Proroga bollo auto Coronavirus: dov’è ancora attiva?

Il bollo auto e moto è stato oggetto di proroghe legate all’emergenza sanitaria da Covid-19. Le misure per il contenimento della situazione, introdotte dal DL 18/2020 convertito nella Legge 27/2020 hanno riguardato anche le scadenze auto. Tra di loro anche quella relativa alla tassa automobilistica. Da qualche tempo, però, le cose sono tornate alla normalità, anche se non in maniera uniforme in tutta Italia. Scopriamo dov’è ancora valida la proroga pagamento bollo auto e quando è fissata la nuova deadline regione per regione.

Proroga pagamento bollo auto e Coronavirus

A partire dal 24 aprile 2020 si sono applicate le direttive contenute nel Decreto Cura Italia. Queste non hanno riguardato anche la proroga pagamento bollo auto che, come noto, è una tassa disciplinata dalle Regioni. Alcune di queste hanno deciso di rinviare la scadenza del versamento della tassa di proprietà. Nella maggior parte dei casi il periodo è stato compreso tra marzo e maggio 2020, con pagamento concesso entro fine giugno. Altre amministrazioni, come quelle abruzzese e marchigiana, hanno invece inizialmente fissato il limite massimo a fine luglio. Tuttavia la proroga bollo auto è ancora valide in alcune zone del Belpaese.

Proroga pagamento bollo auto: in quali Regioni è ancora attiva

Sono in tutto tre le Regioni italiane in cui è ancora attiva la proroga del pagamento del bollo auto. A queste si aggiunge la Provincia Autonoma di Trento. Ecco di quali si tratta nel dettaglio:

  • Campania: il bollo auto in scadenza tra il primo giugno 2020 il 31 agosto 2020 si può pagare entro il 30 settembre
  • Lombardia e Sicilia: la sospensione del bollo auto è prevista fino al 31 ottobre per scadenze comprese tra l’8 marzo e il 30 settembre 2020. Essendo il 31 ottobre sabato, il termine per pagare il bollo auto essendo in regola slitta al 2 novembre 2020
  • Provincia Autonoma di Trento: il bollo si può pagare entro il 30 novembre 2020

In queste Regioni non sono dunque previste sanzioni e interessi in caso di pagamento tardivo della tassa automobilistica.

Proroga pagamento bollo auto: in quali Regioni è già scaduta

In tutte le altre Regioni d’Italia il tempo per regolarizzare i pagamenti è scaduto. La sospensione è stata fino al 31 luglio in Abruzzo, Calabria, Liguria, Marche e Valle d’Aosta, fino al 15 luglio in Piemonte e fino al 30 giugno in Friuli Venezia Giulia, nel Lazio, in Toscana, in Veneto e nella Provincia Autonoma di Bolzano.

Bollo auto: sanzioni

Qualora non si provvede al pagamento del bollo, si riceve un avviso di mancato pagamento. Se questo viene ignorato, la Regione si affida a un ente di recupero dei crediti che provvede a notificare una cartella esattoriale con sanzioni e interessi. Ricevuta questa, il proprietario del veicolo sprovvisto di bollo in regola ha 60 giorni di tempo per regolarizzare la sua posizione. Se non lo fa, è previsto il fermo amministrativo del mezzo. Il veicolo non può più circolare né essere rottamato o radiato al PRA, ma può essere venduto con trasferimento del debito al nuovo proprietario. La radiazione del veicolo è disposta soltanto dall’ACI dopo tre anni di mancato pagamento.

Il pagamento del bollo auto è solo uno degli obblighi di ogni automobilista. Il primo è quello di sottoscrivere una regolare assicurazione RC Auto. Se la tua sta per scadere o devi attivare la prima, sfrutta il nostro comparatore per risparmiare. Genera un preventivo gratuito tra le proposte delle migliori compagnie online e scegli entro i successivi 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Incidente con revisione scaduta: cosa si rischia con l’assicurazione

Circolare con la revisione scaduta è un azzardo che può costare molto caro. Dimenticanza per molti, preoccupante abitudine per altri, questa condotta vale per tutti la stessa sanzione. Con revisione scaduta cosa succede? Ma soprattutto, cosa accade se si incappa in un incidente senza aver sostenuto il controllo periodico? Revisione auto scaduta: art.80 Codice della

CONTINUA A LEGGERE

Come ottenere il risarcimento RC Auto in caso di incendio colposo

In caso di incendio colposo che coinvolge un veicolo, si ha diritto ad essere risarciti? Trovare la propria auto danneggiata da uno scoppio o dalle fiamme è un evento non troppo raro. Sebbene l’assicurazione RCA sia obbligatoria, è risaputo che le polizze standard non coprono fattispecie del genere. Cosa bisogna fare, dunque, per richiedere l’indennizzo?

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE