Revisione autocarro: cos’è e come cambia nel 2018

Revisione autocarro: cos’è e come cambia nel 2018

Auto, moto e autocarri. La sostanza non cambia, le regole sì. Così come avverrà per le prime, a partire dal 20 maggio 2018 sono previste importanti variazioni sul tema della revisione autocarri. Obbligatorio per legge e già destinatario di alcune modifiche rilevanti lo scorso anno, il collaudo tecnico sui mezzi di portata uguale o superiore ai 35 quintali recepirà le recenti direttive dell’Unione Europea. L’aggiornamento della disciplina sulla materia, infatti, si è reso necessario per uniformare le regole a livello continentale. L’obiettivo è quello di contrastare le frodi sulla compravendita dei veicoli usati attraverso la falsificazione dei chilometraggi. L’accurata verifica del contachilometri e il rilascio di un certificato di revisione serviranno proprio a contrastare questo fenomeno. Ma andiamo con ordine.

Ogni quanti anni va fatta e quanto costa la revisione

La revisione autocarro è la verifica dello stato di salute del vostro veicolo. Serve a controllare l’efficienza delle parti meccaniche e dei dispositivi (dallo sterzo all’impianto elettrico, dai freni agli indicatori di direzioni) e ad accertarsi che questo rientri nei parametri per ricevere l’idoneità ambientale.

Le scadenze si allineano a quelle previste per le auto soltanto per autovetture, caravan e veicoli per trasporto promiscuo o ad uso speciale di massa non superiore a 35 quintali. Per questo tipologie la prima revisione va effettuata a quattro anni dall’immatricolazione del mezzo, le successive a cadenza biennale. I veicoli destinati al trasporto di persone o cose con numero di posti superiore a nove, adibite a taxi e noleggio con conducente, ambulanze, autobus o mezzi con massa uguale o superiore a 35 quintali dovranno invece effettuare annualmente la revisione.

Il suo costo è di 45 euro presso la Motorizzazione Civile, scelta obbligatoria per mezzi sopra i 35 quintali, di 66,88 euro nelle officine autorizzate. Costa decisamente di più, invece, non farla. Chi circola sprovvisto di regolare revisione va infatti incontro a una multa da 168 a 674 euro, con raddoppio della sanzione amministrativa in caso di recidività.

Revisione autocarro: le novità dal 20 maggio 2018

Le prime aggiunte alle norme sulla revisione autocarri sono state apportate mediante una circolare entrata in vigore il 6 giugno 2017. Attraverso questa si è stabilito l’obbligo di fornire un’attestazione di corretta manutenzione firmata dal responsabile dell’officina alla quale è stato affidato il veicolo. Una prescrizione che ha anticipato quella entrata in vigore il 20 maggio 2018 con l’introduzione del certificato di revisione. Tale documento deve inderogabilmente contenere una serie di dati: luogo e data del collaudo, numero e targa del telaio, carenze individuate e livello di gravità, lettura del contachilometri, risultato finale del controllo, generalità di chi ha effettuato le verifiche e data prevista per il successivo check.

In caso di carenze gravi è previsto il divieto dell’uso del veicolo su strade pubbliche. La sospensione verrà revocata soltanto dopo una nuova revisione con esito positivo.  A fronte di carenze lievi, invece, il veicolo potrà sostenere una nuova revisione già dopo un mese.

Una volta messo in regola con la revisione, assicurati di avere anche tutto il resto sotto controllo. E a proposito di assicurazione autocarro, noi possiamo aiutarti. Se hai bisogno di rinnovare o “migliorare” quella che usi attualmente per il tuo veicolo commerciale, potrai farlo navigando sul nostro sito. Lì troverai le più interessanti proposte di mercato e potrai generare gratuitamente un preventivo che avrà due mesi di validità.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione sanitaria viaggio obbligatoria: dove?

In quali paesi è obbligatoria l’assicurazione sanitaria? Come ci si regola prima di intraprendere un viaggio, magari lontano dall’Italia? Di solito ognuno decide in base alla propria coscienza. Che si viaggi in Italia, con bambini (leggi subito la nostra guida alle assicurazioni viaggi con bambini), da soli o all’estero, solitamente non ci sono obblighi di

CONTINUA A LEGGERE

Iscrizione ASI: quanto costa nel 2019 e vantaggi

I possessori di un’auto storica possono richiedere anche nel 2019 l’iscrizione ASI. L’Automotoclub Storico Italiano è l’ente federale che sostiene e tutela la motorizzazione storica in Italia. Tra le sue mansioni c’è quella di rilasciare certificati che attestano caratteristiche di storicità e autenticità dei veicoli. Appartenere al registro auto storiche dà diritto a molti vantaggi,

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Vacanze economiche con cane: due mete spettacolari per spendere poco

Vacanze economiche con cane al seguito? Sembra un sogno, un’utopia? Invece può essere realtà! Tutti noi padroni di cani sappiamo quanto sia complicato organizzare un’estate in serenità, senza lasciare Fido a casa. È parte della famiglia e vogliamo portarlo con noi: ma come viaggiare con animali senza spendere una fortuna? Ecco due mete davvero spettacolari per

CONTINUA A LEGGERE

Patente speciale: come richiedere, dove rinnovare

I soggetti affetti da disabilità (dalla nascita, per incidente o malattia) hanno diritto a guidare l’auto? La risposta è affermativa, purché siano in possesso di una patente auto speciale. Questo titolo di guida ha un iter identico a quello della normale patente b auto. Propedeutico al suo ottenimento è il superamento di esami di teoria

CONTINUA A LEGGERE

Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche

CONTINUA A LEGGERE

Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

La rivalsa è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il

CONTINUA A LEGGERE