Punture d’insetto in vacanza: cosa fare?

Punture d’insetto in vacanza: cosa fare?

Api, vespe, calabroni, bombi: chi non ha paura della puntura di questi insetti, alzi la mano! Cosa dobbiamo fare se siamo punti mentre ci troviamo in vacanza? E come possiamo riconoscere questi insetti ed evitarli?

Api, vespe, calabroni: non sono tutti uguali!

Come prima cosa, sono necessarie delle distinzioni. Api, vespe e calabroni sono tutti parte di una stessa famiglia di insetti, gli imenotteri. Però hanno comportamenti diversi. Per esempio le api e i bombi (che sembrano delle api molto grosse) non sono particolarmente aggressivi e pungono solo se costretti. Sono attratti dai fiori e, se non sono minacciati, è difficile che pungano. Vespe (più lunghe delle api, e con il corpo diviso in due) e calabroni (che sono delle vespe molto grosse e aggressive) sono invece più pericolosi, anche perché vengono attratti più che dai fiori, da sostanze zuccherine, carne e perfino birra.

Vespe e calabroni: come proteggersi se si pranza all’aperto

Attenzione quindi a picnic e barbecue: mai lasciare cibo e alcol in vista, perché potrebbe attrarre questi insetti. Qualora capitasse, allontanatevi senza fare movimenti bruschi.

In commercio sono facilmente reperibili diversi oggetti che fungono come dissuasori per vespe: sono contenitori di plastica piuttosto economici che fanno entrare l’insetto, attratto dalla mistura di acqua e zucchero, ma non lo fanno uscire.

Punture d’insetto: il danno è fatto, come rimediare?

Cosa fare però quando ormai la puntura è stata fatta? Anche con le dovute accortezze, purtroppo, può capitare – specie in estate – di essere punti da una vespa.

Non tratteremo del caso più grave: l’allergia alla puntura di imenottero può essere, in rari casi, fatale. Se si è allergici, bisogna sempre avere con sé il necessario per l’emergenza. In caso contrario occorre correre al più presto a un pronto soccorso per farsi somministrare eventuali cortisoni o, nei casi più gravi, l’adrenalina.

Per le eventualità più comuni, invece, la puntura di vespa è solo un brutto ricordo doloroso, il cui fastidio può essere attenuato grazie a qualche accortezza. Recarsi al pronto soccorso sarebbe esagerato: è sufficiente rivolgersi alla più vicina guardia medica, che specie nei luoghi di villeggiatura è sempre presente, e farsi applicare una pomata cortisonica. Il medico vi farà le domande di rito per sapere se siete già stati punti (e accertare quindi eventuali allergie), vi misurerà la pressione e il battito cardiaco. Sarà il dottore, dopo aver constatato il vostro stato di salute, a decidere la terapia più adatta e a darvi sollievo dal dolore. Attenzione anche ai bambini: se per loro è la prima puntura, è sempre meglio farsi visitare quanto prima da un dottore, proprio per scongiurare eventuali reazioni allergiche!

Attenzione ai costi imprevisti

Occhio, però, se viaggiate fuori regione o fuori dall’Italia. Anche i costi per un piccolo intervento medico potrebbero non essere bassi. È per questo che conviene sempre stipulare un’assicurazione viaggio che vi tuteli al 100%. Ottenere un preventivo è molto semplice: basta scegliere il tipo di viaggio in programma… e il gioco è fatto!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Carta di circolazione moto: cos’è, come leggerla

“Favorisca patente e libretto”. Quante volte ci è capitato di imbatterci in una frase del genere? Se siete stati guidatori fortunati l’avrete ascoltata magari soltanto in tv, ma se circolate su strada da tanto è inevitabile non essere stati almeno una volta i destinatari della richiesta. I documenti richiesti dalle Forze dell’Ordine nei controlli di

CONTINUA A LEGGERE

Auto per disabili: agevolazioni acquisto, assicurazione e bollo

In Italia ci sono oltre 4,5 milioni di disabili. 160.000 sono invece le patenti B speciali attive, ovvero quelle riservate alle persone affette da handicap e che permettono di guidare auto per disabili. Lo Stato e le singole regioni prevedono diversi aiuti per il loro acquisto. Scopriamo insieme di quali si tratta e come accedervi.

CONTINUA A LEGGERE

Incidente in famiglia: si viene risarciti dall’assicurazione?

Restare coinvolti in un incidente stradale. Una paura recondita per la maggior parte degli automobilisti, una spiacevole circostanza capitata a molti. Una volta valutate le condizioni fisiche e del veicolo e accertate le responsabilità, facendo affidamento sull’assicurazione responsabilità civile obbligatoria per legge, giunge il momento di ricevere l’indennizzo. A questo punto sarà la compagnia assicuratrice

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche

CONTINUA A LEGGERE

Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

La rivalsa è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il

CONTINUA A LEGGERE

Come proteggere gli animali dai botti

Come proteggere gli animali dai botti I botti, i petardi e i fuochi d’artificio sono frequentissimi durante le feste, specialmente a Capodanno, dove purtroppo fanno danni anche tra le persone. Ogni anno seguiamo il bollettino in tv: ragazzi che perdono dita o perfino interi arti, per il divertimento di una sera. Quello a cui pochi

CONTINUA A LEGGERE

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE