danneggiante, solo in questo sarà possibile passare a un risarcimento.

Il danno patrimoniale può essere di due tipi: si parla di danno emergente quando riguarda l’attuale patrimonio e di lucro cessante quando riguarda la perdita di futuri guadagni (per esempio, un danno causato a un appartamento uso ufficio che quindi, per colpa del danno subìto, non può esercitare la propria attività lavorativa per un dato periodo). Esiste infine il danno non patrimoniale che non è tangibile, ma riguarda la reputazione, danni psicologici e così via.

Facsimile per la domanda di indennizzo

Cosa includere, invece, per la richiesta indennizzo della polizza casa? L’indennizzo, ricordiamo, è diverso dal risarcimento. Quest’ultimo è imposto dalla legge per riparare a un danno ingiusto. L’indennizzo è previsto anche se non viene causato un danno ingiusto per riequilibrare una situazione che potrebbe diventare ingiusta.

  • Spiegare il tipo di danno (danno all’abitazione o danno a terzi).
  • Numero di polizza.
  • Dati del contraente.
  • Data e luogo dove si è verificato il danno.
  • Tipo di abitazione.
  • Se appartamento, segnalare se è stata fatta la denuncia all’amministratore di condominio.
  • Descrizione del danno ed elenco dei beni danneggiati e dati delle persone coinvolti.
  • Eventuali testimoni.

L’assicurazione casa ti tutela e ti fa vivere sereno

Grazie a Quale.it confrontare i preventivi è semplicissimo: in pochi click troverai tutte le migliori offerte sul mercato per la tua polizza casa. Confronta le migliori assicurazioni casa sul nostro sito e tutela il tuo futuro!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Google+: perché cancellare il profilo?

Google+: perché cancellare il profilo? Perché cancellare il proprio profilo da Google+ e come farlo? Dal 2 aprile 2019 Google+ chiude i battenti. Dopo tanti anni in cui il social network di Google ha provato a dare filo da torcere a Facebook, ha finalmente perso la battaglia. Sai che molto probabilmente hai un profilo su

CONTINUA A LEGGERE

Incidenti E-bike: dati, sicurezza, prevenzione

Incidenti E-bike: dati, sicurezza, prevenzione L’obiettivo di rendere le strade sicure è ancora lontano dalla sua piena realizzazione. In Italia negli ultimi 17 anni la categoria più penalizzata nella riduzione del tasso di mortalità legata agli incidenti è quella dei ciclisti. Nel 2017 sono state 254 le vittime di sinistri stradali appartenenti alla categoria e

CONTINUA A LEGGERE

Auto a guida autonoma: come funziona per assicurazione e patente

Auto a guida autonoma: come funziona per assicurazione e patente L’introduzione della guida autonoma automobili rappresenta una svolta epocale nel settore. L’auto senza conducente corrisponde a una rivoluzione totale nel mondo della mobilità, ma non comporta un taglio definitivo col passato. Sbaglia, infatti, chi ritiene che il guidatore sia sollevato da ogni responsabilità. Per mettersi

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE

Fattura elettronica: cos’è e come funziona

Se hai un’attività, che sia un’azienda, un negozio o una semplice partita Iva, sarai già venuto a conoscenza di questa temibile fatturazione elettronica. Cos’è? Come funziona? Quanto costa? Chi può evitare di emetterla? Fattura elettronica: cosa è La fattura elettronica è stata introdotta con la Finanziaria del 2018 ed è diventata obbligatoria e operativa il

CONTINUA A LEGGERE

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro La loro diffusione ha conosciuto una sensibile impennata negli ultimi anni e ha innescato un dibattito acceso tra gli appassionati. Stiamo parlando dei freni a disco bici, sempre più utilizzati anche tra gli utilizzatori di telai da strada e non soltanto appannaggio dei bikers. Questione di

CONTINUA A LEGGERE

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo Per i ciclisti che non hanno la fortuna di vivere in posti caldi o quelli particolarmente intolleranti alle temperature rigide, l’inverno è un periodo particolarmente complicato per mantenere rapporti cordiali con la propria due ruote. A maggior ragioni i mesi freddi sono quelli in più è

CONTINUA A LEGGERE