Punture d’insetto in vacanza: cosa fare?

Punture d’insetto in vacanza: cosa fare?

Api, vespe, calabroni, bombi: chi non ha paura della puntura di questi insetti, alzi la mano! Cosa dobbiamo fare se siamo punti mentre ci troviamo in vacanza? E come possiamo riconoscere questi insetti ed evitarli?

Api, vespe, calabroni: non sono tutti uguali!

Come prima cosa, sono necessarie delle distinzioni. Api, vespe e calabroni sono tutti parte di una stessa famiglia di insetti, gli imenotteri. Però hanno comportamenti diversi. Per esempio le api e i bombi (che sembrano delle api molto grosse) non sono particolarmente aggressivi e pungono solo se costretti. Sono attratti dai fiori e, se non sono minacciati, è difficile che pungano. Vespe (più lunghe delle api, e con il corpo diviso in due) e calabroni (che sono delle vespe molto grosse e aggressive) sono invece più pericolosi, anche perché vengono attratti più che dai fiori, da sostanze zuccherine, carne e perfino birra.

Vespe e calabroni: come proteggersi se si pranza all’aperto

Attenzione quindi a picnic e barbecue: mai lasciare cibo e alcol in vista, perché potrebbe attrarre questi insetti. Qualora capitasse, allontanatevi senza fare movimenti bruschi.

In commercio sono facilmente reperibili diversi oggetti che fungono come dissuasori per vespe: sono contenitori di plastica piuttosto economici che fanno entrare l’insetto, attratto dalla mistura di acqua e zucchero, ma non lo fanno uscire.

Punture d’insetto: il danno è fatto, come rimediare?

Cosa fare però quando ormai la puntura è stata fatta? Anche con le dovute accortezze, purtroppo, può capitare – specie in estate – di essere punti da una vespa.

Non tratteremo del caso più grave: l’allergia alla puntura di imenottero può essere, in rari casi, fatale. Se si è allergici, bisogna sempre avere con sé il necessario per l’emergenza. In caso contrario occorre correre al più presto a un pronto soccorso per farsi somministrare eventuali cortisoni o, nei casi più gravi, l’adrenalina.

Per le eventualità più comuni, invece, la puntura di vespa è solo un brutto ricordo doloroso, il cui fastidio può essere attenuato grazie a qualche accortezza. Recarsi al pronto soccorso sarebbe esagerato: è sufficiente rivolgersi alla più vicina guardia medica, che specie nei luoghi di villeggiatura è sempre presente, e farsi applicare una pomata cortisonica. Il medico vi farà le domande di rito per sapere se siete già stati punti (e accertare quindi eventuali allergie), vi misurerà la pressione e il battito cardiaco. Sarà il dottore, dopo aver constatato il vostro stato di salute, a decidere la terapia più adatta e a darvi sollievo dal dolore. Attenzione anche ai bambini: se per loro è la prima puntura, è sempre meglio farsi visitare quanto prima da un dottore, proprio per scongiurare eventuali reazioni allergiche!

Attenzione ai costi imprevisti

Occhio, però, se viaggiate fuori regione o fuori dall’Italia. Anche i costi per un piccolo intervento medico potrebbero non essere bassi. È per questo che conviene sempre stipulare un’assicurazione viaggio che vi tuteli al 100%. Ottenere un preventivo è molto semplice: basta scegliere il tipo di viaggio in programma… e il gioco è fatto!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione appartamento: come funziona?

Il tuo appartamento è il posto accogliente dove torni dopo una lunga giornata di lavoro, dove i tuoi figli crescono, imparano, giocano, dove riposi, ti senti protetto. È fondamentale, quindi, volerlo assicurare per essere certi che sia sempre al sicuro, e voi al suo interno. Come funziona l’assicurazione appartamento? Scopriamolo insieme. Assicurazione casa: cosa è? L’assicurazione

CONTINUA A LEGGERE

Rendita vitalizia: cos’è? Come funziona?

La rendita vitalizia può essere un modo per rimpinguare la pensione. Molti italiani, già da anni, scelgono la rendita vitalizia come forma di pensione complementare. È un modo infatti per mettere da parte del denaro, farlo fruttare e ottenerlo indietro allo scadere del contratto. Come funziona? Rendita vitalizia: cos’è Per rendita si intende un contratto

CONTINUA A LEGGERE

Danno patrimoniale assicurazione: cosa significa?

Danno patrimoniale assicurazione: cosa significa? Spesso, nell’ambito assicurativo, sia che si tratti di assicurazione auto, moto o casa, si parla di “danno patrimoniale” assicurazione. Cosa significa? Vediamolo nel dettaglio. Danno patrimoniale nel Codice Civile Il danno patrimoniale, secondo il Codice Civile, è una lesione che va a intaccare il patrimonio di un individuo, individuabile tramite

CONTINUA A LEGGERE

Cos’è la quietanza assicurativa, o quietanza di premio?

Cos’è la quietanza assicurativa, o quietanza di premio? Cos’è la quietanza di pagamento? E cosa significa, in ambito assicurativo? Si deve conservare? Vediamo insieme nel dettaglio. Quietanza assicurativa: cosa è La quietanza è la ricevuta del pagamento del premio e viene rilasciata dalla compagnia assicurativa al contraente (o all’assicurato). Per quietanza, in generale, si intende

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE

Auto rubata e ritrovata: l’assicurazione paga lo stesso?

Auto rubata e ritrovata: l’assicurazione paga lo stesso? Un numero in calo ma sempre consistente. In Italia sono state 103.030 le automobili rubate nel 2017. I ritrovamenti (in calo dell’11,57% rispetto all’anno precedente) sono stati in tutto 49.801. Se ne ricava che più di una vettura ogni due non torna in possesso del legittimo proprietario.

CONTINUA A LEGGERE