Prestito a fondo perduto: cos’è e come richiederlo

Avere un sogno nel cassetto e non disporre del capitale per realizzarlo. La crisi economica che ha segnato l’ultimo decennio ha messo sempre più individui nelle condizioni di non poter rispettare le scadenze o avviare un’attività propria. Concedere un finanziamento in mancanza di garanzie è un rischio che gli istituti creditizi non corrono. Se si ha però bisogno di liquidità per mettersi in moto o per rialzarsi, il prestito a fondo perduto rappresenta un’ottima ancora di salvezza. Cosa sono e chi può richiedere i finanziamenti fondo perduto?

Cos’è il finanziamento a fondo perduto

Il prestito a fondo perduto è una forma di finanziamento che non prevede obblighi di restituzione. Questa formula è stata creata a supporto di nuove attività imprenditoriali o di imprese già esistenti e che hanno necessità di migliorare o consolidare la propria attività. Inoltre i finanziamenti a fondo perduto sono destinati a categorie che non hanno facilità ad accedere ai canali tradizionali. È il caso, ad esempio, di giovani che intendono avviare un’attività imprenditoriale, disoccupati o inoccupati, cassaintegrati e imprenditori di aree particolarmente disagiate. I prestiti a fondo perduto prevedono l’erogazione di un contributo in conto capitale, che non è sottoposto alla restituzione né della somma né degli interessi maturati sulla somma concessa. Per beneficiare di un contributo a fondo perduto si deve partecipare a un bando di finanziamento e presentare un adeguato business plan.

Come richiedere un prestito a fondo perduto

Il prestito a fondo perduto è dunque una forma di credito agevolata ottenibile senza l’obbligo della restituzione della cifra incassata. Stabilite le condizioni d’accesso al contributo a fondo perduto, vediamo chi può ambire a riceverlo. Gli enti che erogano questo tipo di servizio sono molteplici e i finanziamenti sono messi a disposizione grazie a fondi europei, statali o regionali. L’importo non è mai fisso e dipende dai singoli bandi di assegnazione, i quali, di volta in volta, stabiliscono la cifra a disposizione e quella eventualmente da restituire. Trattandosi spesso di somme che vengono concesse per avviare attività, nella maggior parte dei casi non è richiesta la restituzione di denaro e proprio per questo si parla di prestiti a fondo perduto. I finanziamenti a fondo perduto vengono in genere predisposti per:

  • Giovani che intendono avviare attività imprenditoriali
  • Creazione di start up
  • Avvio di imprese femminili
  • Attività imprenditoriali da avviare in zone disagiate e non competitive sul mercato

La richiesta di un prestito a fondo perduto passa dunque attraverso i requisiti fissati da ogni singolo bando. Per tale motivo è sempre utile tenersi aggiornati sulle opportunità del genere. Se invece si è alla ricerca di un prestito tradizionale, basta affidarsi a noi. Inserisci i tuoi dati nel nostro comparatore e visualizza le proposte di prestito online con tassi esclusivi effettuate da finanziarie e istituti di credito. Una volta individuato quello su misura per te, riceverai in appena 24 ore il parere di fattibilità da parte della finanziaria.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE