Revisione moto d’epoca: quando va fatta?

La passione per i veicoli storici, auto o moto d’epoca, accomuna molte persone. Questi mezzi iconici non sono soltanto affascinanti, ma permettono anche di ottenere sconti su assicurazione e bollo. Per quanto riguarda la revisione, invece, esistono delle regole ben precise. Quando va fatta la revisione moto d’epoca e quali sono i requisiti da rispettare per superarla?

Cosa si intende per moto d’epoca

Per legge una moto può essere considerata un veicolo d’epoca quando ha almeno 20 anni di vita. Per effettuare il calcolo si prende in considerazione la data di costruzione. Se questa è sconosciuta, fa fede la data di prima immatricolazione. Per ottenere le agevolazioni bollo moto bisogna essere in possesso del Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica. Questo documento viene rilasciato da cinque registri: ASI, Italiano Alfa Romeo, Italiano FIAT, Storico FM e Storico Lancia. Le moto che superano i 30 anni dalla data di costruzione beneficiano dell’esenzione totale del bollo. Ogni anno, invece, bisogna pagare in soluzione unica una tassa di circolazione forfettaria di 11,36 euro. Come funziona, invece, per quanto riguarda la revisione moto d’epoca?

Quando fare la revisione moto d’epoca

La revisione moto storiche non dispone di una disciplina dedicata. Pertanto l’obbligo di revisione moto d’epoca o scooter è a cadenza biennale, come avviene per ogni due ruote immatricolata da più di quattro anni. I veicoli immatricolati dopo il 1960, come da normativa regionale, sono semplicemente considerati datati.

Dove fare la revisione motocicli d’epoca

L’unica parziale distinzione riguarda il posto in cui effettuare la revisione. Infatti le revisioni dei veicoli di interesse storico e collezionistico costruiti prima del 1° gennaio 1960 si possono effettuare esclusivamente presso gli Uffici Motorizzazione Civile (UMC). Per quanto riguarda quelli costruiti successivamente, invece, possono effettuarla anche presso centri privati.

Costi e sanzioni

Anche il costo di una revisione moto d’epoca è equiparabile a quello valido per gli altri motocicli. Se effettuata presso centri revisione e officine autorizzate il prezzo è di 66,88 euro, mentre negli uffici provinciali della Motorizzazione si paga 45 euro. Nel primo caso è possibile prenotare giorno e orario per l’esame. Dal 20 maggio 2018, inoltre, sono cambiate le regole per i controlli tecnici obbligatori. La novità più importante consiste nel rilascio del certificato di revisione in caso di superamento del controllo. Per quanto riguarda le sanzioni per la mancata revisione, valgono le regole stabilite dall’articolo 80 del Codice della Strada. Chiunque non si attenga alla prescrizione è punito con una multa da 168 a 674 euro, con sanzione raddoppiabile in caso di revisione omessa per più di una volta.

La revisione moto è soltanto uno degli obblighi che gravano su ogni motociclista. Non dimenticare quello dell’assicurazione moto, scegliendo grazie a noi la polizza più vantaggiosa. Usa il nostro comparatore per ottenere le quotazioni delle migliori compagnie online. Salva il preventivo gratuito entro 60 giorni e decidi se convalidarlo o riceverne, sempre gratuitamente, un altro.

 

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione donazione casa: cos’è e come funziona

La donazione immobiliare è una delle soluzioni più adottate dagli italiani per trasferire la proprietà di case e altri beni immobiliari quando ancora in vita ai propri eredi. La donazione permette di risparmiare su molti oneri fiscali, al momento della successione ereditaria, ma soprattutto permette di aggiungere delle clausole per i beneficiari. Perché quindi acquistare

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE