Rimborso premio assicurativo: quando si può richiedere?

Il rimborso premio assicurativo è un diritto che appartiene ad ogni contraente di una polizza RC Auto. Quando si rescinde un contratto si può infatti ottenere dalla compagnia il rimborso della parte di premio non goduto. Scopriamo in quali casi e come richiedere il rimborso del premio della RC auto pagato ma non usufruito e cosa fare quando si compra un nuovo veicolo.

Cos’è il premio assicurativo

Per premio assicurativo si intende la somma in denaro versata dal titolare della polizza per beneficiare della copertura assicurativa. Si tratta dunque di una quota da corrispondere obbligatoriamente per disporre dell’assicurazione RC Auto obbligatoria per legge. Il premio RC Auto non è fisso e varia in base a una serie di fattori, tra i quali spiccano:

  • Età del contraente
  • Luogo di residenza
  • Classe di merito
  • Formula di guida
  • Garanzie accessorie presenti nel contratto RC Auto

Tutti questi fattori determinano il rischio di un cliente di restare coinvolto in un sinistro stradale. Il premio è quindi il risultato della somma di queste variabili. Vediamo quando è possibile richiedere il rimborso premio pagato e non goduto.

Rimborso premio assicurativo: come funziona

Il rimborso premio assicurativo si può chiedere in tre casi:

  • Vendita
  • Rottamazione
  • Furto

Al verificarsi di una di queste tre circostanze il cliente ha diritto al rimborso premio RC Auto non goduto. La compagnia presso cui è stata stipulata la polizza, calcola la cifra sulla base del periodo residuo. Il calcolo viene fatto in proporzione all’intervallo temporale che resta fino alla scadenza del contratto. La somma finale viene poi stornata della quota relativa alle imposte e al contributo obbligatorio al SSN.

Rimborso premio assicurativo per vendita

In caso di vendita del veicolo assicurato, il contraente della polizza è tenuto a presentare alla compagnia il passaggio di proprietà. Attraverso questo atto dimostra di non essere più in possesso del veicolo e ha diritto al rimborso premio non goduto assicurazione auto.

Rimborso premio assicurativo per demolizione

In caso di cancellazione dal Pubblico Registro Automobilistico (PRA), bisogna invece presentare alla propria compagna il certificato di demolizione. Questo documento viene rilasciato da chi si occupa dello smaltimento del veicolo: demolitore o concessionaria. Il rimborso premio assicurativo non goduto, in questo caso, viene calcolato dal giorno immediatamente successivo alla data indicata sul certificato.

Rimborso premio assicurativo per furto

Per ottenere il rimborso del premio assicurativo in caso di furto, il documento da presentare è la denuncia effettuata alle Forze dell’Ordine. Il periodo per determinare il premio da rimborsare viene calcolato dal giorno seguente alla denuncia fino alla scadenza del contratto. Non si ha diritto al rimborso del premio (o delle rate già pagate) relativo alla garanzia Furto e Incendio.

In tutti i casi il rimborso si opera in mancanza di trasferimento della garanzia su un altro veicolo. Si ha diritto al rimborso premio assicurativo se, alla sospensione del contratto, non abbia fatto seguito la riattivazione. Una volta ottenuto il rimborso, se si acquista un altro veicolo si parte dalla classe di merito più alta (CU 14), a meno di ereditarla tramite Legge Bersani o Rc Auto Familiare.

Per risparmiare sull’assicurazione auto, visita il nostro sito e confronta le migliori offerte online. Genera gratuitamente tutti i preventivi di cui hai bisogno per fare la tua scelta e inizia subito a risparmiare.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE