Quale casco per la moto scegliere

Un accessorio indispensabile e da scegliere con scrupolo. Fondamentale per la protezione dagli urti, il casco per la moto salvaguarda una delle parti più delicate del nostro corpo: la testa. Considerato un optional fino agli anni ’70, il suo utilizzo è diventato obbligatorio per le moto dal 1986 e per tutte le categorie, cilindrate e fasce d’età, dal 1999. Molteplici sono i modelli proposti dalle aziende costruttrici, ognuno dei quali presenta delle caratteristiche strutturali profondamente diverse dall’altro, ma analogamente importanti per la sicurezza dell’individuo.

I tipi di casco presenti sul mercato

Bandito nel 2012 il Cromwell (gergalmente noto come “scodella”), in quanto incapace di coprire sia la fronte che parte del cranio rivelandosi eccessivamente pericoloso, il modello integrale non è certo l’unico rimasto sul mercato. Ecco una rapida carrellata delle tipologie di casco per la moto di uso comune:

  • Casco integrale: protegge tutta la testa ed è dotato di mentoniera e visiera mobile. Sull’etichetta di omologazione riporta la lettera P.
  • Casco Jet: rispetto all’integrale è più leggero. Non presenta la parte anteriore della mentoniera e offre una minore protezione, in quanto parti come mascella e naso restano salvaguardate dalla sola visiera. Viene definito un casco “aperto” ed è contraddistinto dalla lettera J.
  • Casco Demi-Jet: di progettazione simile al Jet, rispetto a questi non dispone di una protezione per le guance e offre una difesa più corta nella zona della nuca. Anch’esso viene considerato “aperto”.
  • Casco multifunzione: particolarmente adatto alla personalizzazione, può essere trasformato in aperto o integrale a seconda delle esigenze.
  • Casco elettronico: di ultima generazione, dispone di sensori di sicurezza connessi tra motociclo e casco che impediscono la partenza qualora quest’ultimo non sia correttamente allacciato.
  • Casco modulare: simile all’integrale, prevede una mentoniera che può essere asportata o ribaltata per ragioni di comodità e per aumentare il campo visivo. Si suddivide in “Apribile”, qualora la mentoniera si possa alzare o ribaltare, e “Crossover”, nel caso in cui la mentoniera sia totalmente asportabile. La lettera che lo contrassegna varia in relazione al tipo: “J” se Jet o “P” se integrale.
  • Casco da fuoristrada: o da cross, ha una grandezza maggiore ed è imbottito con materiali più morbidi per favorire la comodità in previsione di un utilizzo prolungato. Salta all’occhio per una mentoniera decisamente più pronunciata e per una visiera, ribattezzata “aletta”, ideata per proteggere dalla luce del sole.

La sicurezza in moto come priorità assoluta

La ricerca della massima sicurezza in sella deve essere una priorità assoluta per ogni centauro. Accompagna la scelta del casco per la moto più adatto alle tue esigenze a quella di un’assicurazione moto che ti consenta di viaggiare in piena serenità.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Google+: perché cancellare il profilo?

Google+: perché cancellare il profilo? Perché cancellare il proprio profilo da Google+ e come farlo? Dal 2 aprile 2019 Google+ chiude i battenti. Dopo tanti anni in cui il social network di Google ha provato a dare filo da torcere a Facebook, ha finalmente perso la battaglia. Sai che molto probabilmente hai un profilo su

CONTINUA A LEGGERE

Incidenti E-bike: dati, sicurezza, prevenzione

Incidenti E-bike: dati, sicurezza, prevenzione L’obiettivo di rendere le strade sicure è ancora lontano dalla sua piena realizzazione. In Italia negli ultimi 17 anni la categoria più penalizzata nella riduzione del tasso di mortalità legata agli incidenti è quella dei ciclisti. Nel 2017 sono state 254 le vittime di sinistri stradali appartenenti alla categoria e

CONTINUA A LEGGERE

Auto a guida autonoma: come funziona per assicurazione e patente

Auto a guida autonoma: come funziona per assicurazione e patente L’introduzione della guida autonoma automobili rappresenta una svolta epocale nel settore. L’auto senza conducente corrisponde a una rivoluzione totale nel mondo della mobilità, ma non comporta un taglio definitivo col passato. Sbaglia, infatti, chi ritiene che il guidatore sia sollevato da ogni responsabilità. Per mettersi

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE

Fattura elettronica: cos’è e come funziona

Se hai un’attività, che sia un’azienda, un negozio o una semplice partita Iva, sarai già venuto a conoscenza di questa temibile fatturazione elettronica. Cos’è? Come funziona? Quanto costa? Chi può evitare di emetterla? Fattura elettronica: cosa è La fattura elettronica è stata introdotta con la Finanziaria del 2018 ed è diventata obbligatoria e operativa il

CONTINUA A LEGGERE

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro La loro diffusione ha conosciuto una sensibile impennata negli ultimi anni e ha innescato un dibattito acceso tra gli appassionati. Stiamo parlando dei freni a disco bici, sempre più utilizzati anche tra gli utilizzatori di telai da strada e non soltanto appannaggio dei bikers. Questione di

CONTINUA A LEGGERE

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo Per i ciclisti che non hanno la fortuna di vivere in posti caldi o quelli particolarmente intolleranti alle temperature rigide, l’inverno è un periodo particolarmente complicato per mantenere rapporti cordiali con la propria due ruote. A maggior ragioni i mesi freddi sono quelli in più è

CONTINUA A LEGGERE