Quanto costa il passaggio di proprietà

Quanto costa il passaggio di proprietà

Quando si effettua l’atto di compravendita di un veicolo usato è necessario completare il passaggio di proprietà. Si tratta di una pratica burocratica che consiste nella registrazione dell’atto di vendita al PRA (Pubblico Registro Automobilistico). I documenti necessari sono il certificato di proprietà, la carta di circolazione originale e una sua fotocopia, il documento di identità del venditore e dell’acquirente e il codice fiscale di quest’ultimo, e infine il modulo TT2219 obbligatorio per richiedere l’aggiornamento della carta di circolazione. Una volta reperite tutte queste carte, non resta che compiere l’ultimo e più importante passo: provvedere al pagamento.

Passaggio di proprietà: come si calcola

Per soddisfare questo step si può passare attraverso due strade. La prima è quella del passaggio proprietà auto essendo in regolare possesso del certificato di proprietà. In questo caso l’iter è molto semplice e le spese relativamente contenute. Se si gestisce da soli la pratica, si potrà completare il passaggio direttamente presso lo Sportello Telematico dell’Automobilista (STA). A concorrere a generare il costo passaggio di proprietà auto saranno infatti le seguenti voci.

  •         Dichiarazione unilaterale di vendita con firma autenticata del venditore e marca da bollo da 16,52 euro
  •         Bolli per cambio intestatario del certificato di proprietà: 32 euro
  •         Commissione per la Motorizzazione civile: 9 euro
  •         Commissione ACI: 20,92 euro
  •         Imposta provinciale di trascrizione (IPT)

Se, invece, se decide di affidarsi a un’agenzia di pratiche auto, al totale di cui sopra (intorno ai 230 euro per auto fino a 53KW) andranno aggiunti almeno 100 euro.

IPT: calcolo ed esenzioni

La variabile è pertanto la potenza del veicolo oggetto del trasferimento. Il passaggio di proprietà dipenderà dai kilowatt e dai cavalli. L’IPT è infatti una tassa provinciale il cui calcolo viene effettuato in base alla potenza del motore espressa in KW. Fino a 53 l’importo fisso è di 150,81 euro. Superata quella soglia, per ogni KW si devono aggiungere 3,51 euro. Sono esentati dal suo pagamento motocicli, particolari categorie di disabili, associazioni di volontariato. Agevolazioni sono invece concesse ai possessori di veicoli di interesse storico (ovvero immatricolati da più di 20 anni) iscritti all’ASI.

Qualora non si sia in possesso del certificato di passaggio di proprietà, sarà necessario rivolgersi all’ufficio provinciale ACI-Pubblico registro automobilistico (PRA) per la registrazione del passaggio e alla Motorizzazione Civile per l’aggiornamento della Carta di circolazione.

Una volta completate le pratiche, ricorda che prima di metterti al volante devi sottoscrivere l’assicurazione auto. Obbligatoria per legge, rappresenta il primo strumento di sicurezza del tuo mezzo. Se vuoi risparmiare puoi affidarti a Quale.it. Sul nostro sito potrai comparare le migliori offerte presenti sul mercato e scegliere quella più incline alle tue esigenze. Ma solo dopo aver generato un preventivo che resterà valido, gratuitamente, per i successivi 60 giorni.

 

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione casa eventi atmosferici: come funziona? È utile?

Assicurazione casa eventi atmosferici: come funziona? È utile? L’assicurazione casa è una delle protezioni più importanti della nostra vita. Tra le varie opzioni, ce n’è una spesso snobbata da chi vuole acquistare una polizza per la propria abitazione. La polizza casa eventi atmosferici è invece un’importante aggiunta alla propria tutela domestica. Scopriamo insieme da cosa

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento danni assicurazione casa: qual è l’iter da seguire

Risarcimento danni assicurazione casa: qual è l’iter da seguire Hai stipulato un’assicurazione casa per il tuo immobile di proprietà o per l’appartamento che abiti ed è in affitto? Hai subìto un danno e vuoi richiedere il giusto risarcimento? Scopri qual è l’iter da seguire per chiedere il risarcimento danni assicurazione casa. Comunica subito con la

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione appartamento: come funziona?

Il tuo appartamento è il posto accogliente dove torni dopo una lunga giornata di lavoro, dove i tuoi figli crescono, imparano, giocano, dove riposi, ti senti protetto. È fondamentale, quindi, volerlo assicurare per essere certi che sia sempre al sicuro, e voi al suo interno. Come funziona l’assicurazione appartamento? Scopriamolo insieme. Assicurazione casa: cosa è? L’assicurazione

CONTINUA A LEGGERE

Rendita vitalizia: cos’è? Come funziona?

La rendita vitalizia può essere un modo per rimpinguare la pensione. Molti italiani, già da anni, scelgono la rendita vitalizia come forma di pensione complementare. È un modo infatti per mettere da parte del denaro, farlo fruttare e ottenerlo indietro allo scadere del contratto. Come funziona? Rendita vitalizia: cos’è Per rendita si intende un contratto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE

Auto rubata e ritrovata: l’assicurazione paga lo stesso?

Auto rubata e ritrovata: l’assicurazione paga lo stesso? Un numero in calo ma sempre consistente. In Italia sono state 103.030 le automobili rubate nel 2017. I ritrovamenti (in calo dell’11,57% rispetto all’anno precedente) sono stati in tutto 49.801. Se ne ricava che più di una vettura ogni due non torna in possesso del legittimo proprietario.

CONTINUA A LEGGERE