Revisione autocarro: cos’è e come cambia nel 2018

Revisione autocarro: cos’è e come cambia nel 2018

Auto, moto e autocarri. La sostanza non cambia, le regole sì. Così come avverrà per le prime, a partire dal 20 maggio 2018 sono previste importanti variazioni sul tema della revisione autocarri. Obbligatorio per legge e già destinatario di alcune modifiche rilevanti lo scorso anno, il collaudo tecnico sui mezzi di portata uguale o superiore ai 35 quintali recepirà le recenti direttive dell’Unione Europea. L’aggiornamento della disciplina sulla materia, infatti, si è reso necessario per uniformare le regole a livello continentale. L’obiettivo è quello di contrastare le frodi sulla compravendita dei veicoli usati attraverso la falsificazione dei chilometraggi. L’accurata verifica del contachilometri e il rilascio di un certificato di revisione serviranno proprio a contrastare questo fenomeno. Ma andiamo con ordine.

Ogni quanti anni va fatta e quanto costa la revisione

La revisione autocarro è la verifica dello stato di salute del vostro veicolo. Serve a controllare l’efficienza delle parti meccaniche e dei dispositivi (dallo sterzo all’impianto elettrico, dai freni agli indicatori di direzioni) e ad accertarsi che questo rientri nei parametri per ricevere l’idoneità ambientale.

Le scadenze si allineano a quelle previste per le auto soltanto per autovetture, caravan e veicoli per trasporto promiscuo o ad uso speciale di massa non superiore a 35 quintali. Per questo tipologie la prima revisione va effettuata a quattro anni dall’immatricolazione del mezzo, le successive a cadenza biennale. I veicoli destinati al trasporto di persone o cose con numero di posti superiore a nove, adibite a taxi e noleggio con conducente, ambulanze, autobus o mezzi con massa uguale o superiore a 35 quintali dovranno invece effettuare annualmente la revisione.

Il suo costo è di 45 euro presso la Motorizzazione Civile, scelta obbligatoria per mezzi sopra i 35 quintali, di 66,88 euro nelle officine autorizzate. Costa decisamente di più, invece, non farla. Chi circola sprovvisto di regolare revisione va infatti incontro a una multa da 168 a 674 euro, con raddoppio della sanzione amministrativa in caso di recidività.

Revisione autocarro: le novità dal 20 maggio 2018

Le prime aggiunte alle norme sulla revisione autocarri sono state apportate mediante una circolare entrata in vigore il 6 giugno 2017. Attraverso questa si è stabilito l’obbligo di fornire un’attestazione di corretta manutenzione firmata dal responsabile dell’officina alla quale è stato affidato il veicolo. Una prescrizione che ha anticipato quella entrata in vigore il 20 maggio 2018 con l’introduzione del certificato di revisione. Tale documento deve inderogabilmente contenere una serie di dati: luogo e data del collaudo, numero e targa del telaio, carenze individuate e livello di gravità, lettura del contachilometri, risultato finale del controllo, generalità di chi ha effettuato le verifiche e data prevista per il successivo check.

In caso di carenze gravi è previsto il divieto dell’uso del veicolo su strade pubbliche. La sospensione verrà revocata soltanto dopo una nuova revisione con esito positivo.  A fronte di carenze lievi, invece, il veicolo potrà sostenere una nuova revisione già dopo un mese.

Una volta messo in regola con la revisione, assicurati di avere anche tutto il resto sotto controllo. E a proposito di assicurazione autocarro, noi possiamo aiutarti. Se hai bisogno di rinnovare o “migliorare” quella che usi attualmente per il tuo veicolo commerciale, potrai farlo navigando sul nostro sito. Lì troverai le più interessanti proposte di mercato e potrai generare gratuitamente un preventivo che avrà due mesi di validità.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Mete autunnali: dove viaggiare in autunno risparmiando

Mete autunnali: dove viaggiare in autunno risparmiando La fine dell’estate è stato traumatico? Il Natale ci sembra ancora lontano? È il momento ideale per prendersi una piccola pausa e volare fuori città. Andalusia in autunno: verso l’estate Se sei ancora nostalgico della stagione calda appena conclusa, vola verso l’Andalusia, che ti regalerà un clima mite, dal

CONTINUA A LEGGERE

Pressione gomme moto: come regolarla, consigli

Pressione gomme moto: come regolarla, consigli La pressione giusta delle gomme moto è argomento dibattuto tanto tra i piloti esperti quanto dai centauri alle prime armi. Del resto ruota tutto intorno a un argomento di primaria importanza: la sicurezza stradale. Circolare con la pressione pneumatici sbagliata comporta infatti enormi rischi. Qualora questi siano sgonfi si

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene L’assicurazione auto giornaliera è un particolare tipo di polizza prevista da alcune compagnie. La sua attivazione permette di assicurare la propria vettura per 24 ore. Di solito le polizze temporanee partono da un minimo di tre o cinque giorni fino a un massimo di sei mesi,

CONTINUA A LEGGERE

Furto bici: cosa fare, come evitarlo

Furto bici: cosa fare, come evitarlo Ogni anno in Italia vengono rubate 350.000 biciclette. Un dato preoccupante e che, come prevedibile, registra nelle metropoli i suoi picchi massimi, con Roma e Milano che superano i 10.000 furti bicicletta nell’arco dei 12 mesi. In media viene rubato un esemplare ogni due minuti e ritrovare la propria

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma È uno dei vocaboli con i quali si inizia a familiarizzare ancor prima di diventare automobilisti, eppure non tutti hanno chiaro cosa significhi. La constatazione amichevole di incidente è il modulo che offre una visione completa di ciò che avviene sulla scena del sinistro. Il suo nome corretto

CONTINUA A LEGGERE

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE