Polizza vita: 3 consigli per scegliere

Valutare l’acquisto di una polizza vita può generare tanta confusione. Ma una scelta simile ha bisogno di molta chiarezza. Scoprire come funziona l’assicurazione vita è fondamentale per decidere con criterio la soluzione più adatta. Vediamo come funziona una polizza sulla vita e i nostri 3 consigli per scegliere quella migliore.

Polizza vita: come funziona?

Prima di iniziare, bisogna avere chiaro come funziona la polizza vita. Questo tipo di assicurazione, infatti, tutela la famiglia dell’assicurato (ma anche l’assicurato stesso, per alcune polizze) da eventi come infortunio, invalidità e perfino morte. Esistono tre tipi di polizza vita:

La polizze vita perfette non esistono, perché nella definizione del premio assicurativo concorrono tante variabili, come per esempio l’età e lo stato di salute. Non solo: anche lo stato di famiglia e l’assetto lavorativo possono determinare una scelta diversa.

Se vivi da solo, scegli la polizza caso vita

La polizza caso vita è spesso considerata al pari di una rendita vitalizia o di una pensione. Perché? In cosa consiste? L’assicurato, pagato il suo premio per la durata del contratto, alla scadenza dello stesso, riceve un capitale o una rendita. Nel caso in cui l’assicurato dovesse morire prima della fine del contratto, invece, i suoi familiari non ricevono nulla. L’unico beneficiario è, infatti, l’assicurato stesso. È per questo che la polizza caso vita è l’ideale per chi vive da solo o se in famiglia entrano più stipendi.

Se sei il capofamiglia, valuta la polizza caso morte

La polizza caso morte consiste nel pagamento di un premio. Alla scadenza del contratto, la compagnia assicurativa non è tenuta a saldare alcun capitale. Ma se, durante il contratto, l’assicurato dovesse morire, i beneficiari ricevono una somma. È il contratto assicurativo più diffuso ed è quello ideale per il capofamiglia o, in generale, per chi sostiene in maniera assoluta o predominante gli altri familiari.

Polizza mista: la scelta per chi vuole investire nella sicurezza

La polizza mista, per concludere, è la più completa. Include sia il caso morte che il caso vita, ed è per questo che, anche se più cara, garantisce la totale serenità agli assicurati. Chi sceglie di adottare la polizza vita mista si tutela sia dalla morte prematura del contraente sia da infortuni, invalidità e malattie. Ma perché conviene assicurarsi? Ovviamente non c’è una risposta universale. Ognuno di noi ha una responsabilità differente nei confronti dei propri cari e sottoscrivere una assicurazione sulla vita rappresenta un ottimo modo per onorarla. Quello che ci accomuna, infatti, è la volontà di vivere serenamente, assicurandoci benessere e tranquillità e tutelandoci dagli imprevisti della vita. Accedendo al nostro sito si potranno avere tutti i ragguagli su ogni singola polizza vita. Con pochi click si potranno scegliere durata e capitale o richiedere un preventivo gratuito generato confrontando le migliori offerte online assicurazione vita.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE