Prestiti personali: 5 cose da sapere prima di richiederli

I prestiti personali sono finanziamenti che consentono di ottenere denaro per qualunque necessità di acquisto. Vengono erogati da banche o finanziarie e la somma che si riceve a seguito di una richiesta prestito va restituita tramite rate mensili in un arco di tempo prestabilito. A differenza di mutuo o leasing, il prestito personale non è finalizzato. Quali sono le informazioni da conoscere per trovare il miglior prestito?

1.     Chi può richiedere un prestito personale

Il prestito personale può essere richiesto da dipendenti pubblici, statali e privati, pensionati e lavoratori autonomi che abbiano un’età compresa tra i 18 e i 75 anni. Quest’ultima è la data termine del finanziamento. Ogni ente stabilisce le proprie regole in materia di concessione, ma a grandi linee non ci si discosta né per le categorie né per i limiti di età.

2.     Quali documenti bisogna presentare

Per ottenere i prestiti personali è sufficiente presentare:

  • Carta d’identità in corso di validità
  • Codice fiscale o tessera sanitaria
  • Ultima busta paga ricevuta
  • Modello Unico o Certificazione Unica (730)
  • Ultimo cedolino della pensione, se si è pensionati

3.     In quali casi il prestito personale può venire rifiutato

Anche in questo caso ogni ente fa storia a sé. In generale la richiesta di prestito personale può venire bocciata se sussistono dubbi sulla capacità del richiedente di restituire la somma ricevuta. Questo non è però l’unica motivazione. Sono a rischio di risposta negativa anche coloro i quali hanno già un elevato numeri di finanziamenti accesi, oppure gli iscritti al registro pubblico dei protestati o che presentano rate scadute. Non va dimenticato, infine, che anche un’eccessiva incidenza delle rate sul reddito percepito può costare una “bocciatura”.

4.     Cosa sono TAN e TAEG

Quando si effettuano richieste di preventivo prestito è inevitabile imbattersi in queste due sigle. Cosa stanno a significare? Si tratta degli indici di costo del finanziamento, che insieme permettono di sviluppare il valore delle rate da rimborsare. Il TAN è il Tasso Annuale Nominale e rappresenta quello che viene applicato annualmente sul capitale finanziato. Il TAEG è invece il Tasso Annuo Effettivo Globale d’Interesse ed è l’indicatore, in percentuale, del costo globale del prestito. Quest’ultimo comprende le spese applicate ai fini di apertura e gestione del finanziamento.

5.     Cosa succede in caso di mancato pagamento di una o più rate

Se una volta ricevuto il prestito non si riesce a pagare una o più rate, il finanziamento viene interrotto? In caso di mancato o ritardato pagamento, l’ente che ha erogato il finanziamento deve effettuare la segnalazione di “cattivo pagatore” nelle banche dati. Sempre l’ente erogatore può richiedere il rimborso delle spese sostenute per solleciti (postali o telefonici), interventi domiciliari o, in caso di situazione perdurante, legali.

Se sei alla ricerca del migliore prestito personale, visita il nostro sito. Visualizza le proposte di prestito con tassi esclusivi effettuate da finanziarie e istituti di credito e simula il tuo prestito. Una volta scelto quello migliore per te, riceverai entro 24 ore il parere di fattibilità da parte della finanziaria.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE