Revisione moto: le novità in vigore dal 20 maggio 2018

Revisione moto: le novità in vigore dal 20 maggio 2018

Il 2018 è l’anno della rivoluzione nel campo delle revisioni dei veicoli. La data del 20 maggio ha infatti segnato una svolta importante sia nel settore auto che in quello moto. Recependo la Direttiva europea 2014/45, la quale prescrive che “ciascuno Stato membro provveda affinché i veicoli immatricolati nel suo territorio siano sottoposti a un controllo periodico da parte di centri autorizzati” , l’Italia muta le regole per i controlli tecnici obbligatori. Le nuove disposizioni sono state predisposte con l’obiettivo di  tutelare i consumatori contro i casi di frode nella compravendita di veicoli usati.

Arriva il certificato di revisione: cos’è e quali informazioni contiene

La novità più rilevante corrisponde all’introduzione del certificato di revisione. Questo documento rappresenterà una sorta di carta d’identità aggiornata del veicolo. In particolare saranno segnalati i chilometri percorsi (per evitare eventuali “ritocchi al ribasso”), mentre tutti i dati dovrebbero a breve convogliare in un documento unico destinato a sostituire a breve carta di circolazione e certificato di proprietà. Il certificato di revisione deve contenere obbligatoriamente i seguenti dati.

  •         Numero di identificazione e targa del telaio
  •         Simbolo dello Stato di immatricolazione
  •         Luogo e data in cui è stato effettuato il controllo
  •         Categoria del veicolo
  •         Carenze individuate e livello di gravità
  •         Lettura del contachilometri
  •         Risultato finale del controllo tecnico
  •         Nome di chi ha eseguito le verifiche e dati identificativi del responsabile del controllo
  •         Data prevista per il controllo successivo
  •         Altre informazioni

Revisione moto: scadenze e sanzioni restano invariate

L’unica cosa a non cambiare è il calendario: ciclomotori, motocicli e motoveicoli utilizzati per uso privato dovranno effettuare la prima revisione entro quattro anni dalla prima immatricolazione, mentre le ulteriori revisioni sono obbligatorie a intervalli di due anni.

Restano immutate anche le sanzioni per omessa revisione, come disciplinato dall’articolo 80 del Codice della Strada. Circolare con un motoveicolo sprovvisto di revisione costa una multa da 169 a 680 euro, con importo raddoppiato qualora venga accertata un’omissione per più anni. Oltre alla sanzione amministrativa può essere imposto anche il ritiro della carta di circolazione e l’obbligo di fermare il veicolo. Il costo della revisione è di 45 euro presso la Motorizzazione, 65,25 euro presso Agenzie ACI e 66,80 presso le officine autorizzate, sottoposte adesso a controlli maggiori con gli addetti ai controlli che saranno sottoposti a corsi di formazione e aggiornamento.

Ma la revisione moto è soltanto uno degli obblighi che la vostra due ruote comporta. Non trascurate gli altri, a partire da quelli relativi all’assicurazione moto. Se sta per scadere o se volete modificare il suo premio annuale, vi suggeriamo di visitare il nostro sito, dove vi sarà possibile confrontare le migliori offerte e generare un preventivo gratuito e senza impegno valido 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Carta di circolazione moto: cos’è, come leggerla

“Favorisca patente e libretto”. Quante volte ci è capitato di imbatterci in una frase del genere? Se siete stati guidatori fortunati l’avrete ascoltata magari soltanto in tv, ma se circolate su strada da tanto è inevitabile non essere stati almeno una volta i destinatari della richiesta. I documenti richiesti dalle Forze dell’Ordine nei controlli di

CONTINUA A LEGGERE

Auto per disabili: agevolazioni acquisto, assicurazione e bollo

In Italia ci sono oltre 4,5 milioni di disabili. 160.000 sono invece le patenti B speciali attive, ovvero quelle riservate alle persone affette da handicap e che permettono di guidare auto per disabili. Lo Stato e le singole regioni prevedono diversi aiuti per il loro acquisto. Scopriamo insieme di quali si tratta e come accedervi.

CONTINUA A LEGGERE

Incidente in famiglia: si viene risarciti dall’assicurazione?

Restare coinvolti in un incidente stradale. Una paura recondita per la maggior parte degli automobilisti, una spiacevole circostanza capitata a molti. Una volta valutate le condizioni fisiche e del veicolo e accertate le responsabilità, facendo affidamento sull’assicurazione responsabilità civile obbligatoria per legge, giunge il momento di ricevere l’indennizzo. A questo punto sarà la compagnia assicuratrice

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche

CONTINUA A LEGGERE

Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

La rivalsa è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il

CONTINUA A LEGGERE

Come proteggere gli animali dai botti

Come proteggere gli animali dai botti I botti, i petardi e i fuochi d’artificio sono frequentissimi durante le feste, specialmente a Capodanno, dove purtroppo fanno danni anche tra le persone. Ogni anno seguiamo il bollettino in tv: ragazzi che perdono dita o perfino interi arti, per il divertimento di una sera. Quello a cui pochi

CONTINUA A LEGGERE

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE