Revisione moto: le novità in vigore dal 20 maggio 2018

Revisione moto: le novità in vigore dal 20 maggio 2018

Il 2018 è l’anno della rivoluzione nel campo delle revisioni dei veicoli. La data del 20 maggio ha infatti segnato una svolta importante sia nel settore auto che in quello moto. Recependo la Direttiva europea 2014/45, la quale prescrive che “ciascuno Stato membro provveda affinché i veicoli immatricolati nel suo territorio siano sottoposti a un controllo periodico da parte di centri autorizzati” , l’Italia muta le regole per i controlli tecnici obbligatori. Le nuove disposizioni sono state predisposte con l’obiettivo di  tutelare i consumatori contro i casi di frode nella compravendita di veicoli usati.

Arriva il certificato di revisione: cos’è e quali informazioni contiene

La novità più rilevante corrisponde all’introduzione del certificato di revisione. Questo documento rappresenterà una sorta di carta d’identità aggiornata del veicolo. In particolare saranno segnalati i chilometri percorsi (per evitare eventuali “ritocchi al ribasso”), mentre tutti i dati dovrebbero a breve convogliare in un documento unico destinato a sostituire a breve carta di circolazione e certificato di proprietà. Il certificato di revisione deve contenere obbligatoriamente i seguenti dati.

  •         Numero di identificazione e targa del telaio
  •         Simbolo dello Stato di immatricolazione
  •         Luogo e data in cui è stato effettuato il controllo
  •         Categoria del veicolo
  •         Carenze individuate e livello di gravità
  •         Lettura del contachilometri
  •         Risultato finale del controllo tecnico
  •         Nome di chi ha eseguito le verifiche e dati identificativi del responsabile del controllo
  •         Data prevista per il controllo successivo
  •         Altre informazioni

Revisione moto: scadenze e sanzioni restano invariate

L’unica cosa a non cambiare è il calendario: ciclomotori, motocicli e motoveicoli utilizzati per uso privato dovranno effettuare la prima revisione entro quattro anni dalla prima immatricolazione, mentre le ulteriori revisioni sono obbligatorie a intervalli di due anni.

Restano immutate anche le sanzioni per omessa revisione, come disciplinato dall’articolo 80 del Codice della Strada. Circolare con un motoveicolo sprovvisto di revisione costa una multa da 169 a 680 euro, con importo raddoppiato qualora venga accertata un’omissione per più anni. Oltre alla sanzione amministrativa può essere imposto anche il ritiro della carta di circolazione e l’obbligo di fermare il veicolo. Il costo della revisione è di 45 euro presso la Motorizzazione, 65,25 euro presso Agenzie ACI e 66,80 presso le officine autorizzate, sottoposte adesso a controlli maggiori con gli addetti ai controlli che saranno sottoposti a corsi di formazione e aggiornamento.

Ma la revisione moto è soltanto uno degli obblighi che la vostra due ruote comporta. Non trascurate gli altri, a partire da quelli relativi all’assicurazione moto. Se sta per scadere o se volete modificare il suo premio annuale, vi suggeriamo di visitare il nostro sito, dove vi sarà possibile confrontare le migliori offerte e generare un preventivo gratuito e senza impegno valido 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Sospensione assicurazione moto: come fare, come riattivare

Sospendere l’assicurazione Rc obbligatoria è una soluzione interessante per risparmiare. Ideale per chi utilizza un veicolo soltanto in alcuni periodi dell’anno, garantisce un risparmio sul premio annuo. Di fatto questo è spalmato su un arco temporale più lungo. Quali sono i vantaggi principali e gli svantaggi di una polizza sospendibile? Blocco assicurazione moto: cos’è? La

CONTINUA A LEGGERE

Caduta in bici: le 5 cose da fare subito

A chi non è successo almeno una volta nella vita? Una caduta in bici non si nega proprio a nessuno. Che si sia pedalatore improvvisati o campioni del Giro d’Italia, finire a terra quando si pedala è una possibilità da tenere in considerazione. Basta una buca, un restringimento stradale o una frenata improvvisa per rovinare

CONTINUA A LEGGERE

Come recuperare messaggi di WhatsApp cancellati

Oh, no! Hai perso tutti i messaggi di WhatsApp e sei andato nel pallone? Questo è l’articolo giusto che ti guida passo passo nel recupero dei messaggi di WhatsApp cancellati e nel backup di WhatsApp. Come recuperare le chat di WhatsApp Prima di tutto: hai fatto il backup di WhatsApp, vero? L’app di messaggistica più

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione studente Erasmus: polizza viaggio universitari all’estero

Erasmus in vista? L’Erasmus, o in generale un periodo di studio all’estero, è una delle esperienze più importanti e significative nella vita di uno studente. Trascorrere alcuni mesi all’estero non è un’esperienza da poco, ma va programmata con cura, dalla scelta dell’alloggio, all’eventuale compagnia, all’assicurazione viaggio. Scopriamo insieme in cosa consiste l’assicurazione studente Erasmus. Assicurazione

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Auto senza assicurazione: quali sono le sanzioni?

Guidare un’auto senza assicurazione è un reato punito in più modi. Mettersi alla guida di un veicolo non assicurato costituisce un rischio per sé stessi e per gli altri. Nonostante ciò i casi di automobilisti fermati alla guida senza assicurazione sono in continuo aumento. A questo spiacevole fenomeno si lega direttamente quello delle fughe a

CONTINUA A LEGGERE

Modello 730/2019: l’assicurazione auto è detraibile?

È possibile procedere alla detrazione assicurazione auto sul modello 730/2019? Quando si effettua la dichiarazione dei redditi, ci si trova a fare i conti con spese detraibili e spese deducibili. Tra le prime rientrano anche quelle assicurative. Non tutte sono però detraibili dal 730 o dal Modello redditi persone fisiche. L’assicurazione auto è detraibile? Quando

CONTINUA A LEGGERE

Decurtazione punti patente: eccesso di velocità

Dal 2003 gli automobilisti italiani si trovano alle prese con la patente a punti. Questo meccanismo premia i guidatori virtuosi permettendo loro di guadagnare due punti ogni biennio, fino a un massimo di 30 totali. La base di partenza è di 20 punti e ovviamente si rischia la perdita punti patente quando si commettono infrazioni

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze economiche con cane: due mete spettacolari per spendere poco

Vacanze economiche con cane al seguito? Sembra un sogno, un’utopia? Invece può essere realtà! Tutti noi padroni di cani sappiamo quanto sia complicato organizzare un’estate in serenità, senza lasciare Fido a casa. È parte della famiglia e vogliamo portarlo con noi: ma come viaggiare con animali senza spendere una fortuna? Ecco due mete davvero spettacolari per

CONTINUA A LEGGERE