Rc professionale infermiere: cos’è e cosa copre

La assicurazione RC professionale infermiere è obbligatoria dal 2014 per gli infermieri e per gli OSS, gli operatori socio-sanitari. È uno strumento indispensabile per tutelare chi lavora come libero professionista, ma anche come dipendente e collaboratore. La RC infermiere protegge l’assicurato dalle eventuali richieste economiche derivanti da un errore o da una negligenza messa in atto durante il proprio lavoro. Vediamo cos’è, a chi si rivolge e cosa copre.

RC professionale infermiere: cosa è e a chi si rivolge

La RC professionale per infermieri e OSS è obbligatoria dal 13 agosto 2014 (secondo le disposizioni del D.P.R. 137/2012) per tutti coloro che sono iscritti all’Albo professionale.

Il Decreto legge n. 130 dell’agosto 2011, convertito in legge 148/2011, ha infatti stabilito l’obbligo di stipulare una polizza assicurativa che copra la responsabilità civile relativa all’esercizio della propria professione per tutti i liberi professionisti iscritti a un Albo professionale. La polizza RC infermiere è quindi obbligatoria e volta a tutelare chiunque eserciti questa professione sanitaria da errori o negligenze sul lavoro.

La polizza RC professionale infermieri si rivolge a:

  • infermieri o OSS liberi professionisti, sia che lavorino in ospedali o ambulatori pubblici, sia presso strutture private (si parla di RC professionale infermieri per liberi professionisti)
  • infermieri o OSS dipendenti o collaboratori che lavorano in ospedali pubblici o strutture e ospedali privati.

RC professionale infermieri: cosa copre

L’assicurazione RC professionale infermiere cosa copre? Tutte le perdite economiche derivanti da una richiesta di risarcimento presentata in seguito a un errore sul lavoro e durante il periodo di validità della polizza stessa. L’infermiere o l’operatore socio-sanitario assicurato può ottenere perfino il rimborso delle spese dei provvedimenti di giudizio o per la difesa legale, entro i limiti imposti dal contratto di polizza.

Non solo. La polizza assicurativa infermieri e OSS tutela il lavoratore dipendente o libero professionista anche dalle eventuali rivalse avanzate dalla struttura pubblica o privata presso cui lavora. È, in sostanza, una copertura a tutto tondo, essenziale per professioni così delicate.

RC professionale infermieri: cosa non copre

La polizza professionale per infermieri e operatori socio-sanitari tutela gli assicurati solo nel periodo di validità della polizza. Allo scadere del contratto, quindi, non è più possibile usufruire della copertura assicurativa. Molte polizze, però, prevedono una retroattività. L’estensione alla retroattività è un elemento molto importante in una polizza RC professionale perché spesso, tra l’azione e l’eventuale richiesta di risarcimento, passano alcuni anni. Prima della stipula del contratto, consigliamo di fare attenzione alla retroattività.

La polizza professionale per infermieri e OSS non copre errori o negligenze professionali commesse da chi non è iscritto all’Albo professionale o da chi è non è autorizzato a lavorare come infermiere o OSS.

Altre azioni escluse dalla polizza sono la somministrazione di farmaci non a scopi terapeutici, violazioni del codice deontologico o del segreto professionale, azioni e omissioni dolose, mobbing.

Ogni compagnia assicurativa offre premi diversi per massimali, franchigia e opzioni diverse. Scopri quella più adatta per te, con pochi click! Otterrai online e senza impegno diverse quotazioni per scegliere la più conveniente.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento in forma specifica RC Auto: quando si applica?

Il risarcimento in forma specifica è una particolare clausola contrattuale che si applica anche alle assicurazioni RC Auto. Questo tipo di clausola è facoltativa e non obbligatoria: garantisce sconti a chi decide di inserirla, ma vincola il contraente a rispettare alcuni paletti. Vediamo cosa si intende per risarcimento in forma specifica RCA e cosa cambia

CONTINUA A LEGGERE

Incidente con revisione scaduta: cosa si rischia con l’assicurazione

Circolare con la revisione scaduta è un azzardo che può costare molto caro. Dimenticanza per molti, preoccupante abitudine per altri, questa condotta vale per tutti la stessa sanzione. Con revisione scaduta cosa succede? Ma soprattutto, cosa accade se si incappa in un incidente senza aver sostenuto il controllo periodico? Revisione auto scaduta: art.80 Codice della

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE