Rinnovo patente dopo gli 80 anni: scadenze e limitazioni

Il rinnovo della patente di guida è un’operazione semplice che va effettuata a cadenze prestabilite. Ma ogni quanto si rinnova la patente? La scadenza patente dipende dall’età. Il rinnovo patente dopo 80 anni, ad esempio, segue delle regole ben precise. Scopriamo quali sono, qual è la procedura da seguire e quali documenti servono.

Rinnovo patente dopo 80 anni: regole

Dal 2012 il rinnovo patente dopo 80 anni segue le regole comuni per il rinnovo patente B. L’unica differenza riguarda la durata patente: superati gli 80 anni, infatti, il rinnovo va effettuato ogni due anni. In precedenza le scadenze patente B sono di 10 anni fino ai 50, ogni 5 anni tra i 50 e i 70 e ogni tre tra i 70 e gli 80. Per il resto si seguono le procedure previste dall’articolo 119 del Codice della Strada. Grazie al decreto Semplifica Italia, entrato in vigore il 10 febbraio 2012, è stato abolito l’obbligo di sottoporsi a una visita di controllo presso una commissione medica locale per ottenere il nullaosta per il rinnovo. Tramite l’approvazione del decreto, è stato ripristinato il solo accertamento di semplici requisiti psico fisici presso i centri sanitari abilitati.

La visita medica si può effettuare presso sezioni di medicina legale delle Asl, ispettori medici delle Ferrovie dello Stato, dei Vigili del Fuoco, della Polizia e medici militari. La visita medica può essere prenotata tramite Motorizzazione Civile e Autoscuola. Il medico è chiamato a verificare la sensibilità al contrasto degli occhi, la visione crepuscolare, la sensibilità all’abbigliamento e il tempo recupero dopo l’abbigliamento. In caso di esito positivo, il medico rilascia al conducente la ricevuta dell’avvenuta conferma della validità della patente di guida. Si tratta del permesso per guidare, che precede l’invio a casa (da parte della Motorizzazione Civile) della patente vera e propria.

Rinnovo patente dopo 80 anni: documenti

La procedura rinnovo patente passa anche attraverso la corretta presentazione dei documenti necessari per completare l’iter. Per il rinnovo patente cosa serve?

  • Documento d’identità in corso di validità
  • Tessera sanitaria
  • Codice fiscale
  • Patenta in scadenza (o scaduta)
  • Due fototessere
  • Ricevute dei versamenti (10,20 euro e 16 euro) sui c/c 9001 e c/c 4028

Costi e sanzioni

I due bollettini da pagare corrispondono ai costi da sostenere per il rinnovo patente, ai quali si aggiungono quelli per la visita medica, che oscilla tra i 20 e i 50 euro a seconda della regione di residenza. Rivolgendosi alla scuola guida si ha invece un costo leggermente maggiore. Una volta completata la procedura, la patente viene spedita a casa entro 15 giorni. Girare in assenza di patente comporta la sospensione della stessa. Chiunque circola durante il periodo di sospensione della patente (art. 128 Cds comma 2) è soggetto a una multa da 155 a 624 euro e alla revoca della patente.

Avere la patente in regola è solo uno degli obblighi di ogni automobilista. Se hai bisogno di rinnovare o sottoscrivere la tua prima assicurazione RC Auto, invece, affidati a noi. Confronta le tariffe delle migliori compagnie online, genera un preventivo gratuito e valutalo entro 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE