Polizza vita: 3 consigli per scegliere

Valutare l’acquisto di una polizza vita può generare tanta confusione. Ma una scelta simile ha bisogno di molta chiarezza. Scoprire come funziona l’assicurazione vita è fondamentale per decidere con criterio la soluzione più adatta. Vediamo come funziona una polizza sulla vita e i nostri 3 consigli per scegliere quella migliore.

Polizza vita: come funziona?

Prima di iniziare, bisogna avere chiaro come funziona la polizza vita. Questo tipo di assicurazione, infatti, tutela la famiglia dell’assicurato (ma anche l’assicurato stesso, per alcune polizze) da eventi come infortunio, invalidità e perfino morte. Esistono tre tipi di polizza vita:

La polizze vita perfette non esistono, perché nella definizione del premio assicurativo concorrono tante variabili, come per esempio l’età e lo stato di salute. Non solo: anche lo stato di famiglia e l’assetto lavorativo possono determinare una scelta diversa.

Se vivi da solo, scegli la polizza caso vita

La polizza caso vita è spesso considerata al pari di una rendita vitalizia o di una pensione. Perché? In cosa consiste? L’assicurato, pagato il suo premio per la durata del contratto, alla scadenza dello stesso, riceve un capitale o una rendita. Nel caso in cui l’assicurato dovesse morire prima della fine del contratto, invece, i suoi familiari non ricevono nulla. L’unico beneficiario è, infatti, l’assicurato stesso. È per questo che la polizza caso vita è l’ideale per chi vive da solo o se in famiglia entrano più stipendi.

Se sei il capofamiglia, valuta la polizza caso morte

La polizza caso morte consiste nel pagamento di un premio. Alla scadenza del contratto, la compagnia assicurativa non è tenuta a saldare alcun capitale. Ma se, durante il contratto, l’assicurato dovesse morire, i beneficiari ricevono una somma. È il contratto assicurativo più diffuso ed è quello ideale per il capofamiglia o, in generale, per chi sostiene in maniera assoluta o predominante gli altri familiari.

Polizza mista: la scelta per chi vuole investire nella sicurezza

La polizza mista, per concludere, è la più completa. Include sia il caso morte che il caso vita, ed è per questo che, anche se più cara, garantisce la totale serenità agli assicurati. Chi sceglie di adottare la polizza vita mista si tutela sia dalla morte prematura del contraente sia da infortuni, invalidità e malattie. Ma perché conviene assicurarsi? Ovviamente non c’è una risposta universale. Ognuno di noi ha una responsabilità differente nei confronti dei propri cari e sottoscrivere una assicurazione sulla vita rappresenta un ottimo modo per onorarla. Quello che ci accomuna, infatti, è la volontà di vivere serenamente, assicurandoci benessere e tranquillità e tutelandoci dagli imprevisti della vita. Accedendo al nostro sito si potranno avere tutti i ragguagli su ogni singola polizza vita. Con pochi click si potranno scegliere durata e capitale o richiedere un preventivo gratuito generato confrontando le migliori offerte online assicurazione vita.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione donazione casa: cos’è e come funziona

La donazione immobiliare è una delle soluzioni più adottate dagli italiani per trasferire la proprietà di case e altri beni immobiliari quando ancora in vita ai propri eredi. La donazione permette di risparmiare su molti oneri fiscali, al momento della successione ereditaria, ma soprattutto permette di aggiungere delle clausole per i beneficiari. Perché quindi acquistare

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE