Revisione auto, dal 20 maggio 2018 si cambia

Revisione auto, dal 20 maggio 2018 si cambia

Revisione auto, si cambia. Dal 20 maggio 2018 gli automobilisti italiani si troveranno a fare i conti con un’importante novità che li riguarderà ogniqualvolta si troveranno a sostenere il controllo tecnico (obbligatorio a distanza di quattro anni dalla prima immatricolazione e ogni due anni a partire dalla seconda) del proprio veicolo. Con l’obiettivo di uniformarsi alle direttive dell’Unione Europea, infatti, mutano le regole relative alla revisione auto e moto. Come e perché? Ve lo spieghiamo noi.

Perché cambiano le regole sulla revisione auto

La svolta si è resa necessaria soprattutto per combattere le frodi nella compravendita delle vettura usate. Armonizzare i controlli a livello continentale, come stabilito dalla Direttiva europea 2014/45 (“ciascuno Stato membro provvede affinché i veicoli immatricolati nel suo territorio siano sottoposti a un controllo periodico da parte di centri autorizzati”) contribuirà infatti ad evitare che vengano reimmesse sul mercato automobili con chilometraggi falsati.

Una prassi, quest’ultima, che permette ai venditori di ottenere un maggior guadagno ai danni di ignari acquirenti. Per chi verrà scoperto a manomettere chilometri sono previste “sanzioni effettive, proporzionate, dissuasive e non discriminatorie”.

Come cambiano le regole sulla revisione auto: il certificato di revisione

Detto delle scadenze, ricordiamo che eludere le regole sulla revisione auto e girare con un veicolo non sottoposto alla stessa, comporta una multa da 168 a 674 euro col raddoppio della sanzione amministrativa in caso di recidiva. La principale novità introdotta a partire dal 20 maggio 2018 risponde al nome di certificato di revisione. Tale documento viene rilasciato  da centri e officine autorizzate, ACI e Motorizzazione. Verrà in seguito consegnato all’intestatario dell’auto e trasmesso al Ministero delle Infrastrutture. Solo in una fase successiva sarà reso pubblico e consultabile sul Portale dell’Automobilista dopo aver inserito il veicolo da controllare e la relativa targa. Questi i dati che deve contenere necessariamente.

  •         Numero e targa del telaio
  •         Luogo e data in cui è stato effettuato il controllo
  •         Categoria del veicolo
  •         Carenze individuate e livello di gravità
  •         Lettura del contachilometri
  •         Risultato finale del controllo tecnico
  •         Generalità di chi ha eseguito le verifiche e dati identificativi del responsabile del controllo
  •         Data prevista per il controllo successivo

Revisione e assicurazione: attenzione alle scadenze

Inoltre è importante conoscere alcune informazioni supplementari. Se un veicolo immatricolato in uno Stato straniero viene reimmatricolato in Italia, il certificato rilasciato avrà validità tenendo della frequenza dei controlli previsti nel Belpaese. Discorso simile in caso di passaggio di proprietà: la validità del certificato di revisione si mantiene solo se l’attestato di controllo tecnico periodico risulta in regola. Se il countdown per la prossima revisione macchina è agli sgoccioli, allora vi suggeriamo di controllare anche le altre scadenze relative alla vostra automobile. Tra queste merita sempre particolare attenzione quella dell’assicurazione auto. Per completare il corredo della sicurezza è opportuno restare sempre aggiornati sulle migliori offerte e scegliere quella più adatta alla vostre esigenze. Sul nostro sito sarà possibile farlo generando un preventivo gratuito e senza impegno valido 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Giubbino ciclismo: quando e dove è obbligatorio

Giubbino ciclismo: quando e dove è obbligatorio Quando si va in bicicletta look e sicurezza non sempre vanno d’accordo. L’irresistibile richiamo della moda o la voglia di immedesimarsi negli idoli ammirati in tv, porta spesso i ciclisti della domenica a trascurare l’aspetto basilare. Da sempre utenti deboli della strada, infatti, gli amanti delle due ruote

CONTINUA A LEGGERE

Ecotassa auto 2019: chi deve pagarla, costi, FAQ

Ecotassa auto 2019: chi deve pagarla, costi, FAQ Tra le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2019 varata dal Governo Lega-M5S alcune riguardano il settore auto. Sono stati previsti infatti incentivi e imposte volte a favorire la conversione verso la mobilità sostenibile, garantita dall’ingresso massiccio sul mercato di auto elettriche e ibride plug-in. Accanto all’Ecobonus

CONTINUA A LEGGERE

Limiti di velocità e autovelox: Google Maps li segnala

Limiti di velocità e autovelox: Google Maps li segnala Il piacere di guidare una automobile si scontra spesso con gli obblighi connessi. Tra quelli di ogni guidatore, oltre alla stipula di una regolare assicurazione RC auto, c’è il rispetto dei limiti di velocità. Oltre a determinare multe e sanzioni, la loro mancata osservanza rischia di

CONTINUA A LEGGERE

Ecobonus moto: condizioni, rottamazione, abbigliamento

Ecobonus moto: condizioni, rottamazione, abbigliamento La Legge di Bilancio 2019 ha previsto alcune norme volte a incentivare la conversione verso una mobilità sostenibile. In vista di un allineamento alle direttive dell’Europarlamento, il Governo M5S – Lega ha inserito nel testo due interessanti novità: Ecobonus ed Ecotassa. Finora se ne è parlato quasi esclusivamente in ambito

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE

Fattura elettronica: cos’è e come funziona

Se hai un’attività, che sia un’azienda, un negozio o una semplice partita Iva, sarai già venuto a conoscenza di questa temibile fatturazione elettronica. Cos’è? Come funziona? Quanto costa? Chi può evitare di emetterla? Fattura elettronica: cosa è La fattura elettronica è stata introdotta con la Finanziaria del 2018 ed è diventata obbligatoria e operativa il

CONTINUA A LEGGERE

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro La loro diffusione ha conosciuto una sensibile impennata negli ultimi anni e ha innescato un dibattito acceso tra gli appassionati. Stiamo parlando dei freni a disco bici, sempre più utilizzati anche tra gli utilizzatori di telai da strada e non soltanto appannaggio dei bikers. Questione di

CONTINUA A LEGGERE

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo Per i ciclisti che non hanno la fortuna di vivere in posti caldi o quelli particolarmente intolleranti alle temperature rigide, l’inverno è un periodo particolarmente complicato per mantenere rapporti cordiali con la propria due ruote. A maggior ragioni i mesi freddi sono quelli in più è

CONTINUA A LEGGERE