Prestito a fondo perduto: cos’è e come richiederlo

Avere un sogno nel cassetto e non disporre del capitale per realizzarlo. La crisi economica che ha segnato l’ultimo decennio ha messo sempre più individui nelle condizioni di non poter rispettare le scadenze o avviare un’attività propria. Concedere un finanziamento in mancanza di garanzie è un rischio che gli istituti creditizi non corrono. Se si ha però bisogno di liquidità per mettersi in moto o per rialzarsi, il prestito a fondo perduto rappresenta un’ottima ancora di salvezza. Cosa sono e chi può richiedere i finanziamenti fondo perduto?

Cos’è il finanziamento a fondo perduto

Il prestito a fondo perduto è una forma di finanziamento che non prevede obblighi di restituzione. Questa formula è stata creata a supporto di nuove attività imprenditoriali o di imprese già esistenti e che hanno necessità di migliorare o consolidare la propria attività. Inoltre i finanziamenti a fondo perduto sono destinati a categorie che non hanno facilità ad accedere ai canali tradizionali. È il caso, ad esempio, di giovani che intendono avviare un’attività imprenditoriale, disoccupati o inoccupati, cassaintegrati e imprenditori di aree particolarmente disagiate. I prestiti a fondo perduto prevedono l’erogazione di un contributo in conto capitale, che non è sottoposto alla restituzione né della somma né degli interessi maturati sulla somma concessa. Per beneficiare di un contributo a fondo perduto si deve partecipare a un bando di finanziamento e presentare un adeguato business plan.

Come richiedere un prestito a fondo perduto

Il prestito a fondo perduto è dunque una forma di credito agevolata ottenibile senza l’obbligo della restituzione della cifra incassata. Stabilite le condizioni d’accesso al contributo a fondo perduto, vediamo chi può ambire a riceverlo. Gli enti che erogano questo tipo di servizio sono molteplici e i finanziamenti sono messi a disposizione grazie a fondi europei, statali o regionali. L’importo non è mai fisso e dipende dai singoli bandi di assegnazione, i quali, di volta in volta, stabiliscono la cifra a disposizione e quella eventualmente da restituire. Trattandosi spesso di somme che vengono concesse per avviare attività, nella maggior parte dei casi non è richiesta la restituzione di denaro e proprio per questo si parla di prestiti a fondo perduto. I finanziamenti a fondo perduto vengono in genere predisposti per:

  • Giovani che intendono avviare attività imprenditoriali
  • Creazione di start up
  • Avvio di imprese femminili
  • Attività imprenditoriali da avviare in zone disagiate e non competitive sul mercato

La richiesta di un prestito a fondo perduto passa dunque attraverso i requisiti fissati da ogni singolo bando. Per tale motivo è sempre utile tenersi aggiornati sulle opportunità del genere. Se invece si è alla ricerca di un prestito tradizionale, basta affidarsi a noi. Inserisci i tuoi dati nel nostro comparatore e visualizza le proposte di prestito online con tassi esclusivi effettuate da finanziarie e istituti di credito. Una volta individuato quello su misura per te, riceverai in appena 24 ore il parere di fattibilità da parte della finanziaria.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE