Coronavirus: proroga scadenza revisione scaduta, come funziona

Durante l’emergenza Coronavirus è possibile circolare con la revisione scaduta? Il Decreto Cura Italia ha stabilito importanti interventi sul versante automobilistico. I limiti imposti alla circolazione sono accompagnati da integrazioni amministrative. Scopriamo cosa cambia per quanto concerne la revisione scaduta tolleranza e come muta la durata revisione auto.

Revisione auto scaduta: cosa cambia

Il Decreto Legge 17 marzo 2020 n.18 ha elencato le contromisure previste dal Governo per fronteggiare la pandemia Covid-19. Tra i rinvii previsti è stato inserito anche quello riguardante le revisioni di auto e moto. Per entrambe le tipologie di veicolo è stata prorogata di tre mesi la scadenza naturale. Ciò significa che con revisione auto scaduta alla data del 17 marzo 2020, o in scadenza entro il 31 luglio 2020, è consentita la circolazione fino al 31 ottobre 2020. La circolazione si garantisce senza aver effettuato la visita di revisione.

Restano ovviamente valide tutte le altre regole fissate per la circolazione. Pertanto gli automobilisti non possono circolare se non per ragioni lavorative o di comprovata necessità. Per muoversi in automobile è necessaria un’autocertificazione da presentare alle Forze dell’Ordine qualora si venga fermati. In mancanza delle suddette motivazioni per circolare, si va incontro a una multa da 400 a 3.000 euro. Le disposizioni, inizialmente valide fino al 3 aprile, sono state prolungate fino al 14 aprile 2020.

Revisione auto scaduta: la proroga riguarda tutti i veicoli

Sul tema della revisione scaduta è intervenuto il MIT attraverso una circolare del 23 marzo 2020. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha chiarito che l’autorizzazione alla circolazione riguarda tutti i veicoli. Viene infatti sancito il “carattere generale” e che “non ammette eccezioni”. Trova dunque applicazione con riguardo a qualunque categoria di veicolo soggetto all’obbligo di revisione. L’autorizzazione alla circolazione per i veicoli non revisionati, quindi, non comporta alcuna particolare formalità. La proroga è inoltre operante anche qualora il veicolo sia stato sottoposto a revisione non superata e da ripetere.

Revisione auto scaduta: la tolleranza non è retroattiva

Le regole per la revisione scaduta sono dunque valide per i veicoli soggetti a revisione (articolo 80 Cds) o a visita e prova (artt. 75 e 78 CdS). Ma la revisione auto quando scade? Il controllo tecnico va eseguito ogni quattro anni, due anni o un anno in base all’età e alla tipologia del veicolo. Va fatto entro il mese corrispondente al rilascio della carta di circolazione o alla precedente revisione. In nessun caso la proroga revisione scaduta ha valore retroattivo.

Per saperne di più sulle regole della revisione auto e sul certificato di revisione, visita il nostro sito. Ricorda che la revisione è solo uno degli obblighi spettanti ad ogni automobilista. Il più importante riguarda l’assicurazione auto. Usa il nostro comparatore per visualizzare le migliori offerte polizza Rc Auto online e trovare quella su misura per te.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Polizza cristalli: cosa copre e come funziona

La polizza cristalli è una garanzia accessoria dell’assicurazione Rc Auto che serve a coprire i danni ai vetri. Le compagnie assicurative offrono la possibilità di stipulare l’assicurazione cristalli a parte oppure abbinandole ad altre polizze. Quando è utile sottoscrivere la polizza cristalli auto, cosa copre e cosa non copre questa clausola accessoria? Polizza cristalli: cos’è

CONTINUA A LEGGERE

Acquisto auto da privato: come attivare la polizza

Comprare un’auto usata è una scelta che ogni anno viene fatta da oltre 4 milioni di italiani. In caso di acquisto auto da privato, bisogna rispettare una serie di regole. Queste sono leggermente diverse rispetto a quelle che si hanno quando si compra un’auto nuova. Scopriamo allora come attivare l’assicurazione auto in caso di vendita

CONTINUA A LEGGERE

Coronavirus, tutte le proroghe per le scadenze auto

Le misure per il contenimento e la gestione dell’emergenza Covid-19, introdotte dal D.L. 18/2020 convertito nella Legge 27/2020, riguardano anche le scadenze auto. Dal 24 aprile 2020 si applicano infatti le direttive contenute nel Decreto Cura Italia. Alcune di queste riguardano gli automobilisti e la possibilità di procrastinare controlli e pagamenti relativi ai loro veicoli.

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Visura PRA: cos’è e come ottenerla

La visura PRA è un servizio che consente di ottenere un documento contenente informazioni su un veicolo e sul relativo proprietario. Questo documento è rilasciato dal Pubblico Registro Automobilistico (PRA) e le visure PRA possono essere per targa o nominative. A cosa serve la visura PRA La visura PRA permette di: Controllare l’iscrizione di un

CONTINUA A LEGGERE

Coronavirus: come richiedere la sospensione rate mutuo

La legge di conversione del Decreto Cura Italia (DL 18/2020) rende attuabile la richiesta di sospensione rate mutuo. Questa procedura speciale è stata avallata per fronteggiare l’emergenza economica derivante dalla pandemia Coronavirus. Vediamo chi può sospendere il mutuo, come fare richiesta sospensione mutuo e qual è il modulo da utilizzare. Sospensione rate mutuo: a chi

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento danni incidente stradale: come fare, come si calcola

Ottenere il risarcimento danni incidente stradale è un’operazione a più fasi. Quando si resta coinvolti in un sinistro è fondamentale sapere come muoversi. Quando presentare richiesta risarcimento danni assicurazione? E, soprattutto, come fare il calcolo risarcimento incidente stradale? Scopriamo la procedura da seguire e quali sono le tabelle da consultare per conteggiare l’indennizzo. Risarcimento danni

CONTINUA A LEGGERE