Polizze caso vita e caso morte: cosa coprono, differenze

Polizze caso vita e caso morte sono le due tipologie più diffuse di assicurazioni sulla vita. Quando ci si chiede come funziona l’assicurazione sulla vita, è impossibile non imbattersi in queste due modalità. Ma cos’è e cosa copre una polizza caso vita?  In cosa si differenzia da una polizza caso morte? Vediamo caratteristiche e differenze.

Assicurazione caso vita: cos’è e come funziona

Le polizze caso vita sono un tipo di assicurazione pensate per chi punta ad avere una rendita (o capitale) nel caso in cui sia l’assicurato sia ancora in vita allo scadere del contratto. Si tratta a tutti gli effetti di un investimento su sé stessi. La rendita finale può essere considerata alla stregua di una pensione integrativa. Con il capitale incassato si può pensare di mantenere un tenore di vita adeguato in età avanzata.

A chi si rivolge

L’assicurazione vita caso vita garantisce un benessere economico quando si raggiunge l’età per la pensione. Per questo motivo il target ideale di questa polizza risultano essere i giovani con busta paga, i single, ma anche le famiglie. Le polizze caso vita fanno dunque al caso di chi è ancora in giovane età e può così accumulare, negli anni, una rendita considerevole.

Assicurazione caso morte: cos’è e come funziona

La polizza vita caso morte è invece progettata per chi ha a cuore il futuro dei propri cari. Questa formula è la più gettonata e si suddivide in assicurazione vita caso morte temporanea e caso morte a vita intera. Il funzionamento è semplice. Per quanto riguarda la prima, al verificarsi della morte dell’assicurato, se la polizza è ancora attiva, viene versato un capitale ai familiari della vittima. L’assicurazione caso morte a vita intera, invece, prevede il versamento del capitale soltanto dopo la morte dell’assicurato, indipendentemente da quando avverrà.

A chi si rivolge

La polizza caso morte si rivolge soprattutto alle famiglie su cui grava un mutuo o un prestito. Chi la sottoscrive permette così ai familiari, in caso di morte, di poter sostenere le spese per coprire la parte restante del finanziamento. L’assicurazione vita caso morte è consigliata anche ai genitori single che hanno figli a carico o alle famiglie monoreddito. In questo caso l’assicurato dovrà necessariamente essere colui che produce la fonte di reddito.

Polizze caso vita e caso morte: quale scegliere?

Ora che abbiamo visto le assicurazioni vita come funzionano, è il momento di fare la scelta. Le polizze caso vita si presentano alla stregua di una pensione integrativa e permettono di accumulare una rendita che potrà essere utilizzata in età avanzata. Al contrario le polizze caso morte sono fondamentali se si vuole preservare il futuro dei propri cari.

Sai già a quale assicurazione vita affidarti? Se vuoi finalizzare la tua decisione o chiarirti meglio le idee, visita il nostro sito. Compila il nostro form gratuito, scegli capitale e durata della polizza che intendi stipulare e richiedi subito un preventivo.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE