Quali sono le patenti per moto, scooter e ciclomotori

Essere adolescenti al giorno d’oggi equivale a essere cresciuti inseguendo il mito di Valentino Rossi e la leggenda di Marco Simoncelli. Se il Dottore di Tavullia ha attraversato i sogni di generazioni e generazioni di novelli centauri, è altrettanto innegabile che la diffusione delle due ruote motorizzate nel Belpaese abbia una genesi precedente alle sue imprese. Non tutti sanno, però, che dal 19 gennaio 2013 è cambiata la legge in materia di patenti.

Addio al vecchio patentino: ecco la patente AM

Da allora non viene più rilasciato il “patentino” per i ciclomotori. Per mettersi in sella a un veicolo di cilindrata massima di 50cc occorre disporre della patente AM. La si può ottenere a partire da 14 anni presso un’autoscuola o la Motorizzazione Civile, permette di guidare ciclomotori a 2 o 3 ruote (o quadricicli con massa a vuoto inferiore a 350kg, le cosiddette “microcar”) e con velocità massima di 45km/h e potenza inferiore a 4kw.

Consente di trasportare un passeggero solo una volta compiuti i 16 anni, età in cui avrà validità anche all’estero. Il suo conseguimento è subordinato al superamento di un esame pratico per il quale è propedeutico l’esito positivo di uno teorico che garantisce il rilascio del foglio rosa della validità di sei mesi.

Patenti per ogni cilindrata

A questo punto è opportuno ricordare che per ottenere qualunque patente (di tipo A o B) è indispensabile l’assenza di alterazioni anatomiche invalidanti. Inoltre la vista non può essere inferiore a 10/10 complessivi con almeno 2/10 per l’occhio che vede di meno. L’udito deve consentire di percepire, da ciascun orecchio, una voce ad almeno due metri di distanza. Ribadito ciò, e che la “B” conseguita prima del 1986 dà diritto a guidare qualsiasi mezzo a due ruote (chi l’ha ottenuta successivamente può guidare mezzi fino a 125cc soltanto entro i confini nazionali), ecco l’upgrade delle patenti per le due ruote.

  •  Patente A1. Si può conseguire a partire dai 16 anni e permette di guidare motoveicoli fino a una cilindrata di 125cc e di trasportare un passeggero. Si ottiene previo superamento di un esame teorico (quiz) e pratico. Quest’ultimo si effettua con un veicolo di cilindrata compresa tra 120 e 125cc e cambio manuale. Se si sostiene l’esame con uno scooter o moto senza marce, la patente sarà limita alla sola guida di motocicli con cambio automatico.
  •  Patente A2. Si può conseguire solo al raggiungimento della maggiore età. Consente di condurre moto e scooter fino a 35kW. Richiede il superamento di un esame teorico e pratico, ma il primo non è necessario se si è già in possesso della patente A1 o B. La pratica si sostiene con una moto di almeno 400cc e, come per la A1, non sarà possibile guidare una moto a marce se in sede di esame si sceglie di guidare con il cambio automatico.
  •  Patente A3 (o libera). Si può conseguire a partire dal ventesimo anno di età e solo se si è già in possesso della A2 da almeno due anni. Altrimenti bisognerà aspettare i 24 anni. L’esame teorico è obbligatorio se non si è in possesso della A1, A2 o B, altrimenti si passa direttamente alla pratica che verrà eseguita con una moto della cilindrata di almeno 600cc. Il suo ottenimento dà diritto a guidare moto senza alcun limite di cilindrata.

Completa il corredo della sicurezza con la migliore assicurazione moto

Una volta ottenuta la patente, ricorda di assicurare la tua moto scegliendo tra le migliori polizze presenti sul mercato. Potrai risparmiare scegliendo di installare la scatola nera o, se si tratta della tua prima assicurazione moto, beneficiando degli sconti previsti dalla Legge Bersani.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Il casco in bicicletta è obbligatorio?

Quando si va in bici è obbligatorio indossare il casco? Chi, almeno una volta nella vita, non si è posto questa domanda. Dal ciclista dell’ultima ora all’automobilista indispettito dai rallentamenti della domenica, il dubbio è lecito. L’argomento è stato spesso dibattuto e sarebbe dovuto essere oggetto di riforma nel Nuovo Codice della Strada. Ad oggi,

CONTINUA A LEGGERE

Cellulare alla guida: aumento delle sanzioni nel 2019

Utilizzare il cellulare alla guida è una cattiva abitudine che riguarda buona parte degli automobilisti. Tra le novità previste dalla riforma del Codice della Strada c’è anche quella che riguarda l’inasprimento delle sanzioni connesse guida con cellulare. L’obiettivo è quello di agire come deterrente contro una prassi pericolosa per sé stessi e per gli altri. Secondo

CONTINUA A LEGGERE

Sospensione assicurazione moto: come fare, come riattivare

Sospendere l’assicurazione Rc obbligatoria è una soluzione interessante per risparmiare. Ideale per chi utilizza un veicolo soltanto in alcuni periodi dell’anno, garantisce un risparmio sul premio annuo. Di fatto questo è spalmato su un arco temporale più lungo. Quali sono i vantaggi principali e gli svantaggi di una polizza sospendibile? Blocco assicurazione moto: cos’è? La

CONTINUA A LEGGERE

Caduta in bici: le 5 cose da fare subito

A chi non è successo almeno una volta nella vita? Una caduta in bici non si nega proprio a nessuno. Che si sia pedalatore improvvisati o campioni del Giro d’Italia, finire a terra quando si pedala è una possibilità da tenere in considerazione. Basta una buca, un restringimento stradale o una frenata improvvisa per rovinare

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Auto senza assicurazione: quali sono le sanzioni?

Guidare un’auto senza assicurazione è un reato punito in più modi. Mettersi alla guida di un veicolo non assicurato costituisce un rischio per sé stessi e per gli altri. Nonostante ciò i casi di automobilisti fermati alla guida senza assicurazione sono in continuo aumento. A questo spiacevole fenomeno si lega direttamente quello delle fughe a

CONTINUA A LEGGERE

Modello 730/2019: l’assicurazione auto è detraibile?

È possibile procedere alla detrazione assicurazione auto sul modello 730/2019? Quando si effettua la dichiarazione dei redditi, ci si trova a fare i conti con spese detraibili e spese deducibili. Tra le prime rientrano anche quelle assicurative. Non tutte sono però detraibili dal 730 o dal Modello redditi persone fisiche. L’assicurazione auto è detraibile? Quando

CONTINUA A LEGGERE

Decurtazione punti patente: eccesso di velocità

Dal 2003 gli automobilisti italiani si trovano alle prese con la patente a punti. Questo meccanismo premia i guidatori virtuosi permettendo loro di guadagnare due punti ogni biennio, fino a un massimo di 30 totali. La base di partenza è di 20 punti e ovviamente si rischia la perdita punti patente quando si commettono infrazioni

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze economiche con cane: due mete spettacolari per spendere poco

Vacanze economiche con cane al seguito? Sembra un sogno, un’utopia? Invece può essere realtà! Tutti noi padroni di cani sappiamo quanto sia complicato organizzare un’estate in serenità, senza lasciare Fido a casa. È parte della famiglia e vogliamo portarlo con noi: ma come viaggiare con animali senza spendere una fortuna? Ecco due mete davvero spettacolari per

CONTINUA A LEGGERE