Rc professionale infermiere: cos’è e cosa copre

La assicurazione RC professionale infermiere è obbligatoria dal 2014 per gli infermieri e per gli OSS, gli operatori socio-sanitari. È uno strumento indispensabile per tutelare chi lavora come libero professionista, ma anche come dipendente e collaboratore. La RC infermiere protegge l’assicurato dalle eventuali richieste economiche derivanti da un errore o da una negligenza messa in atto durante il proprio lavoro. Vediamo cos’è, a chi si rivolge e cosa copre.

RC professionale infermiere: cosa è e a chi si rivolge

La RC professionale per infermieri e OSS è obbligatoria dal 13 agosto 2014 (secondo le disposizioni del D.P.R. 137/2012) per tutti coloro che sono iscritti all’Albo professionale.

Il Decreto legge n. 130 dell’agosto 2011, convertito in legge 148/2011, ha infatti stabilito l’obbligo di stipulare una polizza assicurativa che copra la responsabilità civile relativa all’esercizio della propria professione per tutti i liberi professionisti iscritti a un Albo professionale. La polizza RC infermiere è quindi obbligatoria e volta a tutelare chiunque eserciti questa professione sanitaria da errori o negligenze sul lavoro.

La polizza RC professionale infermieri si rivolge a:

  • infermieri o OSS liberi professionisti, sia che lavorino in ospedali o ambulatori pubblici, sia presso strutture private (si parla di RC professionale infermieri per liberi professionisti)
  • infermieri o OSS dipendenti o collaboratori che lavorano in ospedali pubblici o strutture e ospedali privati.

RC professionale infermieri: cosa copre

L’assicurazione RC professionale infermiere cosa copre? Tutte le perdite economiche derivanti da una richiesta di risarcimento presentata in seguito a un errore sul lavoro e durante il periodo di validità della polizza stessa. L’infermiere o l’operatore socio-sanitario assicurato può ottenere perfino il rimborso delle spese dei provvedimenti di giudizio o per la difesa legale, entro i limiti imposti dal contratto di polizza.

Non solo. La polizza assicurativa infermieri e OSS tutela il lavoratore dipendente o libero professionista anche dalle eventuali rivalse avanzate dalla struttura pubblica o privata presso cui lavora. È, in sostanza, una copertura a tutto tondo, essenziale per professioni così delicate.

RC professionale infermieri: cosa non copre

La polizza professionale per infermieri e operatori socio-sanitari tutela gli assicurati solo nel periodo di validità della polizza. Allo scadere del contratto, quindi, non è più possibile usufruire della copertura assicurativa. Molte polizze, però, prevedono una retroattività. L’estensione alla retroattività è un elemento molto importante in una polizza RC professionale perché spesso, tra l’azione e l’eventuale richiesta di risarcimento, passano alcuni anni. Prima della stipula del contratto, consigliamo di fare attenzione alla retroattività.

La polizza professionale per infermieri e OSS non copre errori o negligenze professionali commesse da chi non è iscritto all’Albo professionale o da chi è non è autorizzato a lavorare come infermiere o OSS.

Altre azioni escluse dalla polizza sono la somministrazione di farmaci non a scopi terapeutici, violazioni del codice deontologico o del segreto professionale, azioni e omissioni dolose, mobbing.

Ogni compagnia assicurativa offre premi diversi per massimali, franchigia e opzioni diverse. Scopri quella più adatta per te, con pochi click! Otterrai online e senza impegno diverse quotazioni per scegliere la più conveniente.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE