Revisione auto storiche e d’epoca: quando e come va fatta

La revisione auto storiche e d’epoca segue modalità diverse da quelle delle macchine più moderne? Quando si parla di revisione auto, si fa sempre i conti con scadenze, documenti da presentare ed esami da superare. Le auto di interesse storico e collezionistico sono spesso organizzate in Club e Associazioni, ma non sempre si ha agio nel distinguere e riconoscere gli automezzi d’epoca. Vediamo dunque come funziona e quali sono le regole per la revisione auto d’epoca e storica.

Auto storica e auto d’epoca: quali sono le differenze?

Un’auto storica è diversa da un’auto d’epoca? A stabilirlo è l’articolo 60 del Codice della Strada. Le macchine storiche sono quelle per le quali è riconosciuta una rilevanza storica o collezionistica. Per ottenere il certificato di rilevanza occorre l’iscrizione a un registro ASI auto interesse storico. In alternativa valgono i registri Italiano Alfa Romeo, Italiano Fiat e Storico Lancia. Le auto d’epoca sono invece quelle cancellate dal Pubblico Registro Automobilistico (PRA) in quanto destinate alla conservazione in musei o locali pubblici e private. La loro circolazione su strada è permessa solo in occasione di raduni o manifestazioni autorizzate, con permesso speciale. Quali sono invece i requisiti per essere annoverata auto storiche e quando va fatta la revisione auto storiche?

Auto storica: requisiti

Si può godere dell’etichetta di auto storica dopo quanti anni? Per legge devono essere trascorsi almeno 20 anni dalla data di costruzione. Se questa non è rintracciabile, fa fede la prima immatricolazione. Un’auto storica deve aver inoltre conservato le caratteristiche originali di fabbricazione. Come noto i veicoli immatricolati da oltre 20 anni godono di agevolazioni sull’assicurazione RC Auto e sul bollo auto, sottoforma di esenzione parziale o totale.

Revisione auto storiche: regole

Per la revisione auto storiche si seguono le stesse regole valide per le altre automobili. Qualora il veicolo sia iscritto a uno dei registri storici e il proprietario sia in possesso della documentazione che lo attesti, la revisione veicoli storici va fatta ogni due anni. Come per ogni auto, dunque, la prima revisione si effettua a quattro anni dalla prima immatricolazione, le successive a cadenza biennale. La revisione auto storiche si effettua presso officine autorizzate o presso la sede provinciale della Motorizzazione Civile.

Per quanto riguarda i controlli che vengono eseguiti, e che permettono in caso di superamento di ottenere il certificato di revisione previsto dal 2018, sono solo in parti gli stessi validi per le normali autovetture. Le auto storiche sono infatti esentate dal controllo delle emissioni inquinanti. Per le auto immatricolate prima del 1960, inoltre, la prova di frenatura per la verifica del freno di servizio si effettua tramite prova statica.

Come fare la revisione auto d’epoca

Detto della revisione auto storiche, per quanto riguarda le auto d’epoca il collaudo tecnico obbligatorio va fatto ogni cinque anni. Nonostante la radiazione dal PRA, la revisione si esegue in virtù dell’autorizzazione a circolare nelle manifestazioni o nei raduni organizzati. La revisione auto storiche si può effettuare esclusivamente presso la Motorizzazione Civile.

Per sapere come assicurare un’auto storica o d’epoca, visita il nostro sito. Inserisci i tuoi dati e quelli del veicolo nell’apposito form e ricevi le quotazioni delle migliori compagnie assicurazione auto online. Prima di scegliere, genera tutti i preventivi gratuiti di cui hai bisogno. Da quel momento avrai a disposizione 60 giorni di tempo per valutarli e convalidarli.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE